Home / Cripto e Bitcoin di nuovo in verde | L’Asia spezza l’incantesimo

Candele verdi Bitcoin

Cripto e Bitcoin di nuovo in verde | L’Asia spezza l’incantesimo

Torna il verde sui mercati e dopo nove candele settimanali in rosso potremmo finalmente chiudere questa spirale ribassista. O forse no, o comunque potrebbero aspettarci dei momenti ancora di grande tensione sui mercati.

In un mercato globale letteralmente in subbuglio è bene spendere qualche parola su quanto potrebbe effettivamente avvenire in termini di evoluzione del mercato cripto. Un mercato che, lo ricordiamo ai nostri lettori, avrà bisogno di ben altro per tornare a correre. La ripresa che è partita nel weekend e che si è consolidata durante la sessione asiatica però potrebbe essere un vero invito al buon umore.

Buon umore che possiamo cavalcare con eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratis con il top degli strumenti per il TRADING – intermediario che ci garantisce accesso a tutto il meglio del mercato che ha incluso a listino, con strumenti avanzati anche per il trading automatico.

Abbiamo infatti a disposizione strumenti quali il CopyTrader, che ci permette di copiare i migliori trader presenti sulla piattaforma oppure di spiare ogni loro mossa. Abbiamo anche strumenti quali gli Smart Portfolios, che ci consentono di investire in panieri cripto già distribuiti. Con 50$ possiamo poi passare al conto reale in qualunque momento vorremo e senza limitazione alcuna, né di tempo né di denaro.

Mercati asiatici guidano la ripresa: il peggio è davvero passato?

Dopo diverse settimane di magra per tutto il comparto, basta davvero poco al mondo cripto e Bitcoin per riconquistare un po’ di entusiasmo. Il weekend era stato già piuttosto interessante e aveva invertito il suo classico trend ribassista nella giornata di domenica. L’apertura della sessione asiatica poi ha aiutato i mercati a continuare a crescere, con prezzi che nel momento in cui scriviamo sembrerebbero essersi stabilizzati.

USA europa bitcoin cripto futuro
L’Asia spinge, ma dovranno arrivare buone risposte anche dagli USA

La situazione rimane comunque molto complessa e sarà necessario fare affidamento su diversi input per capire cosa sta accadendo e in che fase del mercato ci troviamo effettivamente, eliminando così alla radice il rischio di entrare nel momento sbagliato.

  • Le manovre cinesi hanno reso i mercati spumeggianti

Manovre espansive che varranno circa un terzo del PIL di Pechino e che ovviamente hanno eccitato i mercati. Qualcosa in controtendenza rispetto alla necessità di chiudere che invece si è manifestata prepotente a Washington e a Francoforte. Sono tanti denari, stampati ex novo, che sosterranno una sorta di rally dei mercati ancora per un po’. Se è vero che si tratta di una buona notizia in termini di rialzi, è altrettanto vero che se non solleticherà anche l’economia reale, tale rally potrebbe essere di dimensioni piuttosto contenute.

A comandare sarà ancora la sessione USA

Che si apre nel pomeriggio e che potrebbe segnalare in modo molto più chiaro e netto quali sono gli eventuali indirizzi che il mercato è pronto a prendere. La situazione, almeno negli USA, sembrerebbe essere però radicalmente diversa da quella cinese, con diversi nodi dell’economia che dovrebbero ancora arrivare al pettine.

Si parla sempre più insistentemente di recessione e di incapacità del sistema, complici anche manovre compressive da parte di Fed, di invertire un trend che ormai ci si trascina da qualche settimana.

Il tutto condito dei soliti rimbalzi, dei recuperi e di quanto dovrebbe essere ormai più che dovuto, dato che per l’appunto il mercato cripto e anche quello azionario hanno pagato un prezzo altissimo, forse ingiustificato anche per asset tipicamente di rischio come le cripto.

Giugno il mese della svolta?

Un vecchio adagio diceva sell in May and go away, ovvero vendi in maggio e vai via. Quest’anno però potrebbe essere smentito, anche grazie alle tante occasioni che si stanno configurando sul mercato.

Molte delle cripto più gettonate si trovano infatti a prezzo di sconto – e sebbene qualcuna di queste non riuscirà a riemergere e a tornare sui livelli di prezzo di un tempo – sono in molti a cogliere questo tipo di occasioni anche per il lungo periodo. Magari investendo tramite acquisto diretto, con Coinbasequi per aprire un conto gratuito – o con altro tipo di exchange cripto.

Di scelte ghiotte ce ne sono tante e la mini-ripresa innescata dalle borse asiatiche spingerà più di qualcuno a rivalutare l’eventuale iato al quale si era sottoposto.

I rischi continuano ad essere alti, così come le opportunità

I mercati finanziari sono tutti dominati dalla stessa legge: quando i rischi si fanno più elevati allora compaiono le occasioni più interessanti. Questo è vero anche nel mondo cripto e Bitcoin.

Quindi, pur esercitando tutte le dovute cautele, possiamo iniziare a guardarci intorno magari alla ricerca di qualche posizione da ampliare o comunque di qualche interessante occasione. Sempre per chi ama il rischio: chi cerca tempi più tranquilli dovrà forse passare la mano ed attendere un ripristino di trend più chiari.

I mercati hanno finalmente scontato tutto?

Dipende dai punti di vista. Sono diversi gli analisti che credono che ormai i mercati abbiano prezzato qualunque tipo di sciagura, dalla guerra in Ucraina fino allo shock energetico e anche i rialzi di tassi attesi da parte di Fed e più avanti anche da parte di BCE.

Sarà vero? Se così fosse, saremmo davanti al bottom tanto per il mondo delle cripto quanto probabilmente per quello azionario. Questo a patto che non venga fuori, da questa specifica situazione, una recessione di lungo periodo. Noi rimarremo a verificare, analizzare e commentare quella che è una situazione economica sì ancora indecisa, ma potenzialmente rialzista.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *