Home / Colpaccio di Ripple contro SEC | I documenti di Hinman saranno parte del processo

Ripple Goal

Colpaccio di Ripple contro SEC | I documenti di Hinman saranno parte del processo

Buone nuove dal processo che vede coinvolti Ripple e i suoi Labs contro SEC, processo ormai partito più di 1 anno fa e che continua ad avere effetti importanti sulle possibilità di espansione, anche commerciale, di $XRP e delle sue tecnologie.

Un processo nel quale però Ripple continua ad essere in importante vantaggio, e con una decisione importante di ieri che ha aumentato il divario tra i due contendenti. Una buona notizia per Ripple, per gli investitori e a nostro avviso anche per il comparto nella sua totalità.

Possiamo investire su $XRP, tenendo sempre conto dei rischi e delle particolarità, con eToroVai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP degli strumenti FINTECH – intermediario che offre a listino la possibilità di operare su 75+ cripto-asset e di andare anche a fare Trading Automatico con funzionalità esclusive.

Il CopyTrader è il fiore all’occhiello di questo intermediario, un sistema che ci permette di copiare con un solo click i migliori trader che utilizzano questa piattaforma e anche di spiare come stanno operando. Chi invece vuole fare per conto proprio è disponibile il WebTrader accessibile direttamente via browser, che permette di operare su tutti gli asset presenti con gli strumenti top per l’analisi tecnica. Con 50$ di versamento minimo possiamo passare al conto reale.

Ripple porta a casa una vittoria importante nel processo contro SEC

Era uno dei punti principali di discussione in tribunale, ovvero la possibilità per SEC di bloccare i documenti che riguardano il vecchio direttore dell’agenzia William Hinman, utilizzando uno stratagemma legale. In parole povere SEC non vuole che la documentazione interna che riguarda Hinman sia resa pubblica, puntando sulla copertura di tali documenti da parte del segreto professionale al quale sono tenuti gli avvocati.

segreti di SEC
Cosa vuole tenere segreto SEC?

Mozione però che è stata negata dal giudice Sarah Netburn, che ha fornito all’agenzia 14 giorni per sollevare un appello. Cosa che probabilmente non sarà stata gradita dagli avvocati di SEC, che ora si troveranno costretti ad organizzare una difesa che fa già acqua da tutte le parti.

Cosa che riguarda tra le altre cose uno dei temi principali di questo processo, ovvero il supposto trattamento di favore che è stato riservato ad Ethereum proprio dalla stessa agency. Una questione della quale nessuno sembra voglia parlare pubblicamente, ma che potrebbe essere davvero il punto di svolta per una causa legale che ora fa paura a SEC più di quanto ne faccia all’intero comparto.

Un processo definitorio, date anche le nuove battaglie di SEC

SEC è riuscita a guadagnare una non invidiabile posizione all’interno di questo processo. L’unica opzione che sembrerebbe essere ancora percorribile per l’agency è quella di allungare il processo per quanto possibile, cercando di forzare Ripple ad un accordo.

Con un altro rischio importante e non esiziale: scavando nella documentazione di SEC potrebbero venir fuori trattamenti di favore legati a posizioni finanziarie personali della dirigenza. Proprio quello che sta avvenendo ora per Hinman: cosa che oltre a compromettere l’esito del processo per la agency, può anche innescare processi personali per i soggetti coinvolti.

Non una bella posizione nella quale trovarsi. Con la speranza che la prossima volta, prima di muovere guerra senza criterio, SEC ci pensi non due, ma almeno tre volte.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *