Home / Betty Boop arriva in NFT! | Ecco la collezione da 8.888 pezzi

BEtty BOOP NFT

Betty Boop arriva in NFT! | Ecco la collezione da 8.888 pezzi

Betty Boop si veste di Non Fungible Token ed entra nel metaverso. La collezione Boop & Frens punta a riunire i fan del mitico personaggio in un unico spazio virtuale, dove poter acquistare uno dei 8.888 NFT a tema.

L’operazione avrà una portata culturale importante: il metaverso aperto sarà anche punto di incontro e discussione intorno a temi quali inclusività e accettazione sociale portati alla ribalta dal personaggio negli ormai lontani anni ’30.

Un altro colpo portato a casa dal mondo NFT pescando a piene mani dalla cultura pop. Altro segnale importante dell’evoluzione del settore, sul quale possiamo investire anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale sempre gratis con il TOP degli strumenti per fare trading – intermediario che ci permette di operare su 75+ asset cripto, molti dei quali legati proprio ai più importanti network del mondo NFT.

Possiamo inoltre sfruttare questo intermediario per fare trading automatico con il CopyTrader, che ci permette di copiare i trader che sono i più bravi sulla piattaforma. E abbiamo anche la possibilità di operare su panieri dedicati al metaverse con gli Smart Portfolios. Con 50$ possiamo passare poi al conto reale di trading.

Anche Betty Boop diventa un NFT

Betty Boop fa il suo esordio sugli schermi il 9 agosto del 1930, sotto forma di barboncina nel cartone animato Dizzy Dishes. Due anni più tardi in Bamboo Isle appare così come oggi la conosciamo: sembianze umane e carattere sovversivo per un personaggio ispirato a Helen Kane, al secolo Helen Clare Schroeder, ballerina e cantante famosa anche per il classicone I Wanna Be Loved by You.

Capitalizzazione Franchise Betty Boop
Ancora capitalizzazione di “vecchi” franchise

L’irriverente Betty non tardò a suscitare l’indignazione dell’ala conservatrice statunitense, che con un colpo di spugna targato Production Code la mise al bando perché moralmente inaccettabile. Da succinta eroina dell’indipendenza femminile, la nostra si trasforma così in mansueta casalinga nel 1934, per poi sparire di scena cinque anni più tardi.

Una carriera breve ma intensa, con il personaggio che in brevissimo tempo diventò antesignano portavoce di temi molto discussi al giorno d’oggi. Per celebrare l’uscita del primo cortometraggio, Fleischer Studios, Inc ha deciso di dare nuova vita a Betty Boop con una collezione NFT a lei dedicata.

La data scelta per il drop non è affatto casuale, con i 8.888 collezionabili che verranno svelati il prossimo 9 agosto. La community Boop & Frens potrà utilizzare i Non Fungible Token per personalizzare il carattere con vestiti disegnati da MYAMI Studio, brand che sul metaverso si occupa di alta moda digitale.

I fan potranno anche partecipare a iniziative collaterali quali eventi e concerti in quello che sarà un metaverse aperto, nelle intenzioni di Global Icons, LLC e XLABEL, i partner coinvolti nell’operazione da Fleischer Studios, Inc, azienda che quasi cent’anni fa diede vita al personaggio.

Siamo eccitati all’idea di vedere Betty entrare nel metaverse, spazio ideale per creare una comunità e tecnologia imprescindibile delle future evoluzioni del web stesso.

Grande entusiasmo da parte di Mark Fleischer, presidente dell’omonima casa nonché nipote di Max Fleischer, padre artistico di Betty Boop. L’idea di creare un metaverso aperto servirà anche per tramandare i valori di un personaggio nato per portare avanti la lotta verso l’eguaglianza di genere in un Paese allora culturalmente arretrato.

Una collezione iconica

Betty Boop è stata sin dai suoi esordi icona di gentilezza, indipendenza ma soprattutto di accettazione sociale in un involucro decisamente sexy. Ha pagato caro lo scotto di essere in netto anticipo sui tempi, che oggi invece sembrano maturi per veicolare messaggi così delicati a una platea internazionale.

Platea che ancora una volta si ritroverà a trattare temi attuali in uno spazio sicuro e protetto, ma soprattutto in grado di dar voce a chi, per identità o genere, viene tutt’ora rilegato ai margini della società.

Il pubblico di Betty Boop potrà discutere di questo e altro, vestire l’eroina con abiti personalizzati, e assistere a iniziative collaterali e concerti a tema. Grazie a quel metaverso sul quale sempre più artisti decidono di riversare buona parte della loro produzione artistica.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

7 commenti

  1. la mamma di Antonio

    Il ragionamento fila alla perfezione. Come giustamente hai detto lo puoi applicare alle crypto, alle relazioni personali, a tutti gli investimenti (azioni banche ecc), alle persone (che possono morire da un giorno all’altro).
    Ci sono dunque due possibilità di vita: non sposarsi, non fare figli, non fidanzarsi, non comprare nulla e non avere amici, consapevoli che un giorno tutto questo potrebbe non esserci più… oppure vivere la propria vita, sposare la persona che si crede quella giusta, fare gli investimenti che si credono giusti. Poi certo, magari non andrà così. Ma sarebbe stato meglio non vivere?

    C’è da dire che comunque non tutte le mogli (e i mariti) tradiscono, non tutte le persone care muoiono (prima di noi), non tutti gli investimenti vanno a zero.

    Ciao

    • Buongiorno signora, sono felice di risentirla, ho pensato a quello che mi ha detto ieri e chiedo scusa anche lei.
      D’altronde so che sembra impossibile ma a volte sbaglio anch’io. 😉🙂

  2. la mamma di Antonio

    È molto peggio di così. Rendono quelli vecchi più lenti rilasciando aggiornamenti apposta e fanno durare la batteria sempre di meno. Si chiama obsolescenza programmata, e iniziò anni fa con le lampadine (c’è un video fatto molto bene su YouTube, cerca “obsolescenza programmata lampadine”)

  3. la mamma di antonio

    antonio il tuo nichilismo non ti porterà da nessuna parte: continuerai a vivere solo, perchè avrai paura di esser tradito, dalle persone così come dalle cose. Il pessimista appare furbo (se non giochi mai non puoi perdere mai, vero?), ma chi combina qualcosa nella vita è chi costruisce, non chi smonta.
    Io comprendo il tuo malessere interiore, capisco che la vita ti abbia preso più di quello che ti ha dato, capisco la tua solitudine, il tuo male di vivere, il sentirti un reietto in ogni posto dove vai…

    …. però hai anche rotto i coglioni a scrivere 230 post in CAPS contenenti ovvietà che dimostrano solo una cosa, quanto poco ne sai di crypto, che tu reputi perle di vita ma a una persona adulta sembrano solo delle grandi banalità – i biscotti della fortuna in confronto sono dei giganti

    non stupirti se poi vieni bannato – cosa che mi auguro avvenga presto, ma per sempre questa volta 🙂

  4. la mamma di antonio

    see, magari

  5. Stiamo girando tutto al reparto avvocati. Continua pure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *