Home / Vitalik Buterin contro il fork di Ethereum | “Cercano soldi facili”

Fork Ethereum Buterin

Vitalik Buterin contro il fork di Ethereum | “Cercano soldi facili”

La querelle sul potenziale Fork di Ethereum continua a tenere banco, scomodando ieri Justin Sun e oggi niente di meno che il leader di Ethereum, al secolo Vitalik Buterin. Un Buterin che negli ultimi giorni è apparso piuttosto nervoso (passerà alla storia la sua polemica con Michael Saylor) e che questa volta se la prende con chi sta organizzando e supportando suddetto fork.

Ci sarà confusione sui mercati, dice il leader di Ethereum, accusando al tempo stesso questi attori di voler innescare confusione sul mercato che non farà bene a nessuno, se non alle proprie tasche. Una questione che comunque si sta facendo spinosa e che dovremo continuare a seguire per le prossime settimane, quelle che ci separano appunto dal passaggio di Ethereum al Proof of Stake.

Chi vuole iniziare a prendere posizione su questo storico passaggio può farlo anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con 100.000$ di capitale di prova – intermediario che ci offre la possibilità di investire su un totale di 75+ criptovalute già presenti a listino.

Abbiamo accesso anche al CopyTrader per fare trading automatico e copiare i migliori che sono presenti sulla piattaforma. Possiamo anche utilizzare questo servizio per spiare come si stanno muovendo. Chi invece preferisce muoversi all’interno del mercato da solo, ha a disposizione il WebTrader, sistema che ci permette di investire con analisi tecnica e gestione degli ordini complessa. Con 50$ possiamo passare al conto reale.

Vitalik Buterin: “Chi vuole fare il fork a caccia di soldi facili”

Dato che la questione si sta ingrandendo, come abbiamo raccontato ieri su Criptovaluta.it, anche Vitalik Buterin sembrerebbe aver sentito il bisogno di intervenire sulla questione. E lo ha fatto dalla Corea del Sud, lanciando bordate perfettamente in linea con quanto ha già fatto negli scorsi giorni, in particolare nella nota vicenda degli insulti a Michael Saylor.

Le persone che vogliono fare il fork sono fuori dalla community. […] Sono sicuro che ci saranno problemi… se vogliono fare un fork starà a loro mitigarli.

Aggiungendo poi che chi sta spingendo per il fork o lo sta supportando in realtà è, almeno secondo la sua opinione, a caccia di denaro facile. Una posizione dura ma comprensibile, in particolare dopo che a schierarsi pro-fork è stato addirittura Justin Sun, personaggio già particolarmente inviso almeno ad una parte della community, che si è detto pronto a donare i suoi ETHW, ovvero gli ethereum post fork PoW, proprio al network per permettere lo sviluppo di progetti.

Justin Sun Buterin - analisi
Scendono in campo “i pezzi da 90”

Una questione che si fa spinosa, ma non troppo

La questione è sicuramente spinosa, ma andrebbe al tempo stesso fortemente ridimensionata, perché il network principale di Ethereum potrebbe trovarsi al massimo a perdere qualche progetto e poco più, senza che ci siano effettivamente delle ripercussioni decisive sulla tenuta del progetto.

Sta di fatto che data la portata dei personaggi coinvolti, sentiremo sicuramente parlarne anche in futuro, con le discussioni che dovrebbero concentrarsi mentre ci avviciniamo alla data del 19 settembre, che dovrebbe essere quella x per il passaggio di Ethereum a Proof of Stake. Staremo a vedere se i “ribelli”, che come ha fatto notare Vitalik Buterin sono effettivamente esterni alla community, riusciranno a dare seguito alle proprie fantasie.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Posso più che capire il “papà” di ethereum… alla festa di compleanno del figlio si stanno imbucando anche altri bambini a caso, con il preciso intento di far casino 🙂
    Del resto ormai hanno tutti capito che stanno per prendersi una sonora mazzata sui denti (se il merge va bene sarà sempre più problematico per le altre chain competere con eth) e provano il classico table-flip per mandare tutto all’aria… atteggiamento tipico di chi ha le spalle al muro (ed è un poveretto, lasciatemelo aggiungere, perché non tutti si comportano così).

    Se davvero un fork ci sarà tutti i nostri ether saranno sdoppiati, quindi ne avremo esattamente il doppio di ora: quello vero in PoS è quello “sfigato” dei bastian contrari sulla chain forata rimasta in PoW, ho capito bene? Portino avanti tutti i progetti che vogliono questi sabotatori, glielo vendo io molto volentieri il mio ether PoW (coi soldi ricompro tutto l’ether PoS che riesco). Soldi facili 😀

    Ah poi chissà cosa farà mai il resto della community… sarà una gara a chi vende prima, tempo una decina di minuti e l’ether PoW non varrà più di una nocciolina XD

    Vai vai Justin convinci qualche VC a comprarsi il mio ether PoW ti prego, il tuo non venderlo, bravo, regalarlo che sennò acceleri la Madre di tutti i Dump della storia 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *