martedì , 27 Settembre 2022

Home / La lotta per Dogecoin continua | Jackson Palmer: rivelazioni shock su Elon Musk

JACKSON PALMER MUSK DOGECOIN

La lotta per Dogecoin continua | Jackson Palmer: rivelazioni shock su Elon Musk

Che Elon Musk sia una presenza importante e con la quale è difficile fare i conti non dovrebbe essere difficile da capire per nessuno. E non è neanche un mistero il fastidio con cui il co-creatore di Dogecoin abbia vissuto questa intromissione, forse indebita, con un certo fastidio dovrebbe essere altrettanto noto.

Ora Jackson Palmer torna a parlare di Elon Musk e del suo takeover, se così vogliamo chiamarlo, dello spazio pubblico di Dogecoin, aiutando un po’ a capire che aria tiri da quelle parti, dove in realtà Musk gioca un ruolo importante sia per la Fondazione, sia, a quanto pare, anche per lo sviluppo futuro del progetto.

Un buon segno di vivacità comunque per tutto il network, sul quale possiamo investire anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con i MIGLIORI STRUMENTI per fare trading online – intermediario che offre oltre che $DOGE nel complesso 78+ cripto asset già presenti a listino.

E abbiamo anche il CopyTrader per chi vuole investire copiando i più bravi e/o spiare nei loro portafogli, magari per prendere qualche spunto per il nostro portafoglio. E abbiamo anche gli Smart Contract per fare trading su panieri cripto in stile ETF. 50$ di investimento minimo e possiamo passare al conto reale offerto da questo intermediario.

Ancora maretta tra Jackson Palmer e Elon Musk per $DOGE

A Jackson Palmer non piacciono le speculazioni sul “suo” Dogecoin e questo gli ha creato, in particolare negli ultimi mesi, qualche attrito, tanto virtuale quanto reale, anche con Elon Musk, capo di Tesla e da qualche tempo il personaggio pubblico più conosciuto tra quelli che gravitano intorno al popolare memecoin.

Jackson Palmer attacca di nuovo Elon Musk
Ancora Jackson Palmer all’attacco di Elon Musk

Presenza sicuramente ingombrante, talvolta forse anche nocivo alla salute del progetto, al quale però almeno ad opinione di chi vi scrive, va riconosciuto anche un attivismo (economico e non) che ha permesso al progetto di essere dov’è oggi. Non per Jackson Palmer, che per chi lo avesse dimenticato è uno dei co-fondatori del progetto nato per scherzo e che oggi continua ad essere uno dei più capitalizzati di tutto il comparto.

Mi ha dato tutto parecchio fastidio perché si trattava di qualcosa al quale mio nome era legato. Non credo che le persone se ne rendano conto. […] Anche quando ho completamente cancellato, ha continuato a seguirmi [Dogecoin, NDR] come se si trattasse di cattivo odore.

Parole dure e che ci raccontano di un certo (comprensibile) disagio nel vivere associato ad un progetto che è diventato tutt’altro e che oggi appunto è più legato al mondo della speculazione (per quanto giocosa) ed Elon Musk che a quello di Jackson Palmer, che oggi è ingegnere da Adobe.

Uno sforzo per assorbire le community nel culto della sua personalità.

Questo il giudizio, durissimo, di Jackson Palmer nei confronti di Elon Musk. Giudizio che però non cambierà il fatto che Musk oggi, anche in termini organizzativi e finanziari, è un personaggio dal quale dipenderà buona parte del futuro di $DOGE.

Odio profondo o voglia di apparire?

Quella tra Palmer e Musk è una delle rivalità più longeve e più accanite dello spazio cripto. Dalle accuse di truffa, di Palmer, a quelle di Musk, che ha affermato pubblicamente che Jackson non ha mai scritto una riga di codice di quelle che animano il funzionamento di Dogecoin. Rivalità che cela un odio profondo o, più probabilmente, una certa voglia di apparire sfruttando anche la popolarità che lo spazio cripto può garantire.

Ma c’è anche altro, ovvero delle distanze politiche importanti tra i due personaggi, che Jackson Palmer non fa nulla per nascondere.

Fa questo riguardo diversi temi. Guardate a come molti degli elettori di destra e sostenitori della libertà di parola siano diventati tutti sostenitori di Elon Musk. Questo è vantaggioso per lui perché sta costruendo una sorta di esercito, pescando da community di spostati che sono estremamente attive e appassionate.

Segno che c’è altro che bolle in pentola in una guerra che ha comunque un pregio, quello di far tornare a parlare di $DOGE, meme coin che nonostante sia inviso a molti continua ad avere una capitalizzazione molto importante. Con buona pace dei rivali di Palmer, di Musk e di Dogecoin stesso.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. Manco il suo creatore ne vuol più sentir parlare ed è davanti a Polygon 😀

    Bau bau bauuuuuuu!!!!

  2. l’unico che puo’ creare del valore per doge e’ proprio Musk, ed e’ su quello che il mercato scommette. Palmer ha creato uno scherzo inutile ed e’invidioso perche’ piu’ nessuno associa il suo nome al progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *