Home / Cina: università a capofitto su crypto metaverse! | E per Bitcoin…

CINA PRO CRIPTO

Cina: università a capofitto su crypto metaverse! | E per Bitcoin…

L’università di Nanjing, in Cina, sta lanciando nuovi corsi accademici dedicati a metaverse e applicazioni ad esso collegate. Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione verrà addirittura ribattezzato in Dipartimento di Ingegneria del metaverse, a testimonianza di quanto l’istituto creda e punti nelle nuove tecnologie.

Il polo accademico ha inoltre annunciato strette collaborazioni con imprese di settore, meta lavorativa degli studenti impegnati nei nuovi corsi accademici. Sviluppo del metaverse, applicazioni mediche e ricerca in campo metereologico saranno i primi tre indirizzi con i quali l’università intende ampliare l’offerta formativa.

Segno che anche nei paesi economicamente emergenti, anche se spesso ostili al mondo cripto, c’è tanto che si muove. Tanto che si muove anche in relazione allo studio e alla creazione di profili professionali. E possiamo investire in questo movimento tramite eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP degli STRUMENTI anche AUTOMATICI – intermediario che ci permette di investire al top su 78+ cripto token scelti tutti tra i migliori del mercato anche con ottica di lungo periodo.

Sempre all’interno di questo intermediario troviamo il CopyTrader, sistema che ci permette di investire copiando tutti i trader che sono maggiormente performanti. E con il WebTrader possiamo passare anche all’analisi tecnica personale. Con 50$ di investimento minimo ci viene dato accesso al conto con denaro reale.

In Cina anche le università si muovono per il metaverse

Ormai non è più una novità, perlomeno per chi segue costantemente il mondo delle criptovalute non solo sul fronte speculativo. Il metaverse è passato in brevissimo tempo da una nuvola poco definita di possibili applicativi Web3 a vero e proprio laboratorio di ricerca on chain.

Un ecosistema ancora tutto da scoprire, che fa gola a molti per le sue ormai note potenzialità commerciali, e alla comunità scientifica per via del suo carattere innovativo, sotto un profilo strettamente tecnologico.

Cina a carattere Metaverse - analisi
Ancora atteggiamenti ambigui, ma stavolta in positivo, per la Cina

Seguendo un ordine cronologico l’ultimo istituto ad annunciare i suoi piani di sviluppo in questa direzione è l’Università di Scienze e Tecnologie dell’Informazione di Nanjing, in Cina, che attiverà dei corsi specifici su meteo, ricerca medica e sviluppo di nuove applicazioni su metaverse da spendere principalmente nel settore dell’istruzione.

Gli studenti più meritevoli collaboreranno con aziende che già sfruttano la blockchain in ambito sanitario, nel munifico settore del turismo e nell’istruzione. L’università inoltre attiverà una collaborazione con il Politecnico di Hong Kong per istituire borse di studio, dottorati e master.

Come anticipato in apertura l’università ribattezzerà il Dipartimento di ingegneria dell’informazione in Dipartimento di ingegneria del metaverso, diventando per quanto ne sappiamo il primo istituto accademico a includere il termine metaverse in Cina.

Nonostante i ripetuti ban…

Il gigante asiatico conferma così il suo interesse per Bitcoin, criptovalute e tecnologie connesse, dopo anni di atteggiamento controverso verso l’intero comparto, quando non apertamente ostile. Un cambio di rotta nato probabilmente dopo l’aver preso coscienza che a nulla servono ban e chiusure forzate, e che anzi il nemico, o presunto tale, ha in serbo tutta una serie di caratteristiche da poter sfruttare a proprio vantaggio.

E così, dopo i grotteschi tentativi di bloccare il mining da parte delle autorità centrali, assistiamo oggi a un Paese pronto a investire ingenti risorse, non solo economiche, per lo sviluppo di tecnologie e applicazioni legate al metaverse, con tanto di piano biennale annunciato da Pechino nemmeno un mese fa.

E ancora una volta, tra i primi soggetti a lanciarsi in tale tecnologia troviamo proprio le università. Il mondo della ricerca e quello delle criptovalute sono ormai legati a doppio filo: gli esempi ci arrivano dall’università di Hong Kong, che offre ai suoi studenti corsi on chain, ma anche dal Giappone, dove il prestigioso istituto Todai terrà corsi di studio in ingegneria nel metaverso.

Hong Kong e Tokyo non sono gli unici casi, con l’università della Pennsylvania che non sta a guardare, confermando l’interesse per il settore da parte dei Campus di tutto il mondo. Interesse che spesso sfocia in programmi di ricerca milionari, a ulteriore dimostrazione di quanto tale tecnologia sia appetibile non solo sotto un profilo meramente commerciale, ma anche come banco di prova per le tecnologie che caratterizzeranno il tessuto economico, sociale e politico di domani.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Non ci vedo molto di incoerente o qualche “ravvedimento”: stanno semplicemente spingendo su tutto il pattume della “blockchain che fa cose” come si dice in slang, il solito mantra della blockchain e non bitcoin, che in genere sfocia in programmi di ricerca milionari… buttati, come i vari esperimenti di IBM e compagnia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *