Home / Bitcoin: Rishi Sunak a Downing Street | È il primo Premier crypto?

Rishi Sunak - premier cripto

Bitcoin: Rishi Sunak a Downing Street | È il primo Premier crypto?

Mondo cripto e Bitcoin diviso per quanto riguarda l’arrivo a Downing Street, la residenza storica del Prime Minister britannico, di Rishi Sunak. Da un lato qualcuno ricorda aperture verso stablecoin e NFT (delle quali abbiamo già parlato in modo dettagliato anche su Criptovaluta.it). Dall’altro invece ci troviamo a dover fare i conti, ci sono i video, con uno dei più importanti sostenitori delle CBDC nel Regno Unito.

Due facce della stessa medaglia? Le considerazioni da fare sono in realtà diverse, sempre premettendo che anche se non viviamo nel Regno Unito, quanto deciso da quelle parti e a quelle latitudini può essere di impatto anche in Europa, data anche la rilevanza sul piano finanziario di quel paese.

Di aperture ce ne sono state e con ogni probabilità ce ne saranno, in particolare verso il mondo degli stablecoin. E potremo investire sui network che li supportano e li alimentano anche con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere il tuo conto di prova gratis con i migliori strumenti anche AUTOMATICI – un intermediario che offre esposizione su praticamente tutti i migliori network che ospitano stablecoin.

Sempre tramite eToro possiamo anche investire con il WebTrader, la piattaforma interna accessibile via browser con tutti i migliori strumenti di analisi tecnica. Chi volesse invece farsi guidare dagli altri avrà a disposizione quanto offerto dal CopyTrader, sistema di copia integrale dei più bravi. 50$ e possiamo passare al conto reale, denaro che poi avremo a disposizione direttamente per l’investimento.

Rishi Sunak: “friend or foe” delle cripto?

Rishi Sunak è diventato Primo Ministro del Regno Unito. È il più ricco di sempre, è il primo (ci fanno notare quelli attenti a queste vicende) di origini indiane e induista. A noi però che ci occupiamo del mondo delle criptovalute ci interessa poco. Come abbiamo fatto per il governo Meloni, quello che ci interessa è capire davvero quale potrebbe essere l’indirizzo del nuovo governo in relazione al mondo che seguiamo tutti i giorni su Criptovaluta.it.

Questione che fu già coperta a suo tempo su Criptovaluta.it. Ai tempi, parliamo in realtà di pochi mesi fa, Rishi Sunak era Cancelliere dello Scacchiere, in altre parola una sorta di omologo del nostro Ministro dell’Economia e delle Finanze e aveva proposto l’avvio di una serie di NFT che sarebbero stati emessi dalla Zecca della Corona. Di acqua sotto ai ponti del Tamigi ne è in realtà passata molta. Elisabetta II è morta lasciando il trono a Carlo III, personaggio forse con meno ascendente e con meno appeal anche per una collezione di NFT emessa da un’istituzione così importante.

Cambio di guardia - analisi Sunak
Si proseguirà con le iniziative inaugurate durante il premierato di Boris Johnson?

Ma non è ovviamente questo l’aspetto più importante dell’atteggiamento di Rishi Sunak nei confronti del mondo cripto. Lo stesso ex – cancelliere dello scacchiere aveva infatti fatto intendere la volontà di trasformare UK in una sorta di hub mondiale cripto, cosa per la quale sarebbe stata fondamentale l’apertura anche al mondo degli stablecoin.

  • Apertura agli stablecoin come metodo di pagamento

Anche per quanto riguarda gli stablecoin l’atteggiamento di Rishi Sunak si era dimostrato essere di piena apertura. Prima della caduta del governo di Boris Johnson sembrava si stesse lavorando alla possibilità di creare un framework normativo che avrebbe riconosciuto tali coin legati a valute fiat.

Un’apertura? Evidentemente sì, anche se il giudizio dovrà essere sospeso fino a quando non vedremo le modalità di applicazione di questa eventuale novità, ammesso che ci sia il tempo per vederla alla luce prima delle prossime elezioni nel Regno Unito.

La questione CBDC

A destare la massima preoccupazione nel mondo cripto è però un video messaggio di promozione delle CBDC all’interno del Regno Unito e per tramite della Bank of England, la banca centrale del paese.

Oggi sono orgoglioso di affermare che sotto la presidenza del Regno Unito, il gruppo delle sette più avanzate economie del mondo, il G7, sta lanciando principi di policy pubblica per le CBDC, le valute digitali delle banche centrali. Possono essere una versione digitale della moneta. Una sorta di banconota digitale che può essere usata insieme a contanti e monete. Al contrario della moneta digitale di oggi, sarebbe emessa direttamente da una banca centrale come la Bank of England. E i governi e le banche centrali di tutto il mondo stanno lavorando insieme per capire cosa significherà avere una valuta digitale significherà. Questo riguarda anche questioni che interessano le persone, come sicurezza, integrazione con altri sistemi di pagamento, che sia efficiente sul piano energetico e disponibile per tutti.

Un messaggio che dunque non è soltanto di sostegno, ma che ribadisce l’impegno fattivo per il loro studio e la loro introduzione, anche grazie all’azione diretta in seno al G7, azione che può avere effetti importanti di accelerazione per questo tipo di pratiche.

E qui, direbbero i nostri nonni, casca l’asino. A poco potrebbe valere un’apertura almeno verso il mondo degli stablecoin se questo dovesse effettivamente rivelarsi come un trampolino di lancio per rivoluzioni monetarie in senso restrittivo e di controllo sulla popolazione.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

3 commenti

  1. Buongiorno a tutto il gruppo. Sono sicuro che BTC non finirà di sorprenderci, nato come strumento di pagamento e ora trasformato anche come asset finanziario di alto livello secondo me ma secondo gli analisti di Bank of America, Bitcoin può fungere da bene rifugio sicuro durante una recessione e incoraggiare gli investitori con un offerta limitata. Un rallentamento economico globale sembra inevitabile visto l’aggravarsi dell’economia in Cina sommata ai problemi attuali. La correlazione di BTC con l’oro conferma che gli investitori iniziano a vederlo come una riserva di valore più sicura. All’inizio di ottobre la correlazione di BTC/oro ha raggiunto il livello più alto in un anno. Allo stesso tempo la correlazione con gli indici statunitensi si è progressivamente indebolita. Cathie Wood, gestore del fondo Ark Invest che attualmente detengo in portafoglio, ha comunicato di non aver venduto BTC fino ad oggi e ha descritto le azioni del Grayscale Bitcoin Trust come un’opportunità di investimento. L’ATR di Bitcoin ovvero la volatilità complessiva dei prezzi, che ha perso il 76% nel corso dell’anno, è oggi ai livelli visti l’ultima volta a novembre 2020 cioè prima del brusco ribalzo al rialzo e anche il prezzo di BTC è tornato ai livelli di novembre 2020. La correlazione con l’oro sembra sia comunque temporanea e che alla fine BTC dovrà affrontare una brusca mossa in entrambe le direzioni, confermandosi per ora ancora uno strumento a rischio prima di trovare una sua precisa identità in un suo preciso mercato. Continuo a ribadire che ci troviamo in un momento embrionale per tutto il comparto. Buona giornata

  2. Gianluca Grossi

    Assolutamente sì. Momento ancora embrionale e ne vedremo delle belle. Dell’amicizia dei governi mi fido un po’ meno.

  3. Buongiorno Gianluca d’accordissimo con te ma dobbiamo prendere atto che molti Governi sono del tutto dipendenti dalle lobby bancarie e per non arrivare ad una catastrofe finanziaria dovranno farci credere di aver trovato un accordo e rimettere in corsa il mercato. Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *