Home / Fondi e società su Bitcoin | Chi ha più BTC? I VERI numeri della…

BITCOIN CENTRALIZZATO

Fondi e società su Bitcoin | Chi ha più BTC? I VERI numeri della…

…. centralizzazione! Bitcoin non è più un affare soltanto di piccoli e privati cittadini che cercano, tramite $BTC, di governare i propri risparmi in modo autonomo. È anche e soprattutto, come vedremo dai numeri che riporteremo in questo approfondimento, questione di grandi fondi, di grandi società spesso anche quotate e, incredibile a dirsi anche di governi – e no, non ci riferiamo soltanto a quello di El Salvador.

In una giornata altrimenti decisamente problematica per Bitcoin e per il resto del comparto, potrà essere utile fare il punto della situazione, anche per cercare di avere un quadro il più possibile completo di chi si sta muovendo nello spazio, anche con grandi stash.

Chi vorrà seguire le mosse di società e di governi che potrebbero vederci lungo, troverà Bitcoin disponibile per aspetti meramente relativi all’investimento anche su eTorovai qui per ottenere un conto gratuito che ci permette di investire con STRUMENTI FINTECH – per un intermediario che ci permette di investire con strumenti molto avanzati e anche con il trading automatico.

Un intermediario che ci permette di operare copiando gli investitori più bravi, così come ci permette anche di operare con panieri cripto distribuiti, che includono Bitcoin e altri asset del comparto. Con 50$ di investimento minimo possiamo passare al conto reale.

Chi ha quanti Bitcoin: un mini-riassunto su quello che avviene ai piani alti

Che per molti sono gli unici piani che contano, ovvero quelli in grado di spostare quantità di denaro importante, quella quantità di spostamenti che può avere un impatto deciso sul prezzo di Bitcoin. I dati non sono sempre affidabili, fatta eccezione per quelli relativi alle società quotate, che devono riportare tali possedimenti alle autorità di controllo delle borse. Partiamo proprio da loro.

Bitcoin centralizzato - analisi
Ce ne sono tante, anzi tantissime!
  • Le società quotate che hanno più Bitcoin in cassa

Come è noto, la società che ha più Bitcoin in cassa è MicroStrategy, società guidata da uno dei massimalisti Bitcoin più importanti e conosciuti al mondo, ovvero Michael Saylor. La dotazione del gruppo è di 130.000. Segue ad enorme distanza Marathon Digital, seguita poi da Tesla – la società di auto elettriche di Elon Musk, che poi si vede seguire da Block e da Hut 8 – società di mining in ottimo stato di salute.

Perdono posizioni molte società di mining, sparite dall’orizzonte anche [a causa di problemi che stanno colpendo quasi tutto il settore. È il caso ad esempio di Core Scientific, che si trova apparentemente ad un passo dal fallimento. Così come è il caso di Iren Energy, società che soltanto ieri ha avviato le procedure per il default.

  • Le società non quotate che hanno più Bitcoin in cassa

Situazione molto più difficile da verificare per quanto riguarda società non quotate e fondazioni. Tolta l’annosa questione di MT. Gox e della gestione privata di Block.One, a risaltare sono le dotazioni della Tezos Foundation. Sì, è la fondazione che gestisce Tezos e che utilizza quei 24.808 almeno in parte per mantenere il peg di USDD, al quale però sembrerebbero destinati soltanto, si fa per dire, 13.040 BTC, secondo le statistiche che sono disponibili direttamente sul sito internet del progetto.

Tezos Foundation dotazione Bitcoin
Tezos è uno dei detentori forse “insospettabili”
  • E i governi?

L’Ucraina è in testa a quasi tutte le classifiche. C’è da dire che è una delle poche che ha diffuso dati però sulla quantità di coin che sono detenuti anche dai funzionari pubblici. Risibile, nel grande schema delle cose, è la dotazione di El Salvador, sulla quale comunque permangono dei dubbi di sussistenza, nel senso che a quanto pare c’è in realtà una gestione relativamente personalistica da parte di Bukele. Gli ultimi dati affidabili parlano di oltre 2.300 Bitcoin, comunque poca roba rispetto ai giganti che abbiamo visto poco sopra.

La questione fondi: è questa la più importante?

La singola entità al mondo, tenendo conto dunque di tutte le eventuali configurazioni societarie e non, è Grayscale. Parliamo di una società che gestisce un trust, e quindi un fondo privato che ha in cassa più di 635.000 Bitcoin. Il fondo ha provato già più volte a trasformarsi in fondo ETF, ricevendo però il secco niet da parte di SEC.

Grayscale fondo analisi
Grayscale è il gestore di fondi con più Bitcoin in cassa: sono oltre 600.000!

Buona la dotazione di CoinShares, che ne ha in cassa 37.000 circa. Purpose invece ne ha 23.000, seguito poi da BTCetc in Germania con 16.000 Bitcoin circa in dotazione. Risultati relativamente magri per gli altri Fondi.

Che tipo di situazione è?

È a nostro modo di vedere le cose una situazione piuttosto interessante, eprché da un lato abbiamo la presenza di molti fondi che hanno dotazioni importanti e che occupano una posizione decisamente importante nella scala a livello mondiale.

Si tratterebbe di dotazioni per oltre 1.380.000 Bitcoin complessivamente distribuiti tra società private, società quotate, governi e anche fondi. Una somma che complessivamente varrebbe circa il 6,5% del totale di Bitcoin emessi. Con il resto che sarebbe nelle mani di privati, degli exchange (anche e soprattutto per conto dei privati) e di altri tipi di soggetti non strutturati. Il che vuol dire che nel complesso siamo davanti ad una situazione dove si spazio per i più importanti operatori del comparto ce n’è ancora tanto.

Siamo dunque davvero all’inizio del percorso di Bitcoin come asset finanziario? Staremo a vedere. Chi comunque contesta il fatto che la concentrazione sia troppo elevata e nelle mani di pochi, guardando a questi numeri, che pur non raccontano tutta la vicenda… dovrà forse ricredersi.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Chi ha orecchie per intendere intenda e tutti gli altri in camper 🤣
    Beh il 6,5% mi sembra una percentuale accettabile, nel senso che non è poi molto quello in mano ai grandi gruppi.
    A parte gli exchange tutto il resto è nei wallet di privati??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *