Home / Cardano parla di Ripple: “Causa finita” | Il prossimo 15 dicembre….

CAPO CARDANO RIPPLE

Cardano parla di Ripple: “Causa finita” | Il prossimo 15 dicembre….

Le questioni regolamentari non possono che interessare direttamente anche i tanti leader di progetti che vorrebbero un trattamento equo per il comparto, almeno negli Stati Uniti. Tra questi, non è affatto un mistero, c’è anche Charles Hoskinson di Cardano, che in uno dei suoi classici video periodici è tornato sulla questione Ripple e SEC.

E ci è tornato non solo per discutere il caso, ma anche per condividere con i suoi spettatori quanto avrebbe sentito – non è chiaro da chi o come – sulla causa tra Ripple Labs e la agency che invece è nelle mani di Gary Gensler.

Una notizia sulla quale si può anche cercare di investire e speculare con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA INFINITO – intermediario che su tutti i principali asset del mondo cripto offre accesso al mercato, con un listino che offre 476+ asset già disponibili.

Tramite Capital.com abbiamo accesso a piattaforme molto avanzate come TradingView e MetaTrader 4, entrambi strumenti che permettono di analizzare il mercato e gestire ordini come fanno i professionisti. E sempre tramite Capital.com abbiamo anche un servizio di analisi in intelligenza artificiale, che offre la possibilità di analizzare e correggere il nostro portafoglio. 20€ di investimento in cripto sono più che sufficienti per investire con un conto reale.

La rivelazione di Charles Hoskinson: il 15 dicembre fine del caso SEC vs Ripple

Charles Hoskinson, leader di Cardano e del suo ecosistema ha condiviso con i propri follower un’ulteriore analisi sul caso Ripple, caso legale che in molti ritengono essere definitorio per almeno una parte del mondo crypto. Sul tavolo c’è una possibile maxi multa a carico di Ripple Labs, rea di aver venduto $XRP, che sarebbe nella teoria di SEC un titolo finanziario, senza seguire le norme relative a tali collocazioni. Una causa che si trascina ormai da tempo e sulla quale in molti, in realtà, avevano avuto atteggiamenti molto diversi, indicando diverse falle nella strategia di attacco dell’agency.

Il sentiment è rapidamente mutato negli scorsi giorni, almeno da parte di qualche analista, cosa che probabilmente ha giocato un ruolo nella dichiarazione, in realtà piuttosto criptica, di Charles Hoskinson sul caso.

Ho sentito rumors che dicono che il caso Ripple potrebbe chiudersi il 15 dicembre e che la cosa potrebbe avere effetti catastrofici in un senso o nell’altro. Ma, sapete, andiamo avanti. A prescindere da quanto accadrà, si tratta di un ecosistema decentralizzato che voi, ragazzi, controllate. Gli Stati Uniti d’America non hanno il potere di decidere se Cardano vivrà o morirà, siete voi, il mondo; questo è il punto degli ecosistemi decentralizzati.

Manca poco al 15 dicembre

E quindi alla data X che smentirà o confermerà quanto detto da Charles Hoskinson. Se la causa dovesse chiudersi il 15 dicembre, allora con ogni probabilità ci sarà un accordo, una riduzione delle pretese di SEC e un pagamento a carico di Ripple.

Causa ripple vs sec
Non dovremo aspettare molto

Sarebbe il migliore dei risultati possibili? Assolutamente no. Ma si tratterebbe pur sempre della chiusura di una causa che sta limitando l’espansione di Ripple negli Stati Uniti d’America. Vedremo se quanto sentito da Charles Hoskinson sia vero oppure, come da lui anticipato, una sorta di pettegolezzo.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments