Home / Bitcoin e Ethereum: l’ESPERTO INDICA i nuovi massimi | Speciale 2023

BITCOIN ETHEREUM BOOM

Bitcoin e Ethereum: l’ESPERTO INDICA i nuovi massimi | Speciale 2023

Il 2022 è quasi materiale per gli annali, e gli occhi di tutti i cripto-investitori sono puntati ora sul 2023, anno che in molti sperano sia quello della rinascita. Ad essere di questa opinione è l’esperto Raoul Paul, CEO di Real Vision, che si è recentemente espresso in toni particolarmente rialzisti per l’anno che verrà, almeno per quanto riguarda Bitcoin e Ethereum.

Speranza mal riposta? Oppure lettura intelligente di quanto potrebbe avvenire sui mercati? Cercheremo di capirlo in questo nostro approfondimento, durante il quale analizzeremo quanto detto da Pal anche per capire quanto ci sia di fondato nella sua analisi. Un’analisi che aiuta a riportare un sentiment più positivo in un periodo di alta tensione per tutto il comparto.

Chi dovesse ritenere quanto proposto da Raoul Pal sul pezzo, potrà esporsi ricorrendo ai servizi della piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il meglio del MERCATO – intermediario che ci permette di investire su 78+ cripto asset, con strumenti avanzati anche per il TRADING AUTOMATICO.

Sempre tramite eToro abbiamo accesso al mondo del CopyTrader, che permette di investire copiando i più bravi e anche di spiare ogni loro posizione nel portafoglio. E sempre tramite quanto viene offerto dal mondo di eToro, possiamo investire anche con gli Smart Portfolios, che includono panieri cripto diversificati. Con 50$ di investimento minimo possiamo passare al conto reale.

IL 2023 sarà anno del riscatto per Bitcoin e Ethereum?

È quello che sperano molti appassionati, con Bitcoin e Ethereum che sono ormai lontanissimi dai massimi ottenuti poco più di un anno fa. A parlare questa volta sul tema è RAoul Pal, che è CEO di Real Vision, che però vede nel 2024 l’anno della rinascita effettiva per tutto il comparto, con i prossimi 18-24 mesi che offriranno dei gain importanti dovuti anche all’adozione.

Non appena la Fed ha fatto pivot, c’è stato un cambiamento completo nei mercati [riferendosi al 2018]. Il 2018 ha avuto dei crolli dello stesso tipo rispetto a quelli che vediamo adesso. Rapido, brutto e tutti erano terrorizzati e quando questo è accaduto la Fed ha detto ‘Ok, scusateci, vediamo che i dati economici stanno andando in malora, che l’inflazione sta scendendo, e dunque ridurremo i tassi. […] Bitcoin in 9 mesi ha fatto il 300 o il 400%, come ETH. Questi gain incredibili sono stati frutto dell’ambiente [macro]. È come una palla tenuta sotto l’acqua: prima o poi tornerà a galla, perché il trend è ancora lì.

E ha poi aggiunto:

Ciò che trovo affascinante è che il trend dell’adozione questa volta, particolarmente per ETH, ha visto ancora dei volumi molto alti. Il numero di utenti attivi è rimasto alto. Il valore totale del transato, che è l’altra parte dell’equazione di Metcalfe, è sceso in quanto il prezzo dei NFT è sceso, ma per altri tipi di metriche è ancora robusto. Nel 2018 abbiamo visto un calo molto più importante nelle attività quotidiane degli utenti, dato che è accaduto in una fase di adozioen precedente. Questa volta però potremo costruire sulle basi di quanto abbiamo costruito durante la fase precedente, e questo mi rende molto costruttivo.

E per i nuovi massimi:

Siamo nella fase di adozione che sarà spinta dalla legge di Metcalfe, e queste sono le cose che spingono i gain. Ogni volta che ci troviamo in questa situazione incontriamo nuovi massimi in 18 mesi o massimo in 2 anni. Quindi mi aspetto il 2023 come un anno sufficientemente buono e il 2024 come un anno estremamente buono.

RIPRESA BITCOIN ETHEREUM

Avrà ragione?

Fateci sapere la vostra. Ritenete che quanto affermato da Raoul Pal sia qualcosa di valido e di interessante? Ritenete che già il 2023 farà vedere dei gain che saranno poi seguiti da un’esplosione dei guadagni nel 2024?

L’ipotesi è sicuramente suggestiva. E siamo davanti ad una fase molto importante del mercato per quanto riguarda la ricerca di nuovi bottom. Passato il FUD – anche sui principali exchange – probabilmente potremo riuscire a fare i conti in modo più chiaro.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

12 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

Una delle poche analisi sensate che ho letto. Al posto che sparare prezzi senza dare orizzonti temporali (“Andremo a 100k! 200k! 1 milione!”) qui si parla di dati macro e curva della mass adoption, e sono perfettamente d’accordo che saranno questi due fattori nel prossimo ciclo a guidare i rialzi.
… sempre in attesa del decoupling dall’economia tradizionale (=Fed), che prima o poi arriverà, ne sono convinto 🙂
p.s. vi ricordate quando era le notizie sulla Cina a fare il 70% del FUD? E’ un po’ che non la sento citata… stanno finendo le cartucce, e gallina vecchia fa buon brodo, quindi preparatevi a veder tornare qualche vecchio fud ripescato dalla naftalina per fine anno/inizio anno nuovo
Chennesò “la Cina arresta falsario di bitcoin che li creava usando un computer hackerato di Ftx trafugato da D.B. Cooper che in realtà è vivo” 😀

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Ciao ragazzi, da persona poco realista e molto sognatore quale sono vorrei vedere gli wallet 0,1-1 e 1-10 continuare a crescere.
Significa che btc è omogeneamente sparso sul globo, considerando poi che anche al valore attuale 0,1 btc in molti paesi è una cifra quasi o addirittura del tutto inarrivabile.
Ma ogni Satoshi tolto dal mercato fa la goccia che forma l’oceano.
Detto questo ragazzi non sediamoci sugli allori, il nemico è potente e quest’anno ha dimostrato che di btc e cripto preferisce non sentirne più parlare, non gli interessa cosa dice o cosa dirà il popolo e questo la dice lunga sul mondo in cui viviamo.
Noi, noi mondo cripto di errori ne abbiamo commessi, avremo imparato dai nostri errori?
Vedremo, il nemico oltre che potente è anche subdolo.
Poi arriveranno le CBDC, vorranno convivere con il nostro mondo?
Quanti faranno la scelta giusta, la libertà costa fatica, e i popoli che sono stati sotto le dittature, quando queste sono crollate non tutti sapevano cosa fare, come gestire, come decidere, è ovvio lo hanno sempre fatto altri per te, li comprendo.
Se pensate che la guerra è finita hmmm io aspetterei a cantare generale di De Gregori.
Vedremo nel frattempo quale delle due facce della medaglia di btc il mondo sceglierà, investimento o filosofia?
Per ora come un quanto di luce è entrambe le cose, funzione d’onda e particella solo quando noi osservatori interagiremo con esso decideremo quale delle due deve essere la realtà.

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  Giorgio

Quello che si può fare – nel nostro piccolo – è informare chi ci sta intorno.
Da decine (centinaia?) di discorsi che ho fatot negli ultimi anni con parenti e amici, posso dirvi che personalmente trovo più efficaci (e catturanti l’attenzione dell’ascoltatore) le seguenti argomentazioni: 1) bitcoin è sovranazionale, limitato, non stampabile quindi non soggetto alle emissioni di un particolare stato 2) (subito dopo) esempi di paesi la cui moneta è stata distrutta: si parte dal Venezuela ma si arriva subito alla Turchia (che, essendo geograficamente molto più vicina a noi, colpisce molto di più l’immaginario collettivo). 3) poi un esempio pratico sull’inflazione (italiana): inflazione al 10% vuol dire che in un anno hai gli stessi soldi in banca ma valgono il 10% in meno in quanto a potere d’acquisto. Il tuo stipendio è salito del 10% per controbilanciare? Non credo. 4) sai cosa avresti oggi se fossi vissuto in Ucraina? Solo i tuoi Bitcoin. Case, macchine, perfino conti bancari: distrutti. 5) (ma a volte parto direttamente da questo): i bankless al mondo sono tantissimi. Però al mondo paticamente tutti hanno un cellulare. Un cellulare + bitcoin = hai una banca tua sempre a disposizione.

Preparatevi anche una risposta chiara e semplice alle domande/critiche che il sapientone di turno (quello che commenta i film senza averli visti) vi muoverà.

“Bitcoin è usato per il malaffare” —-> “La blockchain è tutta scritta su pietra, ogni transazione mai realizzata è pubblica, guarda se vuoi te le faccio vedere tutte dal mio cellulare [ok, questa è un po’ una licenza poetica]. Quando un indirizzo è associato a una persona *sbam* puoi risalire a tutte le sue transazioni da quando è nato ad oggi (più o meno). Non ti basta? Guarda Kaili e soci: corroti con VALIGIE DI SOLDI, quelle sì che non sono tracciabili. Nessuno è così scemo da lasciare prove della propria corruzione (più o meno, perchè quelli i soldi se li tenevano in casa, ma vabbè oh il diavolo fa le pentole ma non i coperchi)”

“Bitcoin è volatile” —-> “Hai ragione. Ma sai che Facebook (FACEBOOK) ha perso il 66% da gennaio mentre bitcoin il 62%?

“Bitcoin è complicato da usare” —-> “Sì e no. Se vuoi ti ordino un hardware wallet, un giorno ci troviamo e ti setto tutto io. Così ti spiego anche che l’unica cosa importante è tenerti stretto è la tua frase seed”

“Bitcoin inquina l’ambiente perchè consuma troppo” —-> qui mi si spezza il cuore. Dopo aver precisato che “Invece il circuito delle carte di credito non consuma? Le banche stesse non consumano? Stampare banconote e monete non inquina? La domanda giusta non è “consuma o no?”, la domanda giusta è “il suo consumo vale quello che dà oppure no?” aggiungo “Però ci sono ALTRE crypto…. ” e qui dipende da quanto è interessato l’ascoltatore. Se siamo già alla terza birra parto con un discorso che può andare avanti fino all’alba su pow/pos, issuance, 21 milioni è il limite non quelli circolanti oggi, “mai sentito parlare di eth? Ok, te ne parlo io”, staking rewards, fees, burn, halving, modelli a mio avviso sostenibili sul lungo periodo e no, e blablabla

Dal mio discorso tengo sempre fuori i maxi bitcoin perchè -credetemi- non c’è miglior modo di far scappare via la gente dalle cripto che parlargli di questa setta che snobba smart contract, defi, nft e tutto il resto… settori che a mio parere saranno invece sempre di più il vero utilizzo della blockchain

Buona divulgazione 😀

Giorgio
Giorgio
1 mese fa
Reply to  jacopo

Ti faccio un applauso 👏 👏 mi è piaciuto, bel discorso.
Il problema è come divulgare, non possiamo imporre il nostro pensiero ad altri, lo dico perché mi è capitato.
Persone dai 35 in su, fino ai 70, anni intendo ovviamente.
C’è chi non capisce il perché c’è bisogno di una nuova moneta, chi percepisce le cripto come asset e non riesce a vederle come qualcosa di diverso dall’uso speculativo.
Chi le vede come una fregatura colossale, chi non riesce nemmeno a capire il perché è una delle più grandi rivoluzioni della storia dell’uomo.
E quindi che fare?
Per me la cosa che paga di più è insinuare nella mente dell’interlocutore il dubbio, sapete come nel film di Di Caprio, quello dei sogni con il nome impronunciabile?inception o roba del genere.
Come?
Non c’è una regola, dipende dall’interlocutore, dalle sue convinzioni, dalle sue paure e speranze, dal suo grado d’istruzione, insomma da tante cose.
A me basta che capisca uno su dieci o anche su 20.
Secondo me quando arriveranno le CBDC sotto un certo punto di vista sarà più facile, per il nemico sarà un’arma a doppio taglio perché se la moneta sarà elettronica, allora non ci sarà più la controparte idealmente fisica della stessa….quindi…….

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  Giorgio

Il giochetto che useranno, ve lo anticipo, sarà principalmente “ma le CBDC hanno un valore vero, sono covnertibili 1:1 in $/€, i bitcoin no!”. E allora qui dovremo esser pronti a rispondere: “Wow, figo! Sai che di dollari “veri” la Fed negli ultimi anni ne ha creati DAL NULLA x, e da qui è arrivata l’inflazione? Cosa ne pensi, ti piace questo meccanismo dei dollari “veri” che quando vengono stampati/immessi sul mercato svalutano i tuoi dollari “veri”?”

Cmq mi preme sottilineare che io (noi…) non voglio nè devo fare l’imbonitore di folle o il consulente finanziario: io presento btc e le altre cripto a chi conosco, perchè so che ne hanno una visione distorta (successo il 100% delle volte, anche con gente in gamba eh!). Ci discuto, anche animatamente, ma qualunque sia l’esito della discussione i miei rapporti con la persona non cambiano. Molti qualche tempo dopo mi hanno chiamato dicendo “ma dimmi un attimo, come è possibile che allora x y z….” perchè si sono informati dopo il nostro primo discorso. E allora lì so che dalla nostra ce n’è uno in più: magari non comprerà crypto (nel prossimo anno), ma diffonderà il verbo 😉

Cmq oggi ho 39 di febbre e vaf******, CBDC ladre 😀

Giorgio
Giorgio
1 mese fa
Reply to  jacopo

Auguri di buona guarigione allora.
Comunque no, che consulente finanziario.
Io faccio come Obi One, sai come nel primissimo guerre stellari?
” Questi non sono i droidi che state cercando!”
Ecco un approccio Jedi.😃

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  jacopo

Obi Wan 😛
Anche perchè se avesse avuto figli sarebbero stati Obi Two, Obi Three, ….

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  jacopo

cmq dopo che in 8 ore il termometro mi ha dato 38.8, 39.0 e infine 38,8 in automatico ho pensato “bene, abbiamo trovato un bottom, il peggio è passato”. Molto male XD

massimo
massimo
1 mese fa

quello che si deve sottolineare e’ che le CBDC saranno moneta elettronica a geometria variabile. non si potra’ comprare di tutto e non in libera quantita, non ci sara’ alcuna privacy sugli acquisti e se ci si espone e si viene etichettati come dissidenti rispetto allo status quo, le finanze potranno essere bloccate da un algoritmo, come gia’ avviene nelle discussioni su FB o TW. alla luce di cio’ deve essere chiaro che per il potere le cripto sono pura eresia, il nemico da sconfiggere, lo sterco di satana, e ci proveranno in ogni modo.

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Infatti, bravo!
È l’antagonista che manca.
Come fa il bianco a dire che è bianco se non esiste il nero?
O il bene a identificarsi come tale se non esiste il male?
Dicotomia universale.
Come puoi comprendere btc o le cripto se non ci sono le cbdc?

Klaus Marvin
Klaus Marvin
1 mese fa

Dice bene Jacopo a cui faccio un applauso per il commento, molti altri titoli hanno perso molto di più di BTC anche l’80 e il 90%. Il valore di BTC è collegato al tasso di adozione, se sempre più persone vogliono un determinato bene il prezzo tende a salire, che non è altro che la regola della domanda e dell’offerta. Ma cosa rende BTC unico? Ci sono due forze che competono fra loro gli Stati che vogliono spendere sempre di più e dall’altra parte le Banche centrali che contrastano questa tendenza. La presenza di questi due poteri ha come esito inevitabile che la moneta diventerà sempre più debole e sempre più a rischio. La soluzione è la creazione di una Banca privata forte che abbia la possibilità di stampare una propria moneta forte e a prova di attacco e favorire così un effetto equilibratore sul sistema finanziario. Per creare la Banca privata non ci sono problemi ma creare questa moneta lo hanno tentato per diversi anni. Da molto tempo cercavano di realizzare questa moneta e metterla in concorrenza con gli Stati attraverso la tecnologia ma non ci sono riusciti. Ora la moneta che volevano esiste e si chiama Bitcoin e loro la vogliono e non vogliono che appartenga al popolo. Le monete fiat non dovranno sparire ma fino a quando non riusciranno a capire che dovranno collaborare con BTC e non impossessarsene la lotta continuerà a suon di disinformazione per screditare quel bene che tanto desiderano. Bitcoin è la vera soluzione che porterebbe benessere a tutti ma lo potrebbero definire come dice Massimo lo sterco di satana per screditarlo e sostituirlo con le loro CBDC del cazzo che non è altro che un ripiego quando non puoi avere quello che desideri. Attenzione questo non vuol dire che BTC non ritorni sui massimi di valore perchè ripeto Bitcoin è collegato al tasso di adozione e cosa c’è di meglio di avere anche una banca tutta nostra nelle nostre tasche e con nel conto Bitcoin e tutte le altre monete che vuoi se lo desideri ma per questo ci vuole pazienza, anche Amazon agli inizi ha sofferto e ha registrato perdite anche del 90% e molti che hanno venduto ora si stanno mangiando le mani per non dire altro. Buona giornata

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Per Jacopo.
L’ho sempre detto che la febbre sballa, ti auguro buon trip allora.
Goditi il viaggio fratello 🤣🤣