Home / Bomba Ethereum: passo verso ok ETF | Aggiornamento TOP!

ETF ETHEREUM AVANTI

Bomba Ethereum: passo verso ok ETF | Aggiornamento TOP!

Importante aggiornamento per l'ETF Ethereum.

Arriva la notizia che tutti aspettavano, almeno tra coloro i quali hanno un’idea precisa di quanto dovrà avvenire per arrivare all’approvazione dell’ETF Ethereum Spot. 21Shares+ARK hanno infatti appena inviato un aggiornamento del form S-1, il form che descrive tutte le modalità di funzionamento dell’ETF stesso. E ha allineato questo ETF a quello su Bitcoin per una questione fondamentale e sulla quale SEC non ha alcuna intenzione di transigere.

È l’avvio di quel ciclo di aggiornamenti che solo questa mattina abbiamo definito come definitivo e fondamentale per poter pensare di arrivare all’approvazione del prodotto in questione. Ethereum reagisce sui mercati in modo pimpante, segno che non siamo soltanto noi ad essere di questo avviso.

Si è passati infatti dalla modalità in kind a quella cash creates per la creazione di quote, cosa che appunto è uno degli aspetti più importanti tra quelli che erano da modificare per anche soltanto pensare all’approvazione.

ETF Ethereum: enorme passo avanti!

Si tratta di un enorme passo avanti per l’ETF Ethereum Spot. È arrivata infatti la prima modifica al form S-1 da parte di 21Shares e ARK, che congiuntamente stanno chiedendo approvazione per questo veicolo finanziario.

TUTTO SULL’ETF: VIENI A DISCUTERLO SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

  • Cosa è stato cambiato?

La modifica più importante riguarda la modalità di creazione delle quote. Si passa da in kind, ovvero con il versamento diretto di Ethereum alla modalità cash creates. Gli intermediari verseranno dollari USA che poi verranno convertiti in ETH. È la stessa identica cosa che è avvenuta per l’ETF Bitcoin e la cosa dunque lascia ben sperare.

  • Ci sono già interlocuzioni?

Probabilmente sì, anche se presto vedremo quelle ufficiali. Per ora non se ne ha notizia, anche se l’aggiornamento di 21Shares+ARK lascia intendere che si crede che si possa andare avanti per la strada verso l’approvazione.

La prova del nove sarà, almeno a nostro avviso, l’arrivo di altri aggiornamenti da player di una certa statura, in particolare BlackRock. Presto dovremmo avere anche notizie su commenti ufficiali da parte di SEC e di incontri, come appunto anche nel caso di Bitcoin con il suo ETF.

  • Ci saranno meno aggiornamenti?

L’ETF di Bitcoin ha visto diversi aggiornamenti prima della sua approvazione. Riteniamo, per quanto SEC potrebbe smentirci, che ce ne saranno meno nel caso di quello su Ethereum. Diverse questioni minori sono state risolte con quello su Bitcoin e verranno riproposte direttamente nella loro versione finale su quello a tema Ethereum.

La modalità cash creates

È un punto sul quale SEC non ha avuto alcuna intenzione di transigere quando si parlava dell’ETF su BTC e che sembra fondamentale anche per quanto riguarda quello su Ethereum.

SEC preferisce che sia l’ETF a effettuare acquisti presso la stessa fonte, registrata (o quasi) negli USA, invece di creare un traffico di Ethereum recuperati chissà dove. Una posizione che rende gli ETF leggermente meno efficienti, ma che è al tempo stesso il contentino che si dovrà pur dare a Gary Gensler.

Dentro anche lo staking

21Shares+ARK hanno aggiunto anche una sezione che indica che il loro ETF vorrebbe mettere in staking almeno una parte degli Ethereum che raccoglierà.

Si tratterà, a meno di clamorosi stravolgimenti, di un motivo di forte attrito con SEC, con le possibilità che venga approvato che sono per ora, almeno a nostro avviso, davvero minime.

Trasparenza: rispetto all’articolo originariamente pubblicato, è stato aggiunto il breve paragrafo sullo staking

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Klaus Marvin
Klaus Marvin
25 giorni fa

E’ evidente che anche qui si è legati di tasso di adozione nonostante le reali potenzialità di ETH ed è possibile che i rialzi di ETH accelereranno nella fase finale dell’approvazione dell’ETF probabilmente vicina al periodo estivo, nel frattempo l’entità dei movimenti su ETH potrebbero presagire un periodo di debolezza ma un potenziale rally di Bitcoin potrebbe spingere anche il prezzo di ETH nell’area dei 3.000 dollari. E’ questione di tempo per tutto il comparto mancano ancora i veri investitori perchè questo asset non è ancora ampiamente compreso. Sicuramente fa parte del futuro ed è difficile da comprendere subito per cui dovrebbero investire e poi capire.