Home / Anche Aphex Twin vende la sua musica su rete Ethereum

Anche Aphex Twin vende la sua musica su rete Ethereum

Anche Aphex Twin, il popolarissimo music maker con più di 30 anni di carriera alle spalle nell’elettronica, si è fatto contagiare dalla NTF Mania. È stato appena battuto un pezzo unico per 130.000$, proprio in forma di token non fungibile, utilizzando la rete Ethereum. Dopo DC Comics, della quale avevamo parlato proprio oggi primi in Italia, arriva un altro pezzo grosso della cultura moderna a farsi contagiare dalle possibilità offerte da questo nuovo modo di trasferire la proprietà digitale.

Aphex twin cripto nFT release
Aphex Twin ama le release a sopresa: ma questa rimarrà davvero nella storia!

Ad intermediare la trattativa la popolarissima App per la gestione e la vendita di NFT Foundation, della quale pur avremo modo di parlare nel corso di questo aggiornamento di oggi. Per quanto riguarda il resto, siamo davanti all’ennesima riprova che quanto offerto da Ethereum sulla sua blockchain è funzionale anche per il mondo degli artisti. E chi volesse puntare su questa rivelazione, può farlo scegliendo broker che offrono Ethereum con i migliori strumenti finanziari. Come eToro (puoi aprire un conto dimostrativo gratis qui), che permette inoltre di seguire i migliori trader e di copiarne le posizioni con il copy trading.

Leggi anche: eToro recensioni ed opinioni

Cosa ha venduto Aphex Twin?

Aphex Twin è leggendario – e non soltanto per la sua straordinaria musica. È stato da sempre maestro anche della gestione del suo marchio, con release in pezzi unici o limitati, che hanno un grandissimo valore tra i collezionisti. Aphex ha anche abituato i suoi ascoltatori a rilasciare edizioni limitate di vinili durante i festival dei quali era protagonista e può essere considerato, a tutti gli effetti, un vero maestro della generazione di interesse verso prodotti tenuti artificialmente in scarsità economica.

L’artista non poteva farsi scappare le opportunità offerte oggi proprio da Ethereum e nello specifico dal supporto della sua blockchain per i token non fungibili, ovvero token che rappresentano la digitalizzazione della proprietà di un qualunque asset, sia esso fisico o immateriale. Ne abbiamo già parlato diverse volte qui su Criptovaluta.it, con questo nuovo canale per lo scambio di diritti di proprietà che è stato utilizzato, di recente, anche durante un’asta di Christie’s.

A quanto è stato venduto il pezzo unico di Aphex Twin?

A circa 130.000$. L’App Foundation, che ha gestito l’asta, ha infatti chiuso a 72 Ethereum, che nel momento in cui è arrivata l’ultima puntata valevano appunto poco più di 130.000$. Un prezzo niente male, ma comunque più basso di tanti altri che abbiamo visto per la vendita di pezzi unici di artisti anche meno blasonati di Aphex Twin.

Non è chiaro se tra Aphex e Foundation ci sia stato un qualunque accordo di tipo pubblicitario. La piattaforma, già molto popolare per questo genere di aste, ne ha sicuramente guadagnato di visibilità, pur essendo oggi teatro di aste comunque molto interessanti.

Parte del denaro che è stato raccolto da Aphex Twin verrà impegnato per campagne per la salvaguardia dell’ambiente, anche se non è chiaro in che percentuale. A rimanere scolpita negli annali della storia, rimarrà però la prima vendita di un artista così esclusivo sulla blockchain del momento. E le previsioni su Ethereum, fortemente rialziste, non potranno che beneficiarne.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *