Home / Boom Ripple: +6% e sopra 0,50$ – i perché del trend positivo

Boom Ripple: +6% e sopra 0,50$ – i perché del trend positivo

Ripple Rally, FINALMENTE!: ci sono buone nuove che arrivano dalla causa contro SEC e la criptovaluta XRP ha ripreso a correre. Oggi, in una giornata negativa per l’intero comparto, fa registrare un +8%, che riporta Ripple sopra quota 0,50$.

Ripple nft boom
Arrivano buone nuove dai tribunali e dal reparto tech di Ripple

Ma cosa c’è dietro questa ennesima corsa di Ripple, mentre tutto il settore sta correggendo dopo i guadagni di ieri? Siamo davanti ad un ennesimo pump, come quello che portò la criptovaluta sopra quota 0,70$ il mese scorso? No. Ci sono delle buone notizie che arrivano sia dall’ecosistema sia dai tribunali. Chi vuole provare ad acciuffare il trend positivo può farlo con eToro (qui per iscriversi al conto demo gratis). Il broker continua ad avere Ripple a listino e lo offre con tutti gli strumenti tipici della sua piattaforma, compreso il CopyTrading per copiare i trader più bravi.

Un altro broker crypto sul quale investire piccole somme su XRP è Capital.com, piattaforma dotata di intelligenza artificiale. Puoi iscriverti gratis qui (conto dimostrativo illimitato per provare i suoi servizi). Su Capital.com ci sono oggi oltre 240+ cross cripto, comprese le emergenti come Polkadot, Uniswap, Avalanche etc.

SEC getta la spugna?

La causa tra SEC e Ripple sta iniziando a sgonfiarsi. Secondo i ben informati dei 5 commissari SEC soltanto 3 vorrebbero continuare la causa, percentuale che è sufficiente, ma che indebolisce – e di molto – la veemenza con la quale l’authority potrà continuare ad attaccare Ripple. Allo stesso tempo è da ricordare che SEC ha dichiarato pubblicamente che qualunque sia il risultato del processo, riguarderà soltanto i soggetti direttamente citati a giudizio.

Traducendo dal legalese possiamo dire che non ci saranno ripercussioni su chi detiene o deterrà XRP per il futuro. Una soluzione del genere permetterebbe inoltre agli exchange di criptovalute di tornare a listare XRP anche negli Stati Uniti. Quello che comunque non sarebbe stato un problema, è stato risolto.

Per quanto riguarda la causa, c’è anche da sottolineare che stanno circolando notizie di un coinvolgimento di Jay Clayton con aziende legate finanziariamente a Bitcoin. Clayton è stato il direttore di SEC che, in modo altamente irrituale, ha avviato una causa così importante in scadenza del suo mandato.

Ripple potrà includere gli NFT?

Ma la vera bomba della settimana è l’annuncio di David Shwartz, CTO di Ripple, ovvero il “capo” di quanto avviene in termini tecnologici alla relativa blockchain. Shwartz ha annunciato che Ripple sarebbe pronto ad introdurre nuovi sistemi di tokenizzazione direttamente sulla sua blockchain.

Cosa che, tecnologicamente parlando, potrebbe aprire a nuovi progetti di DeFi e anche alla possibilità di creare e scambiare NFT all’interno della blockchain di Ripple. Per ora si tratta soltanto di un annuncio e i dettagli dell’implementazione tecnologica non sono affatto chiari. Tuttavia, si tratterebbe di una notizia bomba, che proietterebbe Ripple nell’Olimpo delle criptovalute del futuro.

Perché è chiaro a tutti coloro i quali si occupano di criptovalute e blockchain che sarà questo uno dei campi più importanti sui quali si giocherà il futuro del settore. Non vi è nulla di certo ancora, ma un annuncio del genere ha ovviamente la potenzialità di muovere il mercato, come sta avvenendo nelle ultime ore.

Mentre in molti avevano fatto funerali per Ripple, la criptovaluta degli scambi internazionali veloci ed economici è risorta ancora una volta. E la causa di SEC, con ogni probabilità, tra qualche mese sarà soltanto un lontano e brutto ricordo.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *