Home / Sprofondano Bitcoin ed Ethereum! Settore crypto in profondo rosso

Sprofondano Bitcoin ed Ethereum! Settore crypto in profondo rosso

Disastro criptovalute oggi! Le dashboard degli investitori piangono, con perdite medie del 7-12% sulle 24 ore su tutte le principali criptovalute per capitalizzazione, con moltissimi, tra gli altcoin, che hanno corretto in maniera ancora più forte. L’incertezza su Bitcoin domina il mercato e tira a fondo tutto il settore, con chi è entrato sul mercato da poco che si trova a dover scontare perdite molto importanti.

Crollo cripto 25 marzo
Crollo criptovalute – cosa succede al settore dominato da Bitcoin?

È l’esplosione della bolla che tanti analisti anti-cripto aspettano ormai da tempo? Secondo noi no, anche se per il mercato si apre una fase di breve periodo sicuramente difficile, con Bitcoin che farà da termometro anche per altri progetti quali EthereumLitecoinBNB e anche Theta. Disastro che si sta diffondendo a macchia d’olio anche nel settore della finanza decentralizzata, con gli AMM che stanno perdendo percentuali vicine al 20%. In una fase di mercato così delicata, si può comunque fare trading di breve periodo, ricorrendo gli strumenti che ci vengono messi a disposizione dai broker CFD.

Con Capital.com (puoi aprire un conto gratuito qui) possiamo vendere allo scoperto per mezzo dei CFD e cavalcare uno dei momenti peggiori del settore da mesi a questa parte.

Perchè proprio Capital.com? Perchè è una piattaforma Europea ricca di strumenti utili, anche in App gratuita, con sistema di analisi mercati e per il trading dotato dell’intelligenza artificiale.

I peggiori della giornata: Polkadot, Uniswap, ma anche Bitcoin ed Ethereum…

Tra i peggiori della giornata non potevano mancare i token che hanno fatto registrare le crescite più incredibili negli ultimi giorni. Molte sono quelle che abbiamo spiegato e raccontato ai lettori di Criptovaluta.it proprio in relazione al loro recente boost, mettendo però tutti in guardia dalla volatilità elevatissima che avrebbe potuto innescarsi. Il settore delle Crypto DeFi arriva effettivamente da un ottimo momento e una correzione, soprattutto con Bitcoin che corregge così pesantemente, era qualcosa che avremmo dovuto aspettarci.

Polkadot nel momento in cui vi scriviamo perde quasi il 20%, mentre Uniswap fa poco meglio, facendo registrare -15%. Tutte peggiori, in questo momento, di Bitcoin, che comunque sta perdendo oltre il 10%. Un pomeriggio da incubo, con il prezzo di BTC che potrebbe continuare a scendere, in attesa del black Friday delle opzioni in scadenza. Ethereum tiene invece meglio, pur facendo registrare per ora un -7%.

Opzioni in scadenza: quota 44.000$ entro domani?

Abbiamo già parlato del grande numero di opzioni su Bitcoin in scadenza domani, 5,5 miliardi di esposizione che domani le clearing house dovranno risolvere. Su alcuni canali di appassionati è stato calcolato che il max pain, ovvero il livello di prezzo al quale i detentori di opzioni incasseranno il più grande danno possibile è fissato a 44.000$. E i gruppi che emettono opzioni – sul mercato USA – potrebbero avere interesse affinché si raggiunga questa quota.

Certo, molto lontani da quello che continuiamo a dire sulla nostra guida alle previsioni su Bitcoin – con previsioni anche di breve periodo che sarebbero ancora rialziste. Ma noi indichiamo trend attesi ad un mese e difficilmente su orizzonti di pochi giorni o poche ore come in questo caso. Che fare allora?

Chi vuole rischiare e cercare di cavalcare l’orso, può investire allo scoperto con i broker che abbiamo già consigliato. Chi vuole evitare di scottarsi, invece, dovrebbe rimanere lontano dai mercati per qualche ora. E che cosa dovrebbe fare chi ha in portafoglio cripto? Abbiamo una guida anche su come investire durante i crolli delle criptovalute, per affrontare il mercato con razionalità e senza farsi dominare dal panico.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *