Home / Plutus Pioneer: per chi vuole imparare a sviluppare su Cardano

Plutus Pioneer: per chi vuole imparare a sviluppare su Cardano

Oggi è l’ultimo giorno per iscriversi al Plutus Pioneer Program, programma per formare sviluppatori sulla futura piattaforma su Cardano per lo sviluppo di App Decentralizzate e Smart Contract. Un programma che sarà utilizzato da Plutus per reclutare sviluppatori e inserirli in gruppi che potranno seguire corsi specifici per la programmazione all’interno di questo specifico framework.

Plutus Pioneer Cardano - termine programma
La grande occasione per chi vuole diventare programmatore su Cardano

Una chiamata per tutti gli sviluppatori (è necessaria, come vedremo, una certa esperienza pregressa), con i primi percorsi formativi che saranno avviati a partire da domani. Una buona notizia per tutti coloro i quali vogliono essere coinvolti in Cardano anche sotto il profilo tecnico – e non soltanto come investitori.

Tutto questo mentre la criptovaluta rimane in quota 1,20$, con i mercati che hanno apprezzato – e di molto – le novità che saranno introdotte nei prossimi mesi. Chi non è interessato all’aspetto tecnologico, può comunque lasciarsi coinvolgere con un investimento. eToro (qui per il conto demo gratuito) permette di investire su ADA sia in modalità diretta, sia invece tramite CFD.

Cardano è inoltre disponibile anche su Capital.com (iscriviti qui al conto dimostrativo gratuito) – che offre anche il supporto dell’intelligenza artificiale, per analisi del mercato e del proprio portafoglio di investimento.

Il programma Plutus Pioneer: ecco cosa mette a disposizione

Uno dei punti forti di Cardano è la grande attenzione che mostra anche verso media e sviluppatori da coinvolgere nei propri progetti e il Plutus Pioneer Program deve essere considerato proprio in quest’ottica.

Dato il prossimo supporto anche sulla main net di Cardano di smart contract e App decentralizzate, è necessario che vengano formati sviluppatori in grado di utilizzare il framework collegato alla piattaforma. Con queste motivazioni il progetto ha deciso di aprire le iscrizioni ad un percorso formativo, che metterà a disposizione corsi e workshop per imparare a scrivere codice in Plutus e Haskell.

Il corso coprirà infatti la costruzione di blocchi, le funzioni principali, i tipi di dati, le classi, le monadi e i template, nonché l’utilizzo del Plutus Playground, con un’attenzione particolare anche per l’utilizzo di questi strumenti direttamente sulla chain o meno.

L’avvio del programma e i requisiti

Il programma avrà il suo avvio domani, quando chi ha richiesto l’iscrizione riceverà la mail di accettazione per entrare a far parte del progetto. Il percorso terrà impegnati i programmatori selezionati fino al prossimo 11 giugno, con ciascuno dei partecipanti che dovrà dedicarvi circa 10 ore, tra corsi ed esercitazioni. Questo almeno secondo le stime del gestore del progetto.

Oggi è invece il termine ultimo per richiedere la partecipazione al progetto – tramite il sito ufficiale di Plutus Pioneer. Non è chiaro come verranno selezionati i partecipanti al progetto, anche se il sito specifica che non si tratta di un corso aperto a chi non ha esperienza nel campo della programmazione.

Anche se non nei linguaggi specifici del programma, sarà utile avere a disposizione una formazione in programmazione e in logica. Il percorso formativo, infatti, considererà come precedentemente assimilate queste competenze.

Conviene partecipare? Per chi è interessato alla programmazione e al mondo delle criptovalute assolutamente sì. ADA è uno dei token più interessanti, anche in prospettiva futura, cosa che è confermata anche dalle nostre previsioni su Cardano, fortemente rialziste. Il progetto, come abbiamo riportato più volte sul nostro sito, ha in cantiere una timeline fitta di novità, che porterà Cardano nello spazio della finanza decentralizzata (DeFi), finalmente in grado di competere con Ethereum.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *