Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Ethereum e Ripple, bruciati 40 miliardi! Che conviene fare? Analisi

Ethereum e Ripple, bruciati 40 miliardi! Che conviene fare? Analisi

Ethereum e Ripple bruciano 40 miliardi di capitalizzazione, in un weekend disastroso per tutto il comparto, che nel caso di ETH e XRP distrugge anche tutto il gain fatto registrare nell’ultima settimana.

La cattiva notizia è per chi è entrato sul mercato ai picchi di prezzo e che dunque ha portato a casa delle perdite sostanziali. La buona notizia è che invece non sembra ci siano dei problemi di carattere fondamentale, ma piuttosto una correlazione ancora forte con Bitcoin – che è stata la fonte delle problematiche di mercato delle ultime ore.

Fase complicata per ETH e XRP. Analisi di Criptovaluta.it
Ripple ed Ethereum giù – ma c’entrano fattori esterni

La situazione sui mercati è molto convulsa, con i volumi in forte crescita e con una volatilità considerevole. Combinazione di fattori che rende il mercato di queste ore adatto a chi è a caccia di avventure di breve periodo.

Con una situazione così convulsa e di così difficile lettura, affidarsi a quanto viene offerto da eToro (qui per un conto di prova gratis illimitato) è la soluzione migliore. Possiamo infatti investire in long o short, affidandoci anche a strumenti avanzati come il CopyTrading – per copiare le posizioni dei migliori trader o per spiarle – oppure per investire su panieri cripto con i CopyPortfolios. Con tutti gli strumenti per fare anche analisi tecnica di brevissimo periodo.

Cosa sta succedendo a Ripple ed Ethereum?

Ci troviamo a parlare, con toni meno edificanti dell’ultima settimana, delle due criptovalute che avevano fatto registrare tra i migliori gainRipple veleggia, nel momento in cui scriviamo, sotto quota 1.50$, un livello di prezzo che andrebbe comunque messo in prospettiva – anche storica. E che segna sì un ribasso, ma anche una reazione importante rispetto ad un’ondata ribassista come poche se ne erano viste negli ultimi tempi.

Lo stesso vale per Ethereum. La seconda criptovaluta di mercato per capitalizzazione ha ritracciato in modo importante rispetto ai massimi della scorsa settimana – dei quali abbiamo abbondantemente parlato nel corso degli ultimi giorni – e che segnano un percorso comunque fortemente rialzista per il token. Token che soltanto poche settimane fa valeva meno della metà del prezzo fatto registrare oggi, nonostante una tre giorni non esattamente entusiasmante per il comparto.

È il momento di liquidare XRP e ETH?

A nostro avviso assolutamente no. Le previsioni Ripple sono comunque rialziste sul breve, medio e lungo periodo e ci permettono di nutrire una relativa fiducia nel futuro del token.

Questo alla luce anche della posizione dominante che Ripple Labs sta assumendo all’intenro del processo contro SEC, che il prossimo 21 maggio avrà un appuntamento importante e che potrebbe essere, almeno questo sperano gli investitori in XRP, l’inizio della fine di questa vicenda.

Per Ethereum la situazione è ovviamente diversa. Siamo davanti ad una criptovaluta che sta vivendo un momento di straordinaria forza, dovuta sia all’esplosione del comparto DeFi, sia alle novità per il protocollo che sono ormai in dirittura d’arrivo – e che si prenderanno cura di problemi quali la scalabilità e il costo delle commissioni.

Le nostre previsioni Ethereum rimangono comunque rialziste anche sul medio e lungo periodo. E questa, almeno per chi come noi ha fissato target di quel tipo, potrebbe voler dire una buona occasione per acquistare. O comunque, per non liquidare posizioni.

Chi volesse seguire i target indicati ancora dai principali analisti, può anche acquistare i token Ethereum direttamente su Coinbase (qui per aprire un conto gratis), il migliore exchange per chi vuole avvicinarsi al mondo cripto – sicuro, solido e legale e di recente quotatosi in borsa.

Come muoversi in un mercato così difficile?

Le prossime ore saranno quelle decisive per capire se il trend di breve periodo sarà da considerarsi come un brevissimo incidente di percorso o se potrà continuare ad aleggiare sul mercato per qualche altro giorno.

La massima prudenza rimane sempre d’obbligo, con l’invito a guardare ad entrambi i mercati – sia quello di Ripple, sia quello di Ethereum, con orizzonti di medio e lungo periodo. Orizzonti che per entrambi i token continuano ad essere, anche oggi, positivi.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *