Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Ripple torna a crescere: la nostra analisi odierna

Ripple torna a crescere: la nostra analisi odierna

Ripple consolida, ed è la prima ad uscire dalla crisi che attanaglia il settore cripto, recuperando le perdite del weekend e tornando sopra quota 1,50$. Un guizzo importante per XRP, con questa settimana che sarà una di quelle decisive per il mondo che gravita intorno a Ripple Labs.

Tra l’udienza fissata per il prossimo 21 maggio – ancora una volta telefonica e della quale vi abbiamo già dato ampiamente conto – e una forza commerciale che sembra inarrestabile nonostante la causa ancora in corso, Ripple gioca una settimana fondamentale per il suo futuro di prezzo.

Ripple riparte - e la causa non fa più paura
Ripple all’attacco, in tribunale e sui mercati

La forza di Ripple sembra essere inarrestabile – e potrebbe non essere troppo tardi per chi vuole entrare su questo mercato. XRP è disponibile anche su eToro (qui per un conto di prova gratuito), piattaforma cripto con 19+ token a listino e servizi esclusivi come il CopyTrading – che permette di copiare o spiare i portafogli dei migliori trader – e i CopyPortfolios, per chi predilige investimenti diversificati nel mondo delle criptovalute.

Una settimana da urlo per Ripple, che…

… arriva nel suo momento di forza maggiore. Sembrano essere ormai lontani i minimi di prezzo dovuti all’inizio della causa intentata dalla maggiore authority di vigilanza sui mercati. Di acqua sotto ai ponti ne è passata tantissima – e come abbiamo raccontato minuto per minuto su queste pagine – le accuse contro Ripple si vanno ormai sgonfiando.

Il momento di straordinaria forza per Ripple può essere imputato a due diversi filoni:

  • La difesa tiene, e si è trasformata in attacco

Cosa che è confermata dall’enorme mole di documenti e istanze depositate anche nel corso di questa ultima settimana. Le difficoltà di SEC sono anche confermati dalla recente richiesta dell’authority di avere 4 mesi aggiuntivi per la discovery, ovvero per la ricerca di fatti utili al proseguimento del processo, in relazione alla proposta di Ripple di includere nel dibattito alcuni detentori di XRP che sono stati danneggiati dalla causa intentata da SEC.

Anche questa è stata interpretata come un’ammissione di debolezza di SEC, che in un processo che avrebbe dovuto liquidare in pochi mesi, sta lentamente cedendo su tutte le posizioni.

SEC ha inoltre aggiunto che tali detentori – che dovrebbero intervenire come amici curiae, ovvero come persone informate dei fatti che possano essere “amiche della corte” – avrebbero una visione di parte degli eventi e dei vested interest che li renderebbero inattendibili. I giudici saranno chiamati nei prossimi giorni a pronunciarsi anche su questo.

  • La causa potrebbe allungarsi, ma non fa più paura

Anche la possibilità che, nonostante l’arrivo di Gensler da SEC, la causa potrebbe comunque allungarsi, non sembra fare più paura. E questo è motivo di forza di Ripple sui mercati. Con il token e la relativa blockchain che continuano la loro opera di espansione, in partire in Asia e nei mercati emergenti.

Operare su Ripple adesso: qualche coordinata

Conviene investire in Ripple adesso? Le nostre previsioni XRP sono ancora rialziste, anche sul breve periodo. Una convinzione che ci deriva dalla traiettoria che la causa sembra aver ormai disegnato e dall’incredibile forza di Ripple, dovuta anche alla collaborazione in Giappone e nel lontano oriente con SBI.

Per noi è un token da attenzionare e da considerare anche per strategie di medio e lungo periodo – tenendo da parte le solite polemiche che lo hanno sempre separato dal resto del mondo crypto, per una maggiore centralizzazione e per una gestione verticale e verticistica da parte di Ripple Labs.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *