Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Polkadot boom grazie alla quotazione su Coinabse

Polkadot boom grazie alla quotazione su Coinabse

La blockchain delle blockchain è tra le migliori delle ultime 24 ore, in un mercato comunque bullish e che ha visto una buona corsa da parte di tutti i principali progetti. DOT, la criptovaluta di riferimento del progetto Polkadot cresce in doppia cifra, recuperando almeno in parte il valore liquefatto durante l’ultima crisi.

Se è vero che siamo ancora lontani dal massimo storico per questo token, è altrettanto vero che questa ripresa è un incredibile segno di forza, per un progetto che si sta rinnovando fortemente e che continua a sviluppare novità a ritmo serrato.

DOT Coinbase - l'analisi di Criptovaluta.it
Da domani alle 18:00 via alle negoziazioni su Coinbase

Dietro il boom delle ultime ore troviamo però anche l’annuncio della quotazione su Coinbase – evento che ha sempre o quasi impatti positivi sulle criptovalute che vengono listate.

Chi vuole puntare su questo straordinario rialzo per DOT può trovare la criptovaluta sulla piattaforma Capital.com (qui per un conto dimostrativo illimitato e gratuito), intermediario che permette di aprire un conto reale con soli 20 euro, offrendo a tutti la propria interfaccia con intelligenza artificiale, in aggiunta a MetaTrader 4 e TradingView.

Cosa c’è dietro il recente boom di DOT?

In realtà c’è molto che si sta consumando intorno a Polkadot. Partiamo dalla recente introduzione delle aste sulle parachain sul network gemello Kusama, segnale di un importante ingrandimento della portata di entrambi i progetti. Cosa che però si era riflessa in modo modesto sul prezzo di DOT non appena ufficializzata.

A fare la differenza nelle ultime 24 ore è stato l’annuncio, da parte dell’exchange Coinbase, del listing della criptovaluta presso i propri sistemi. Una quotazione a nostro avviso tardiva, per un progetto che è ormai stabilmente tra i primi 10 per market cap.

Da ieri, lunedì 14 giugno è possibile iniziare a trasferire i propri DOT all’interno della piattaforma, con le operazioni di trading sulla sezione PRO dell’exchange che partiranno domani, alle ore 09:00 sul fuso orario del Pacifico (PT), quando in Italia saranno le 18:00.

Una volta che le negoziazioni saranno ufficialmente aperte, è lecito aspettarsi una discreta volatilità per il token, seppure limitata rispetto a quanto abbiamo visto in occasione di altri lanci. DOT rimane un token con una capitalizzazione molto elevata – e l’avvio degli scambi su un exchange importante difficilmente possono avere un impatto enorme.

Chi vuole partecipare alle negoziazioni di apertura può farlo su Coinbase (qui per aprire un conto gratis), per poi accedere alla piattaforma Pro. Il conto su Coinbase è sempre gratuito e permette di accedere anche al programma Earn, per ottenere criptovalute gratis rispondendo a semplici quiz.

Se si vuole investire in DOT, meglio guardare al lungo periodo

I tassi di crescita di Polkadot sono importanti, anche in relazione ai volumi scambiati e all’interesse che il progetto desta tra gli appassionati di DeFi. Tuttavia, almeno a nostro avviso, è necessario guardare al quadro di insieme e non focalizzarsi eccessivamente sul mercato di oggi.

Polkadot è uno dei progetti più solidi, avanzati e interessanti che abbiamo oggi sul mercato e un’ottima alternativa alle criptovalute sulle quali siamo maggiormente abituati ad investire.

Le nostre previsioni DOT indicano rialzi possibili sia sul medio che sul lungo periodo, con un buon outlook anche sul breve. L’hic et nunc potrebbe essere la finestra giusta per intervenire su questo mercato.

Sempre tenendo conto di una buona diversificazione del proprio portafoglio, anche in termini di comparto. E con DOT che è ormai il ponte incontrastato tra i migliori progetti cripto, inserirla nel portafoglio non dovrebbe essere un problema per quasi nessuno.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *