Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / +EDITORIALE+ Bitcoin: disastro per gli short – si rivede una bull run?

+EDITORIALE+ Bitcoin: disastro per gli short – si rivede una bull run?

EDITORIALE CRIPTOVALUTA.IT – Per la prima volta da un po’ di tempo a questa parte, il weekend fa piangere gli short, con le posizioni ribassiste su Bitcoin che sono prima cresciute a dismisura, poi ridotte quasi a zero, dopo che si è configurato quello che in molti considerano uno short squeeze.

Un weekend che si era aperto con la peggiore delle avvisaglie, ovvero con gli orsi saldamente in controllo della situazione e pronti a far tornare BTC sotto quota 30.000$. Siamo però abituati alla massima incertezza in questo pazzo mese per Bitcoin.

Orsi si arrendono? Ecco cosa sta succedendo a BTC
Gli orsi con le spalle al muro? Non è ancora detto

Incertezza che continua ad essere la caratteristica principale di un mercato che – nel mezzo dell’estate – non è mai stato di chiara lettura. Proveremo allora, insieme, a raccogliere qualche dato concreto e a capire quale potrà essere il seguito di un estate calda per tutto il comparto degli investimenti. Anticipando che in realtà di occasioni per investire ce ne sono diverse, in tutto il comparto.

Occasioni per investire che possiamo cogliere al balzo con eToro (qui per un conto demo gratis), intermediario che offre non solo Bitcoin, ma una selezione delle 26 migliori criptovalute – con servizi aggiuntivi quali il CopyTrading (per la copia o l’analisi delle posizioni degli altri) – e i CopyPortfolios, panieri crypto già bilanciati.

L’aumento vertiginoso degli short su Bitcoin

Il weekend – che ormai da tempo ci ha abituato al predominio degli orsi – era partito ancora una volta con fortissimi venti ribassisti. Come è possibile vedere dall’infografica che alleghiamo, sono ripartite accumulazioni di ordini short molto importanti, che addirittura nella giornata di ieri hanno superato il massimo di sempre.

Short su Bitcoin aggregati
Le due grandi ondate di short su Bitcoin

C’era, almeno apparentemente, poco di cui stare tranquilli, anche riferendosi al vecchio adagio secondo il quale shorts are rarely wrong – ovvero che gli short, in particolare se così copiosi, difficilmente hanno torto.

E invece, non prima di una durissima battaglia, nella serata/nottata di ieri, mentre tutta Italia era impegnata nel guardare gli Europei di calcio, il trend è cambiato. Prima sono stati recuperati i 32.000$, poi i 32.500$, che per molti erano una resistenza chiave, poi sono stati superati anche i 33.000$, che rimangono nel momento in cui scriviamo una soglia intorno alla quale si è riaccesa una certa battaglia. La situazione generale è radicalmente cambiata, anche se per essere certi di essere in bull run sostenuta per i prossimi giorni, serviranno altri segnali.

  • Futures? Di nuovo in ritirata

Le liquidazioni di posizioni short sono state durante gli ultimi attacchi, corpose. E questo ha portato ancora una volta ad una forte riduzione delle posizioni aperte (principalmente a leva) tramite le piattaforme che offrono futures.

Futures open interest bitcoin - di Criptovaluta.it
L’open interest dei Futures ancora fortemente al ribasso

Anche questo è particolarmente chiaro dall’infografica che alleghiamo. Dopo un ritorno di fiamma per le scorse settimane, i volumi si sono di nuovo abbassati, anche in concomitanza della scadenza di diverse opzioni. Buon segnale? Neutro. Anche se il dull market, ovvero un mercato con volumi scarsi, è sempre più pericoloso da shortare.

  • L’assalto degli short? Definitivamente fallito, almeno per ora

L’assalto organizzato degli short sembra essere definitivamente fallito, almeno per ora. Moltissime posizioni hanno innescato margin call e tante altre sono state, pertanto, chiuso. Il grafico è d’altronde impietoso su questo specifico aspetto e lascia pensare che quanto si stava preparando, ovvero una sorta di attacco finale per portare BTC ai minimi di nuovo, ovvero sotto quota 28.000$, sia da considerarsi come definitivamente fallito.

Pattern wyckoff - a cura di Criptovaluta.it
Secondo alcuni esperti potremmo essere al punto contrassegnato in arancione del Wyckoff pattern

Come orientarsi per i prossimi giorni di trading e investimento su Bitcoin?

Non abbiamo elementi per ritenere che quanto abbiamo fissato all’interno delle nostre previsioni Bitcoin sia da sconfessarsi. Il macro-canale rimane quello tra 30.000$ e 40.000$, con supporti e resistenze intermedi che serviranno appunto per capire come si sta evolvendo il trend, ovvero a 33.500$, 35.500, 38.000$.

Saranno questi i livelli da guardare, con moltissima attenzione, per le prossime ore e per i prossimi giorni in attesa probabilmente di qualche notizia esogena ai grafici e alla lotta tra orsi e tori, che sarà necessaria per smuovere il mercato al rialzo o al ribasso.

Tutto questo non vuol dire, ovviamente, che non ci saranno movimenti di prezzo. Ma questi, se dovessero permanere queste condizioni, saranno da attendersi sul breve e brevissimo orizzonte e su canali molto ristretti. Canali che potremmo sfruttare con Capital.com (qui per un conto dimostrativo gratuito e illimitato), che permette di investire sia al rialzo sia al ribasso, anche con MetaTrader 4 e TradingView.

Le news fuori dall’aspetto tecnico? Molto positive

È stata anche una settimana molto positiva per quanto riguarda le news che arrivano dal mondo, per così dire, reale. Ovvero quel mondo dove Bitcoin continua a cercare di farsi strada, ad aumentare la sua adozione e a diventare un punto di riferimento non solo per il comparto delle cripto, ma anche per chi vuole investire il proprio capitale di rischio.

  • Jack Dorsey continua a puntare su Bitcoin

E non parliamo di acquisti, ma di importanti iniziative che vedranno coinvolta Square insieme ad Ark Invest. Obiettivo? Diffondere Bitcoin anche tra le grandi e grandissime aziende, possibilmente con toni e atteggiamenti più strutturati rispetto a quelli di Michael Saylor.

  • A El Salvador i preparativi procedono a ritmi sostenuti

Esatto. El Salvador sta passando a Bitcoin sul serio e ha presentato anche il suo wallet, CHIVO, tramite il quale i residenti nel paese potranno ottener 30 USD in Bitcoin per iniziare ad utilizzarli. Una somma piccola ma importante per spingere all’utilizzo di BTC, con un fondo statale che farà da garante per il tasso di cambio.

Tutto sembrerebbe pronto per il prossimo 7 settembre, che sarà la data di introduzione ufficiale di Bitcoin come valuta avente corso legale. Qualcosa di importantissimo non solo per BTC e per le criptovalute, ma più in generale per il paese, che sarà il primo del mondo ad implementare scelte di questo tipo.

Scelte che potrebbero essere riprese dalla Tanzania? Forse sì, anche se ci sarà ancora da aspettare per capire cosa stiano preparando nella banca centrale. Diversa invece la situazione del Paraguay, per la quale tanti colleghi hanno preso una cantonata incredibile per poi correre a cancellare le fake news.

La situazione di Bitcoin rimane comunque molto interessante – e di spazio, per chi vuole iniziare ad investire adesso con un atteggiamento di lungo e lunghissimo periodo, sembrerebbe essercene più che a sufficienza.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *