Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / ARPA Chain cos’è | Blockchain in boom grazie a privacy e elaborazione dati

Arpachain - volo sul mercato

ARPA Chain cos’è | Blockchain in boom grazie a privacy e elaborazione dati

Il mondo delle criptovalute non finisce mai di stupire. Le applicazioni della blockchain sono infinite – e alcune di queste possono seriamente rivoluzionare le loro industrie di riferimento. È il caso di $ARPA, dell’omonimo network – che oggi cresce in doppia cifra, portando sul palcoscenico un protocollo che vede, tra i suoi partner, enti internazionali importanti come JD.COM e Sinochem

Arpa punta ad implementare su blockchain calcoli e modelli sui dati condivisi, pur preservando un alto livello di privacy per i dati che vengono trattati, una modalità di utilizzo particolarmente interessante per la data economy – in particolare quando questa è legata a dati sensibili o che non vorremmo condividere, anche in qualità di gestori, con terzi. 

Arpa chain introduzione di Criptovaluta.it
Un altro alt project emergente dalle grandi prospettive

Il token relativo, $ARPA, è già disponibile su Crypto.com – vai qui per ottenere un conto gratuito con bonus esclusivo di 25$ – exchange di grande qualità che è sempre estremamente attento alle novità più interessanti sul mercato, come nel caso di $ARPA. Possiamo investire sia con carta che con bonifico – o versando stablecoin da altri wallet. 

Che cos’è Arpa Chain e perché è interessante

Di blockchain dedicate alla privacy ne abbiamo già viste tante. Monero e Zcash sono state le prime a preoccuparsi, ad esempio, della privacy degli elementi coinvolti in una transazione. Il discorso, con Arpa Chain è diverso. Perché grazie alla sua chain, che è già compatibile con Ethereum ed EOS, possiamo avere accesso a moduli e potenza di calcolo esterna, preservando però sempre la privacy dei dati che forniamo al sistema. 

Un compromesso ideale per chi deve trattare dati riservati e sensibili o semplicemente ha bisogno di una gestione minuziosa dei diritti di proprietà ai quali sono legati, per una soluzione che è oggettivamente innovativa, unica e potenzialmente già apprezzabile dall’industria che è legata al mondo della data economy

  • Legata ad un network computazionale off-chain

Questa è forse una delle novità più importanti tra quelle introdotte da questo protocollo. Perché abbiamo davanti un sistema che riesce a portare l’elaborazione dei dati fuori dalla blockchain, rendendola enormemente più efficiente, pur senza impattare sulla privacy e la sicurezza delle computazioni. Un sistema che può essere interessante per diversi comparti, come quello della salute, della pubblicità, dei servizi finanziari fintech e anche dei dati sensibili personali. 

Già tra le prime 200 – ma potrebbe esserci una buona possibilità di crescita anche futura

D’altronde basterebbe guardare ai partner che sono legati al progetto per rendersi conto della rilevanza, anche commerciale, del protocollo. Ne sono già parte Alibaba Cloud, insieme a SinochemStardust e JD.com. Aziende che tradiscono però un po’ la proiezione geografica naturale di questo network, che punta direttamente al lontano oriente e in particolare alla Cina, con la partnership anche con l’Università Zhehiang

Il fatto che sia già listato su tanti exchange, tra i quali operatori di peso come Crypto.com è segnale inequivocabile della grande attenzione che questo protocollo sta già raccogliendo. Cosa che invitiamo tutti a fare: seguire ARPA Chain ed eventualmente considerarla per l’allocazione del nostro capitale dedicato alle criptovalute a bassa capitalizzazione.

D’altronde l’aumento dei volumi sulla sua rete – che è poi parzialmente responsabile del boom di oggi, è più che chiaro sulle intenzioni di sviluppo di questo protocollo.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *