Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Bull run incredibile di Voyager | Perché è la migliore sul mercato [ANALISI]

VOYAGER BULL RUN

Bull run incredibile di Voyager | Perché è la migliore sul mercato [ANALISI]

Di token legati agli exchange ne abbiamo già analizzati tanti all’interno delle nostre guide e dei nostri approfondimenti. Abbiamo anche in passato già parlato di Voyager – intermediario che ha avuto un importante crescita negli ultimi mesi, anche grazie a strategie molto aggressive sul mercato.

Oggi il token di riferimento del gruppo, $VGX, fa un enorme balzo in avanti e torna di prepotenza tra le prime 100 criptovalute per valore di mercato. Un salto in avanti che è dovuto, neanche a dirlo, alla quotazione presso un altro exchange, di spessore e popolarità decisamente più elevati.

Coinbase quota Voyager - analisi
Incredibile spinta su Voyager – grazie a Coinbase

Possiamo comprare Voyager Token, adesso, anche su Coinbase – vai qui per ottenere un conto gratuito – exchange unico al mondo ad essere quotato in borsa e che offre accesso a decine di criptovalute.

Incorpora anche una piattaforma professionale gratuita – e la possibilità di guadagnare cripto gratis grazie al programma Earn. Si possono comprare criptovalute sia con la carta di credito che via bonifico.

Voyager al +40%: cosa succede al token?

A spingere così in alto il prezzo di $VGX è stata, in primo luogo, la notizia dell’arrivo del token sui listini di Coinbase. Una notizia che, da che mondo è mondo, ha sempre degli effetti molto positivi sul prezzo del token oggetto della quotazione. Coinbase rimane l’exchange di criptovalute cruciale per le fortune dei progetti che vi vengono listati.

Cosa che innesca – lo abbiamo visto diverse volte nel corso dell’ultimo anno – delle bull run il cui valore viene in genere conservato da parte del token stesso. Ma c’è sostanza dietro questo token e dietro l’intermediario che rappresenta? Vediamo di vederci chiaro, anche in relazione a quanto siamo abituati a vedere in termini di criptovalute che sono legate a doppio filo al mondo dello scambio di cripto stesse.

Voyager: qualche informazione aggiuntiva

Voyager è più di un exchange – è una piattaforma che punta ad offrire per il mondo delle criptovalute gli strumenti che siamo soliti vedere all’interno del mercato dei broker finanziari, per un trading professionale dei principali asset crypto. Il servizio è nato nel 2018 e per il momento offre un listino ultra-selezionato dei migliori asset di questo comparto di mercato.

Il gruppo ha anche recentemente acquisito Coinify, servizio che ha permesso a Voyager di integrare sistemi di pagamento tramite criptovaluta – che può così offrire al gran numero di clienti che sta raggiungendo. Un servizio pertanto che punta a crescere, diventando una sorta di hub del mondo delle criptovalute in grado di ritagliarsi una nicchia ben precisa: da un lato chi vuole strumenti di trading avanzati sul mondo delle criptovalute, dall’altro chi vorrebbe utilizzare il proprio bilancio anche per spendere le criptovalute.

Utilità del token all’interno dell’exchange

Il token $VGX è molto simile a $CRO, il token di Crypto.com. Viene infatti utilizzato per partecipare a diverse campagne di fedeltà che offrono premi e ricompense. Può inoltre essere messo in staking – cosa che permette di ottenere dei rendimenti variabili e, rispetto alla media di mercato – piuttosto alti. Siamo davanti ad un classico token utility – che in alcuni aspetti ricorda anche Binance Coin.

Le previsioni per il futuro? Coincidono con l’andamento di Voyager come gruppo di servizi: se riuscirà effettivamente ad imporsi sul mondo commerciale, potrebbero esserci delle prospettive molto interessanti. Per un gruppo di questa caratura, che vede al suo interno dirigenti che arrivano da aziende di un certo spessore – tutto lascerebbe pensare ad una crescita più che probabile per il futuro.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *