Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Shiba Inu Coin e DOGE più ricercate sul web? | Occhio.. è una fake news!

DOGE SHIB FAKE

Shiba Inu Coin e DOGE più ricercate sul web? | Occhio.. è una fake news!

Purtroppo il mondo del giornalismo che riguarda le criptovalute, anche quando legato a testate molto prestigiose, non è sempre al top. Quanto sta circolando in queste ore, ovvero il fatto che Dogecoin supererebbe per ricerche Bitcoin ed Ethereum messi insieme, almeno negli USA, è in realtà falso.

Una news che aveva riguardato parzialmente anche $SHIB, che sarebbe stata la seconda (e la prima in diversi stati) nel complesso ad essere ricercata dagli americani. Purtroppo per queste due criptovalute non è vero nulla, cosa che però, al contrario di quello che si potrebbe sembrare, è un’ottima notizia per i due protocolli.

Fake News Shib e Doge - ecco perché
Doge e Shib più cercate di Bitcoin? Fake news!

Sì, perché se di fronte ad un hype di questo tipo i prezzi fossero continuati a scendere, ci saremmo trovati in grossi guai. In realtà, l’hype descritto da diversi giornali non è concreto. Lasciando dunque spazio ad una ripresa di Dogecoin e anche di Shiba Inu Coin.

Che cos’è successo e come si è diffusa la fake news

Si tratta di una notizia che circola da qualche ora, e che dopo diversi rimbalzi ha raggiunto anche realtà editoriali ben più blasonate della nostra. Il tutto senza che si sia capito chi abbia diffuso i dati, che sono però erronei. Si parla infatti di un monte ricerche su Google – almeno per gli Stati Uniti – che vedrebbe Dogecoin al primo posto e $SHIB subito al secondo, addirittura superando Ethereum e Bitcoin in combinazione.

Ricerche SHIB - DOGE - BItcoin
La vera mole di ricerche

Qualcosa che – i dati di Google Trends sono liberamente disponibili per tutti – in realtà è facilmente verificabile, come abbiamo fatto con la nostra redazione. Ovviamente Bitcoin è di molto più ricercato di queste due criptovalute, anche per questioni legate al suo valore di mercato, con solo poche circostanze durante le quali l’attenzione, in particolare di $SHIB è riuscito a superarla.

Tuttavia nulla di quanto è circolato sulle blasonate riviste a cerca di click, che stanno contribuendo a diffondere una fake news senza arte né parte, raccontando una realtà che sta facendo più male che bene a questi token.

In realtà è un’ottima notizia

Il fatto che quanto raccontato dai giornali non sia vero è in realtà un’ottima notizia. Perché la price action tanto di $DOGE quanto di $SHIB – i due meme token per eccellenza, anche se oggi è riduttivo trattarli così – è stata molto fiacca nelle ultime settimane.

Se ci fosse stato davvero un picco di ricerche in questo senso, sarebbe stato un grosso problema per entrambi i network, perché in concomitanza di un boom di ricerche avremmo avuto un prezzo calante. Invece nulla di tutto questo si è verificato.

Ci sono inoltre molte occasioni affinché l’hype giusto torni a montare. Pensiamo gli ATM collegati a ShibaSwap – e a tanto che si sta muovendo anche da Dogecoin in termini di innovazione tecnica. Siamo molto lontani dal picco, anche di ricerche, che entrambi i protocolli potrebbero raggiungere. Con buona pace di chi, per qualche click, o mette in giro notizie false, oppure non verifica pur avendo la responsabilità di un nome altisonante nel settore.

Noi dal canto nostro continueremo a condurre la nostra battaglia, anche rinunciando a qualche click e scoop, per riportare soltanto lo stato dell’arte e la realtà che circondano il mondo delle criptovalute.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

3 commenti

  1. Questo è uno dei più bei articoli che io abbia mai letto. Finalmente qualcuno che smentisce invece di costruire audience su comode panzane. Che esorta ad aprire gli occhi e muovere le terga per verificare le notizie invece di accettare passivamente le chiacchiere da TG come fossero vangeli.
    E se potessimo, ognuno nel proprio piccolo, smentire tutte le panzane che circolano sotto la googlabile ricerca di bitcoin (crypto, defi …), sono sicuro che la old economy inizierebbe a sgretolarsi rapidamente diventando un mucchio di polvere tra le dita dei banchieri “sciuponi”, e cartastraccia nei portafogli dei possidenti “arraffoni”.
    Se poi iniziassimo a scovare verità malcelate sulle meccaniche divine legate al pomposo e fumoso concetto di finanza, allora ci renderemo conto che sotto le munifiche parole di “regolamentazione” e “tutela” si nascondono i più biechi ed egoistici concetti di “dominio” e “affabulazione”.
    Difficile sarà uscire dall’abitudinario concetto di segreto all”inglese (legata agli antichi giochi di palazzo e dominio di stirpe): un segreto che conoscono tutti, e che tutti sanno essere segreto. Così nessuno ne parla e tutti si dimenticano anche di conoscerlo.
    Abbiamo bisogno di altri articoli come questo. Verità semplici e ovvie (come dovrebbe essere la verità: semplice e ovvia) basate su dati concreti, al posto di vane speranze condite su baluardi di dominio.
    Complimenti ragazzi.

  2. Marco Pellegrino

    Salve, vi vorrei chiedere se sapete qualcosa in più sulla nuova crypto Lunar LNR che sta facendo numeri impressionanti, e cosa ne pensate.
    Grazie

    • Ciao , si tratta di una Aimm e la trovi solo su Pancakeswap. Ha capitalizzazione bassissima, per il momento non reputata idonea di approfondimento.
      Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *