Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Aave: Arrivano i primi 30 istituzionali | Ecco cosa cambia per il protocollo

ISTITUZIONALI PER ARC

Aave: Arrivano i primi 30 istituzionali | Ecco cosa cambia per il protocollo

AAVE Arc è finalmente realtà. Uno dei protocolli più apprezzati ed utilizzati nel campo della finanza decentralizzata si apre finalmente, per iniziare, a 30 istituzioni finanziarie, diventando ufficialmente ponte tra DeFi e finanza classica.

Qualcosa sul quale si era già a lavoro da tempo e che oggi vede la luce del sole, con il più importante lending protocol del mondo della blockchain che diventa così punto di riferimento dell’intero universo finanziario globale.

AAVE: arrivano i primi 30 clienti istituzionali
Arrivano i primi 30 istituzionali da Arc

Un’ottima notizia anche per il token $AAVE, che possiamo trovare sulla piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratuito con 100.000$ di CAPITALE VIRTUALE – utile per testare il nostro investimento in AAVE nonché tutte le funzionalità della piattaforma, che è leader del comparto fintech e propone servizi unici, che non possiamo trovare altrove.

Possiamo infatti utilizzare in via esclusiva qui il CopyTrader – per copiare il top dei trader con un solo click oppure per spiare ogni loro movimento – oppure rivolgerci ai CopyPortfolios, che permettono di investire su panieri cripto che includono tutti i cripto asset al top. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Arriva la whitelist dei primi 30 istituzionali su AAVE

In realtà era da tempo che sapevamo dell’apertura di AAVE ai clienti istituzionali, cosa che è già partita in Svizzera tramite SEBA. Ora però arriva l’ufficializzazione dei primi 30 che potranno utilizzare AAVE Arc, piattaforma concepita per la compliance totale con le richieste del legislatore paese per paese, che permetterà appunto a società e investitori istituzionali di accedere alle pool di liquidità del più grande protocollo di lending del mondo cripto.

Una mossa importante per AAVE, che così riafferma la sua superiorità non solo tecnologica ma anche di carattere commerciale, con un lancio che cambia per sempre le carte in tavola del settore DeFi, di cui $AAVE è uno dei protocolli più rappresentativi.

AAVE Arc permetterà pertanto a istituzioni e compagnie di ottenere in prestito o offrire in credito crypto asset, maturando anche gli interessi che la piattaforma calcola automaticamente. Si tratta però di un protocollo diverso almeno nelle modalità di accesso, perché i partecipanti per l’appunto devono essere prima approvati. Il protocollo inoltre include anche delle procedure KYC, anche queste richieste della compliance in praticamente tutto il mondo.

Cosa cambia per AAVE?

Si tratta di un passo enorme in avanti per il protocollo, che diventa così il primo ad imbarcare con tutti i crismi richiesti dalla legge trenta clienti istituzionali. Un passo di svolta importante anche per il mondo della DeFi in generale, al quale oggi i dovrà guardare con minor sospetto.

L’arrivo della notizia ha contribuito a risollevare – pur rimanendo in rosso – una giornata pessima per $AAVE e per tutto il comparto. Ma in presenza di notizie di questo tipo non è al breve e brevissimo periodo che si deve guardare. Quanto avvenuto infatti permetterà al protocollo una diffusione inimmaginabile fino a qualche tempo fa. E i trenta iniziali potranno presto allargarsi con un nuovo round di approvazioni, che renderanno la platea di soggetti istituzionali che interagiscono sulla piattaforma ancora più folta.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *