Home / Polygon Matic: il Burn è attivo | Ora è ufficialmente live – Cosa succederà?

Burn Matic ufficiale

Polygon Matic: il Burn è attivo | Ora è ufficialmente live – Cosa succederà?

Seguendo quanto avevamo annunciato lo scorso mese, è finalmente attivo il burn anche su Polygon Matic, dato che il protocollo introduce tutto quanto è necessario per essere in linea con EIP-1559, che era stato già introdotto su Ethereum.

Qualcosa di interessante per gli investitori, anche se in realtà quanto verrà burnato sarà una piccolissima parte dei token disponibili di questa criptovaluta. Ottimo segno comunque, anche in termini di ritmo al quale Polygon Matic può fare in termini di adeguamento alle scelte di Ethereum.

Polygon Matic parte con il burn -
Matic parte con ufficialmente con il burn

Possiamo trovare $MATIC anche sulla piattaforma crypto eTorovai qui per ottenere un conto di prova con 100.000$ di capitale virtuale – intermediario che l’ha inclusa da tempo all’interno del suo listino di 42+ criptovalute. Listino che include tanti dei migliori progetti del momento.

Sempre qui da eToro possiamo trovare quanto necessario per investire automaticamente grazie al CopyTrader, sistema che ci permette di copiare i migliori presenti sulla piattaforma. Possiamo poi approfittare anche dell’ottimo CopyTrader, che ci permette di investire su panieri cripto che includono più token. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

È ufficiale: EIP-1559 integrato sulla chain di Polygon

Ci siamo. Nel cuore della notte in Italia e al blocco 23.850.000 Polygon Matic ha ufficialmente implementato sulla sua chain EIP-1559, nelle stesse modalità che abbiamo già visto su Ethereum e che permetterà al sistema di burnare una quantità, seppur relativamente piccola, della sua supply.

Secondo le simulazioni del team che gestisce Polygon Matic siamo davanti alla possibilità di vedere circa lo 0,27% della supply totale di $MATIC ogni anno. Una percentuale che forse non entusiasmerà gli investitori, ma che è comunque un ottimo punto di partenza per il protocollo.

Il tutto all’interno di una sorta di ricongiungimento con la rete principale che anima $MATIC, ovvero Ethereum, che già da tempo con il London Hard Fork era passata ad una soluzione del genere.

Cosa vuol dire in concreto il burn di $MATIC?

Quando parliamo di burn ci riferiamo ad una procedura che rimuove dalla circolazione una parte dei token e li rende inutilizzabili per il futuro. Fattivamente i token non sono più utilizzabili e quindi non possono essere più venduti. Una sorta di riduzione del monte totale di token che sono disponibili.

A domanda inalterata, questo comporta una riduzione dell’offerta – e sebbene nel caso di $MATIC siamo davanti ad un burn di entità modesta, ci sono comunque degli ottimi risvolti attesi sul medio e lungo periodo. Una buona notizia per tutti gli investitori in $MATIC, criptovaluta che fa parte anche del nostro portafoglio di investimento – in posizione piuttosto preminente.

Matic: tutti puntano su un futuro molto interessante

Nonostante una giornata che si è aperta in modo pessimo per tutto il comparto, con $MATIC che è una delle criptovalute che soffre di più in queste ore, in realtà l’outlook da parte di tutti i migliori specialisti è positivo.

Questo anche perché Matic continuerà a rimanere rilevante anche successivamente al passaggio di Ethereum ad una validazione POS, che sebbene sia attesa da molti come la soluzione finale ai problemi di congestione, dovrà in realtà continuare a fare riferimento al mondo delle sidechain e dei Layer 2.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *