Home / SEC non fa più paura a Bitcoin | Minacce di Gary Gensler ignorate da BTC

SEC fiacca nelle minacce

SEC non fa più paura a Bitcoin | Minacce di Gary Gensler ignorate da BTC

È assalto alla diligenza? Oppure l’ennesima operazione di FUD che prova a spaventare i mercati, questa volta senza riuscirci? L’Amministrazione Biden ha già confermato di voler riorganizzare l’assetto delle authority che controllano i mercati, in particolare in relazione alle criptovalute.

Sul tema è intervenuto, neanche troppo tra le righe, Gary Gensler di SEC, che ha confermato che a presto ne avremo delle nuove sulla capacità di intervento della authority sul mercato cripto.

SEC su Bitcoin e cripto
SEC minaccia con un vorrei ma non posso, in attesa del documento presidenziale

I mercati però non hanno affatto risentito di questa notizia – e anzi si trovano oggi in una fase di recupero e crescita, per tutti i comparti. Fine della paura? Chi vuole può investire su questa fase con la cripto piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratis con TRADING AUTOMATICO incluso – intermediario che oltre a proporre strumenti esclusivi è anche tra quelli che offrono listini ben curati di criptovalute.

Abbiamo all’interno di questo scambio strumenti quali il CopyTrader, che permette il trading automatico tramite la copia delle posizioni dei migliori, così come di spiare i loro portafogli e movimenti. Chi preferisce un’esposizione più ampia all’interno del mercato, può farlo con gli Smart Portfolios, in stile ETF, con panieri che ci permettono di investire in modo immediato. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

SEC in carica per quanto riguarda le criptovalute? Non è così semplice

Tutto parte dall’attesa di un ordine presidenziale, che per l’amministrazione Biden avrà il carattere del testo inerente la Sicurezza Nazionale, che punterà a riorganizzare le competenze tra la pletora di agenzie che potrebbero avere potere di normare e di indagare sul mercato delle criptovalute.

Gensler è stato relativamente chiaro: le piattaforme che offrono exchange e anche sistemi di prestito su cripto dovranno scendere a patti con SEC, che per il momento non ha alcun tipo di giurisdizione sulle criptovalute, e che per esempio ha potuto muovere guerra a Ripple soltanto dopo aver sostenuto che si trattasse in realtà di titoli finanziari e non di una cripto in senso stretto.

Che sappia qualcosa che sarà pronto la prossima settimana e che gli altri non sanno ancora, almeno tra il pubblico? Forse sì, anche se non è la prima volta che ai proclami del comandante in capo di SEC non segua molto, neanche in termini di mercato.

Ci sarà in ogni caso un’opposizione feroce

Un’opposizione che non manderà a dirle, dato che ormai da qualche mese il tema cripto ha assunto tutti i canoni del terreno di scontro politico. In area Repubblicana sembrerebbero avere un atteggiamento decisamente più morbido verso il mondo cripto e si punterebbe a controproposte che lascerebbero più ampio spazio di manovra al mondo di Bitcoin & co.

Difficile pensare che anche un ordine presidenziale possa riorganizzare in così breve tempo non solo il settore degli exchange e la giurisdizione di SEC, ma anche un tavolo di intesa con i protocolli che offrono lending e altri servizi legati al mondo DeFi.

Per il momento si tratterebbe pertanto di posizioni politiche insostenibili poi nella realtà, in particolare per quanto riguarda i protocolli DeFi, che sono giuridicamente ben più sfuggenti degli exchange.

La reazione dei mercati che è stata pressoché nulla dovrebbe dare la misura di quanto ci si aspetta: un nulla di fatto e al massimo una riorganizzazione di massima ma con i tempi burocratici soliti. Senza che il mercato cripto possa risentirne più di tanto, nonostante il grande nervosismo sui mercati.

Diverso sarà il discorso nel caso di over reach del documento: ma è qualcosa che, con le elezioni in Novembre, sembrerebbe essere, a meno di clamorosi stravolgimenti, da escludersi.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Le crypto non hanno “stato” ringraziando il cielo. Devono spegnere internet. Poco probabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *