Home / Causa Ripple vs SEC: siamo agli sgoccioli | Parlano gli avvocati

Ripple contro SEC agli sgoccioli

Causa Ripple vs SEC: siamo agli sgoccioli | Parlano gli avvocati

Si era parlato di accordo imminente, ma le cose potrebbero diventare più complicate di così, almeno stando a quanto riportato da Jeremy Hogan, che è uno degli avvocati che sta seguendo più da vicino la causa di Ripple contro SEC.

Secondo Hogan il limite che Ripple Labs si sarebbe data è tra settembre e ottobre 2022 per il termine della causa. Un termine del contendere in tribunale che libererebbe delle enormi risorse per il gruppo. Risorse che potranno essere impegnate anche per la quotazione in borsa del gruppo.

Ripple vs SEC agli sgoccioli
Ripple e SEC: ormai manca poco alla fine della causa

Una buona, anzi un’ottima notizia per $XRP, che continua ad essere scambiato a prezzi che riteniamo essere ancora interessanti rispetto a quello che il protocollo potrebbe riguadagnare in futuro. Possiamo trovare $XRP su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e con il MEGLIO degli STRUMENTI per INVESTIRE – intermediario unico per quanto riguarda anche le potenti funzionalità Fintech che incorpora in via esclusiva.

Qui troviamo infatti il CopyTrader che propone il top per il trading automatico, in quanto consente la copia degli investimenti e delle posizioni altrui. Abbiamo anche il top in termini di investimenti diversificati: gli Smart Portfolios sono panieri cripto in stile ETF senza che ci siano però costi di gestione associati. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Jeremy Hogan: causa al termine entro settembre o ottobre

I termini che Jeremy Hogan fissa arrivano direttamente dagli avvocati che stanno seguendo la causa di Ripple. Il termine che si sarebbero dati per portare a conclusione la causa che vede contrapposta Ripple Labs, la società che gestisce il protocollo, a SEC è per il prossimo settembre-ottobre. Una scadenza che, dati i tempi processuali non brillanti anche negli USA.

Quando finirà la causa tra Ripple e SEC? Ripple pensa che terminerà tra il 26 agosto e il prossimo 18 novembre. La class action degli investitori ha accettato di essere spostata infatti al 18 novembre, data per la quale si crede che l’altra causa sarà terminata. Ovviamente c’è possibilità di accordo IN QUALUNQUE MOMENTO.

Questo è quanto riportato da Jeremy Hogan, che per l’appunto è avvocato molto vicino alla causa e che almeno fino ad oggi ha un ottimo record per quanto riguarda le informazioni che ha offerto al pubblico.

Invitiamo però il nostro pubblico a prendere in considerazione in particolare la seconda parte dell’affermazione di Jeremy Hogan: la trattativa sarebbe ancora sul tavolo e potrebbe essere portata a termine in qualunque momento.

Conviene aspettare a questo punto?

Dipenderà dal delicatissimo rapporto tra costi per Ripple interni all’accordo e costi della causa che potrebbe trascinarsi fino a ottobre. Con ogni probabilità sarebbe conveniente poi in termini di immagine per SEC arrivare ad un accordo, che eliminerebbe la possibilità di sconfitta e dunque di pessimi riflessi sul prestigio dell’authority.

Sta di fatto che saremo davanti ad una leggera incertezza prima di un forte segnale bullish, già entro il 2022, per XRP. Cosa che abbiamo incluso nelle nostre previsioni Ripple – che sono fortemente rialziste sia sul breve che sul medio e lungo periodo.

Ricordiamo inoltre ai nostri lettori che l’eventuale termine della causa permetterebbe a Ripple di quotarsi in borsa, così come anticipato da diversi partner.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *