Home / Flux si accorda con Terra Luna | Il token fa +20% in 24 ore

Flux vola sul mercato

Flux si accorda con Terra Luna | Il token fa +20% in 24 ore

In un mercato che è ancora in attesa di un ritorno su livelli di prezzo più interessanti e incoraggianti, c’è qualche piccolo spiraglio di luce, ancora una volta nell’orbita di Terra Luna. Sì, nell’orbita, perché il boom di Flux delle ultime 24 ore si deve proprio ad un accordo importante tra le due parti.

Il tutto all’interno di un processo di rinforzamento di UST, lo stablecoin targato Trra Luna, che presto si potrà appoggiare anche all’importante infrastruttura di Flux.

$FLUX vola sul mercato - analisi di Criptovaluta.it
Boom sul mercato di $FLUX

Ottimo segnale anche per Flux, che cresce in doppia cifra. Possiamo investire su questo token anche con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE VIRTUALE ILLIMITATO – intermediario che ci offre un enorme assortimento di criptovalute, sulle quali poter investire con tutti gli strumenti che siamo soliti utilizzare per fare trading anche sugli altri mercati finanziari.

Possiamo infatti investire con MetaTrader 4 – la migliore piattaforma per l’analisi tecnica e per l’operatività – accompagnata anche da TradingView, che invece permette di fare analisi avanzate direttamente sul browser web. In aggiunta abbiamo anche un WebTrader proprietario che include anche intelligenza artificiale per l’analisi del portafoglio. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale in qualunque momento.

Flux e Terra Luna stringono l’accordo: $FLUX vola sulle stelle

Accordo tra Flux e Terra Luna, per una collaborazione che permetterà di integrare i loro ecosistemi. Da un lato dunque il protocollo controllato da Do Kwon, il cui enorme successo è ampiamente riconducibile al suo stablecoin e alle folli reward che offre a chi si appoggia ad Anchor e dall’altro un progetto Web3 del quale ci siamo trovati a parlare già più volte sulle pagine di Criptovaluta.it.

Secondo i commenti più autorevoli che sono già circolati su questo accordo, sarà un passo importante per garantire una certa resistenza di Terra Luna o meglio di UST dall’assalto dei regolatori, una delle superfici di attacco più ovvie per UST e della quale abbiamo parlato, anche se en passant, ieri con Paolo Ardoino di Tether.

Un rischio di attacco da parte del regolatore che viene così minimizzato, aggiungendo un altro tassello al decisamente importante piano di Terra Luna, che sarebbe quello di diventare il punto di riferimento di tutto il settore stable, puntando però su un token algoritmico e che sia fondamentalmente supportato anche da Bitcoin del quale ha già riempito le sue casse.

Il tutto all’interno di un ampio progetto per le collaborazioni in ambito Web3 e anche tra diverse chain, che permetterà inoltre ai token made in Terra Luna di operare su Zelcore di Flux e viceversa.

Flux fa il suo debutto ai piani che contano

Importante quanto avvenuto in particolare dal lato di Flux, nonostante anche Terra Luna stia in realtà accumulando valore nelle ultime ore, il tutto all’interno di una situazione di mercato lontana dall’essere brillante.

Nonostante pare che il picco sia stato già toccato da $FLUX, potrebbero esserci delle conseguenze importanti anche sul medio e lungo periodo di Flux, protocollo che solo qualche settimana fa si quotava su Binance e che oggi invece entra dalla porta principale del mondo cripto.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *