Home / Celsius Network: Caos da “Maretta” o MAREMOTO? | +10% nella crisi ma…

Cosa succede celsius

Celsius Network: Caos da “Maretta” o MAREMOTO? | +10% nella crisi ma…

Avevamo già parlato della particolare situazione di Celsius, che dopo il crack di Terra Luna è stata individuato come prossimo grande malato del settore cripto. Con il token che oggi guadagna in doppia cifra, è bene fare il punto della situazione, anche per capire se, come e quando potrebbero esserci gli estremi per una rinascita.

Rinascita sulla quale, lo anticipiamo, nutriamo più di qualche dubbio, dato che siamo davanti ad una situazione che sembrerebbe avere del paradossale, con chiacchiere su una presunta IPO, mentre i fondi di alcuni clienti sono stati bloccati.

Chi vuole cercare di cavalcare le montagne russe può farlo con Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA INFINITO – intermediario che ci permette di investire al top su tutti i principali strumenti cripto sul mercato, con 476+ asset a listino.

Al suo interno anche MetaTrader 4, la migliore piattaforma per fare trading sul breve e sul brevissimo periodo, insieme al WebTrader corredato della possibilità di fare short, cavalcando quelli che sono i sentori del mercato su questo progetto. Con TradingView integrato possiamo svolgere la nostra analisi tecnica aggiuntiva. E ci bastano solo 20€ per passare ad un conto reale.

Celsius sale del 10%: ma è tutto oro quello che luccica?

All’interno di uno dei momenti più complicati per Celsius arriva un rialzo importante, in doppia cifra, che però non deve trarre in inganno, perché la situazione da Celsius sembrerebbe essere tutto fuorché risolta. Oltre a quanto abbiamo già descritto qualche tempo fa su queste pagine, ci sono delle altre questioni che sono emerse nelle ultime ore che, oltre ad essere di enorme gravità, necessiterebbero di commenti pubblici da parte dell’azienda.

Chiarezza celsius
Alcuni recenti episodi richiedono chiarezza
  • Conti “on HODL”

Ci sono diversi utenti su Twitter che stanno lamentando di conti bloccati. Per sbloccarli sarebbe necessario, inoltre, contattare il servizio clienti. Cosa che sta ovviamente mandando su tutte le furie coloro i quali magari vorrebbero uscire dalle loro posizioni, in particolare durante una fase così turbolenta.

  • Secondo qualcuno corresponsabili del crack Luna

E questo rimane l’autentico elefante nella stanza. Secondo alcune società di analytics, uno dei sette wallet che avrebbe continuato a dumpare UST sarebbe legato proprio a Celsius. Per carità, legittimo, ma comunque una società di queste dimensioni dovrebbe renderne conto ai propri utenti e rendere più chiare le proprie strategie.

  • Quotazione in borsa

Sarebbe stato inviato a SEC un form S-1, che è quello che è necessario per la quotazione in borsa. Vale la pena di sottolineare come questo riguardi la sotto-società del gruppo che si occupa di mining. E che dunque la cosa potrebbe non avere risvolti diretti per i detentori del token.

Necessario ancora fare chiarezza

A nostro avviso da parte della società sarebbero necessari dei chiarimenti, tanto sullo stato delle finanze quanto sulle perdite effettivamente realizzate con il crack di Terra Luna. Una situazione che potrebbe essere problematica per la liquidità del gruppo.

Con paure derivate da questa situazione che hanno portato alla terribile performance del coken collegato nel corso delle ultime settimane. Una situazione che richiede dunque, per chiunque voglia investire, della massima attenzione. Per questo motivo consigliamo a tutti, a prescindere dal rimbalzo tecnico di oggi, la massima attenzione mentre ci avviciniamo a questo tipo di trade.

I rischi, almeno fino al chiarimento di alcune vicende da parte di Celsius, rimangono molto elevati.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *