Home / Bitcoin e Crypto: è crisi nera! | Crollo definitivo? Analisi

lunedì nero cripto

Bitcoin e Crypto: è crisi nera! | Crollo definitivo? Analisi

Lunedì nero: le borse europee e americane in subbuglio, così come il mercato cripto. Vendite a profusione, perdita di importanti supporti e più in generale panico generalizzato, per una situazione macro che non promette nulla di nuovo.

È proprio in questi momenti che diventa di massima importanza capire cosa potrebbe fare il mercato, come proteggersi e, per i più amanti del rischio, come mettersi alla ricerca di qualche mattone per ricostruire, ammesso che questo sia possibile in un mercato che davvero non promette nulla di buono.

Chi vuole cavalcare magari anche i ribassi può farlo con la piattaforma sicura Capital.comvai qui per testare il conto demo gratuito con capitale virtuale illimitato – intermediario che permette di investire anche al ribasso su 476+ cripto, con strumenti di livello professionale e che possiamo utilizzare anche per il trading di breve periodo.

Abbiamo infatti a disposizione infatti MetaTrader 4, che è ritenuta all’unanimità la migliore piattaforma per il trading, così come TradingView, che può essere integrata con il WebTrader proprietario, dotato anche di intelligenza artificiale per l’analisi del portafoglio. Con 20€ possiamo poi passare al conto reale di investimento.

Il lunedì nero dei mercati: guerra, inflazione e recessione continuano a terrorizzare

La situazione è in realtà la medesima che stiamo affrontando da qualche settimana, con un risk off potente e prepotente che sta coinvolgendo tutti gli asset di rischio. Con Risk off si individuano storicamente quelle fasi durante le quali ci si libera di azioni e di altri asset di rischio, rifugiandosi negli asset ritenuti più solidi per i periodi di crisi. Un movimento che però ha stupito i più, dato che già in tanti pensavano di aver trovato un bottom in zona 30.000$ per Bitcoin, cosa che è stata smentita apertamente dai movimenti di mercato di oggi.

  • Inflazione

I dati continuano ad essere impietosi e qualcuno dovrebbe chiederne conto a quelle banche centrali che parlavano di fenomeno transitorio e comunque sotto controllo. Le cose, è evidente oggi, non stanno esattamente così e gli interventi restrittivi si preannunciano come più duri di quanto preventivato soltanto qualche settimana fa.

Questa situazione continua ad esercitare delle pressioni ribassiste su tutti i mercati finanziari, che come vedremo più avanti sono tutti in profondo rosso nonostante siano già lontanissimi dai livelli di fine 2021.

Mercati finanziari soffrono - ecco perché
Sono tutti i mercati finanziari a soffrire
  • Guerra

Sembra che il vento all’interno della NATO potrebbe cambiare, almeno secondo le dichiarazioni del suo segretario, che avrebbe aperto indirettamente a dei negoziati tra Ucraina e Russia. Siamo però ancora in alto mare, dato che anche una soluzione del genere, con ogni probabilità, impiegherebbe settimane prima di far tornare la situazione, almeno economica, alla normalità.

Difficile poi pensare che i rapporti tra Russia e blocco occidentale possano tornare a quelli di una volta, almeno per quanto riguarda il gas. E questo è fonte di ulteriore preoccupazione a livello macro.

  • Incubo recessione

Anche qui, a meno di qualche artificio contabile, sembra che la situazione sia compromessa. Tutti gli istituti di statistica economica hanno rivisto al ribasso le previsioni, un tempo roboanti, che vedevano una rapida ripresa una volta usciti dalla questione COVID. Non è stato così: la Cina continua a perseguire una politica zero COVID e le complicazioni sul piano della supply chain internazionale non sembrano potersi affievolire, almeno per ora.

Come stanno andando i mercati?

In modo pessimo, con le criptovalute che avevano già aperto un tranquillo weekend di paura, weekend durante il quale i mercati hanno riversato tutta la loro ansia proprio sull’unico mercato aperto 24 ore al giorno.

All’apertura delle borse di lunedì però il ciclone si è abbattuto anche sui mercati azionari. FTSE MIB sotto di 3 punti, così come DAX, S&P 500, e Dow Jones (sebbene quest’ultimo messo marginalmente meglio). Una situazione spaventosa, che segnala come in realtà i mercati siano ancora nel panico più totale, con qualche specificità, come vedremo tra poco, anche per il mercato cripto.

  • Preoccupa(va) Celsius

Celsius è in pessime acque, dato che ha bloccato per gli utenti la possibilità di prelevare, segno che le riserve potrebbero essere in pericolo, se non già liquidate completamente. La situazione però sembra essere almeno parzialmente rientrata, dato che Nexo avrebbe fatto offerta per subentrare, offerta che dovrebbe essere resa pubblica a breve.

Sta di fatto che una parte del calo è sicuramente imputabile a questa situazione, che però potrebbe rientrare seppur con qualche perdita per i clienti attuali. Da continuare a monitorare.

  • Tutti guardano ad Ethereum

Tutti o quasi stanno guardando in queste ore ad Ethereum, che si trova su livelli di prezzo molto bassi e che viaggia con le stesse perdite del resto del comparto alt. Sono in molti a puntare il dito sulle difficoltà che il progetto potrebbe incontrare durante la fase di Merge, catalizzatore di preoccupazioni che si accumulano da tempo e delle quali avremo modo di parlare anche con Eugenio Benetazzo nella live programmata per domani sera alle 21:00.

È davvero tutto finito per Ethereum? Per ora chi la pensa così pecca, a nostro avviso, di eccessivo pessimismo (o ottimismo, a seconda dal lato dal quale si guarderà la vicenda). Storicamente Ethereum ha sempre avuto dei cali maggiori di Bitcoin nel corso dei bear market. Vediamo dove ci porterà questa volta.

  • Si stanno creando diverse occasioni

Almeno per chi guarda al medio e lungo periodo dato che tanti grandi token sono ormai n forte sconto. E potremo trovarli da eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratis con tutto il meglio del mercato – intermediario che offre i 72+ cripto asset migliori del mercato. Sempre con la massima attenzione, perché i mercati continuano ad essere estremamente nervosi ed il rischio è che continuino a ballare ancora per molto.

Sempre massima attenzione – tante cripto potrebbero sembrare occasioni, ma non lo sono

Cosa serve per uscire da questa situazione?

Semplice, o meglio, semplice non è, perché andrebbero gradualmente risolti i problemi di cui sopra, cosa che non porterà via un giorno, non porterà via una settimana ma con ogni probabilità diverse settimane di aggiustamenti graduali. Potremmo essere vicini al bottom, ma al tempo stesso vedere volatilità importante e non adatta a chi non vuole correre rischi.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

15 commenti

  1. Buongiorno a tutti e al mitico Gianluca Grossi. Stiamo attraversando una situazione unica, ci troviamo in mezzo a una collisione fra crisi climatiche, guerre, pandemie, inflazione alle stelle e probabile l’inizio di una grande recessione e un sistema globale votato allo sfruttamento senza fine. Tutto perchè le crisi volute dalle grandi lobby bancarie sono sfuggite di mano. Probabile che ci sarà un cambiamento nell’economia mondiale. Le cripto non spariranno, rimarranno quelle forti (Bitcoin, Ethereum, Solana) assieme alle fiat digitali e Bitcoin ritornerà sotto i 10.000USD di valore e a quel punto dovremo acquistare per sfruttare questo asset puntando sul lungo termine perchè prima di vedere Bitcoin su nuovi massimi credo che ci vorranno almeno una decina d’anni. A meno che non ci si disinteressi dell’inflazione e si voglia ritornare a drogare i mercati riversando liquidità negli stessi, non escluderei neanche questa soluzione se dovesse servire per salvare certe banche o certe istituzioni che hanno investito male i miliardi su Bitcoin e cripto quando erano ai massimi. Se vi ricordate nel 2008 la situazione dell’America era disperata con una fortissima recessione, collasso economico e sfiducia politica. Le elezioni erano vicine e all’epoca venne eletto Barak Obama. Le sue prime parole furono “Sono stato mandato per salvare il pianeta Terra” che tradotto voleva dire “Sono stato mandato per salvare il Sistema bancario”. E così fu, circa mille miliardi di soldi pubblici regalati agli speculatori. Perchè si fece di tutto affinchè Trump perdesse le elezioni? Perchè Trump è un’affarista e sapeva come contrattare con Putin e non avrebbe mai permesso l’invasione dell’Ucraina ma per salvare gli ennesimi errori degli speculatori c’era bisogno di una guerra e siccome il medio oriente non era più interessante da questo punto di vista si è scelto il cuore dell’Europa riversando tutte le colpe da una sola parte. Questa crisi può andare in qualsiasi direzione ma se si vuole evitare una guerra totale bisogna iniziare a cambiare qualcosa subito. Per noi è facile che stiamo a pensare quando rientrare sul mercato per acquistare a prezzi in saldo e attendere una risalita dei mercati ma nel frattempo ci sono persone innocenti che stanno morendo e non sanno nemmeno perchè.
    Buona giornata

    • 10-anni per nuovi massimi di btc sei esagerato questo inverno lo è gia

    • … sono d’accordo soprattutto sulle tempistiche cioè questa crisi economica non finirà domani e nemmeno dopodomani…e credo che la cosa più importante alla, fine per la sopravvivenza di tutto il mondo cripto sia l’adozione di massa delle criptovalute in generale perché finché siamo qui a parlare di ipotetici guadagni futuri ci si scorda che la cosa più importante è che bitcoin e altre criptovalute siano prima o poi parte della vita di tutti i giorni e non solo una nicchia..quando potrò andare a comprare qualsiasi cosa e dovunque… pagando in bitcoin o altri asset allora si potrà parlare di un vero e proprio futuro cosa che al momento è solo futuribile…

    • Pienamente d’accordo, se perde i 20k la soglia successiva sono gli 11k circa e siccome i 20k non sono un supporto così importante la probabilità è molto alta…..poi avremo tempo di riorganizzarci……

      • Ma siete tutti inesperti, dei mercati finanziari, è solo speculazione, è solo scoppiata una bolla come nella storia della finanza. Cattive notizie, crisi e pandemie sono solo scuse, i soldi seguono altre strade, ma che ne sapete voi!

        • Ciao Pasquale , quindi dal momento che ne sai più di tutti, immagino tu stia investendo molto e facendo accumulo.

          In che cosa se possiamo permetterci di chiedere noi comuni mortali?

  2. Buongiorno a tutti e al mitico Gianluca Grossi. Sono d’accordo anche con il Sig. Fabio, in questo momento ogni previsione è da prendere con le pinze. Per nuovi massimi intendo i 70.000USD di valore che potrebbe raggiungere anche prima ma dobbiamo ricordare che ci sono molte pressioni attorno a Bitcoin e molti si opporranno al cambiamento. Comunque qualora dovesse venire adottato a livello globale in stile El Salvador ed essendoci un numero limitato, il suo valore in futuro non potrà far altro che crescere. Un caro saluto a tutti.
    Buona giornata

  3. Accumulare? È ancora presto, è da maggio del 2021 che dico che ricomincerò ad accumulare qnd eth scenderà sotto i 500, btc sotto i 15.000 e bnb sotto i 100 dollari. La gente mi derideva. Dicevo, guardate i fondamentali, ci sono crypto che capitalizzano 10 volte più di multinazionali solide, ed hanno a differenza di queste ultime solo una stanza tre PC e qualche sviluppatore.

  4. Al di là di bitcoin che non credo cederà all’assedio, penso stia arrivando il momento dei progetti veri, importanti, solidi e soprattutto il momento di chi vuole investire in aziende che faranno il futuro della nuova finanza, ma come avrebbe detto mia nonna: prima di pettinarsi, bisogna spettinarsi.
    Ho evitato il dialetto.
    Ma rende l’idea……..
    Anni difficili davanti?
    Sì, ma non più di due, salvo catastrofi mondiali ovviamente.
    Buona giornata a tutti

  5. Buongiorno a tutto il gruppo. Vogliamo parlare di bolla? Può anche essere dato che molti retail entravano nel mercato comprando cripto minori pensando di far soldi facili e qualcuno ci è anche riuscito ma non è il caso di Bitcoin che ha dietro un progetto valido e probabilmente sarà destinato a diventare un’unità di conto in futuro. Sono d’accordo che il suo valore scenderà ancora ma arriverà il momento di caricare il camion e aspettare la risalita perchè Bitcoin è crollato diverse volte ma è sempre ritornato sui suoi massimi. Per rivedere una nuova bolla dovremo aspettare parecchio perchè saranno i retail di nuova generazione a riversarsi a capo fitto sul mercato in quanto quelli attuali stanno ancora piangendo le perdite.
    Buona giornata

  6. Buongiorno a tutti. Secondo voi c’è un limite virtuale da impostare per capire quando eventualmente poter nuovamente investire in Btc o Eth?
    Io comprai Eth quando 1 era = a 70€ ma da beota o visionario non ho mai venduto…
    Grazie mille per la vs cortese attenzione…

  7. Buongiorno a tutti e al mitico Gianluca Grossi. Stando a ciò che ha detto Benetazzo Ethereum non se la passa bene e ci sono grandi fondi che speculano per far abbassare ancora di più il suo valore così come per Bitcoin ma per quest’ultimo è un’altra cosa meno preoccupante. Secondo Benetazzo molti stanno vendendo Ethereum e meglio se ancora in profitto. I fondi si stanno comportando come nel caso di Game Stop solo che la community in quel caso è intervenuta acquistando in massa e ha salvato la società, ciò che ci vorrebbe ora per Ethereum. Sono pienamente d’accordo con Benetazzo, Bitcoin potrà raggiungere anche valori altissimi ma quando ci sarà una regolamentazione e una maggiore cultura finanziaria.
    Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *