Home / Bitcoin e Crypto: Scappano “tutti” ma… | Cosa fanno le banche internazionali?

SIX JP MORGAN

Bitcoin e Crypto: Scappano “tutti” ma… | Cosa fanno le banche internazionali?

Il grande crollo del mercato, che tra le altre cose non si è arrestato durante il weekend, comincia a mietere le prime vittime eccellenti. Il SIX, la borsa svizzera, aspetterà prima di buttarsi a capofitto nel settore come aveva annunciato e con ogni probabilità così faranno tanto altri nuovi che progettavano di aprire al mondo cripto.

Non ovunque però, perché come vedremo invece gruppi come JP Morgan e tanti altri continueranno indisturbati a costruire per le cripto e per Bitcoin, certi del fatto che il comparto è tutto fuorché morto. E che magari otterrà quella pulizia interna che in tanti si aspettavano prima di investire capitali importanti.

Chi vuole investire nel settore adesso farà bene a scegliere con grande cura, magari tra i progetti e i protocolli che sono disponibili su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e con il meglio degli strumenti FINTECH – intermediario che ci permette di investire su un listino di 75+ cripto scelte tra quelle che saranno più solide per il futuro.

Abbiamo inoltre strumenti quali il CopyTrader, sistema di trading automatico che ci permette di copiare i migliori trader che utilizzano questa piattaforma o di spiare. E abbiamo anche il WebTrader classico che invece ci permette di investire in panieri cripto già diversificati. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

SIX si fa indietro: ma il cancello ormai è aperto per Bitcoin e cripto

Nel weekend è arrivata la notizia di una sorta di ripensamento di SIX, il complesso della borsa svizzera, che ha rimandato il lancio di servizi su cripto e Bitcoin per i clienti istituzionali, prendendo come scusa il recente crollo del mercato e la grande incertezza che questi potrebbero continuare a vivere.

Unico hub cripto banche
Le banche cercheranno di presentarsi come unico hub

Una brutta notizia? Non necessariamente, perché ormai si era in dirittura d’arrivo e con ogni probabilità l’apertura avverrà comunque a distanza di qualche mese, quando la situazione si sarà calmata. La questione è comunque indice di quanto nervosismo ci sia, e del fatto che chi è “arrivato da poco” avrà maggiore difficoltà a portare avanti i suoi progetti, in particolare se dominato dalla paura.

Non tutti la pensano così: è il caso ad esempio di JP Morgan, che anzi approfitterà della situazione per presentarsi come interlocutore credibile per il settore, in particolare quello DeFi, continuando a puntare su tecnologie che piacciono molto ai mercati e in ambiente enterprise.

La mano lunga delle banche: ecco cosa può causare la crisi

Questa crisi sarà salvifica in particolare per gli operatori più strutturati – leggi le banche – che si vedranno servire su un piatto d’argento diversi anelli della catena. Che potranno così commercializzare a favore dei propri clienti e anche, in futuro, proponendosi come interlocutori regolamentati.

Il caso di JP Morgan è emblematico: il gruppo continuerà ad espandere i propri servizi di finanza decentralizzata da offrire principalmente ai propri clienti istituzionali. Con qualche sortita anche nel mondo CBDC, ora tornato incredibilmente di moda anche grazie alla debacle proprio del mondo cripto.

Altro fronte sul quale, alla ripresa, il mondo delle criptovalute e di Bitcoin si troverà a combattere. Oppure a concorrere con le idee di JP Morgan, come nel caso di Ripple, ma anche di Stellar XLM.

Persa una battaglia, sicuramente non la guerra

Anche e i prezzi sono estremamente preoccupanti, in particolare per chi magari era entrato sul mercato vicino ai massimi, questa volta la convinzione diffusa è che si tratti di un a battuta d’arresto molto difficile da digerire, ma al tempo stesso innescata da eventi esogeni, che poi hanno contribuito a innescare un ciclo di pulizia per i soggetti e gli intermediari in leva esagerata.

Con qualche effetto a catena che ha fatto pagare un prezzo anche a chi c’entrava poco o nulla. Ma di queste pulizie, nella finanza come nel mondo cripto, probabilmente c’è ciclicamente bisogno. Vedremo chi stava nuotando nudo e chi invece è solido a sufficienza da continuare il cammino cripto anche dopo una botta del genere.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

7 commenti

  1. Sono convinto che col varo delle CBDC tutto il comparto DeFi scoparira’. In questo modo il sistema finanziario istituzionale tornera’ ad avere il pieno controllo di depositi, prestiti e interessi, che e’ poi il loro core business, il controllo della massa monetaria.
    Se tutto va bene sopravvivera’ il comparto gaming e metaverse, vere e proprie sale giochi del futuro, dedicate a miliardi di alienati col reddito universale. Il metaverse trovera’ applicazione anche nell’istruzione statale di massa, di basso livello, sempre piu’ lontana dall’istruzione di qualita’ che gia’ ora bandisce ogni tecnologia fino ai 16 anni.

  2. Buongiorno a tutto il gruppo. Io investo nei titoli da oltre trent’anni e devo riconoscere che è molto più rischioso investire in un mercato bull che in un bear market ma questa regola potrebbe valere anche per il mercato cripto tenendo conto che il mercato cripto per ora è rappresentato secondo il mio modesto parere da Bitcoin, Ethereum e Solana per investimenti a lungo termine. Potrei sbagliarmi ma il resto secondo me è pura speculazione, con questo non voglio dire che non si possa guadagnare anzi conosco persone che con Shiba Inu hanno ripagato tutti i debiti e si sono anche riempiti il portafoglio.
    Buona giornata e buon business a tutti

    • Addirittura con shiba hanno fatto così tanto si ma hanno messo anche tanto presumo

    • faccio una fatica enorme a leggere commenti come questo. E mi parevi pure uno un minimo informato. Tutta speculazione a parte BTC ETH e SOL? Questo è il mondo delle blockchain?

      Ogni giorno che passa perdo più fiducia nell’umanità, ahimè!

      Questo è il mio ultimo post, un abbraccio a tutti quelli con cui ho interagito negli ultimi mesi 🙂

      Tranne uno dall’insulto facile diciamo XD

  3. Buongiorno a tutto il gruppo. C’è stato un periodo in cui shiba ha avuto delle buone performance se non erro era il periodo in cui era la cripto preferita di Elon Musk probabilmente hanno investito parecchio. In questo periodo in cui non c’è una regolamentazione per le cripto e il loro valore sale o scende a seconda dell’attenzione popolare che vi gravita attorno considero questo asset ancora puramente speculativo. Questa è una mia opinione personale ma considero la blockchain il futuro su cui bisogna investire adesso infatti sono due anni che ho una gestione patrimoniale in tema blockchain e big data e devo dire che dopo tutto quello che hanno passato i mercati sono ancora in attivo.
    Enorme rispetto per il commento di jacopo
    Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *