mercoledì , 28 Settembre 2022

Home / Dogecoin: la causa con Elon Musk si allarga! | Follia nei tribunali USA

TRIBUNALE DOGE MUSK

Dogecoin: la causa con Elon Musk si allarga! | Follia nei tribunali USA

La causa ai limiti del reale che è stata avviata contro Elon Musk per le sue supposte responsabilità per il crollo di Dogecoin si allarga a macchia d’olio, sebbene a ritmi decisamente contenuti. Oltre all’ormai famoso Keith Johnson, che farebbe l’elettricista nella vita di tutti i giorni e che avrebbe avviato una causa milionaria contro Elon Musk, si sono aggiunti altri accusatori, che avranno dovuto pur annusare il profumo di una causa potenzialmente molto ricca.

Causa che probabilmente sbarcherà sul terreno del nulla di fatto, che possiamo facilmente ascrivere all’insieme delle cause per fare rumore nello spazio cripto, magari in cerca di un po’ di visibilità, ma che comunque vale la pena di raccontare anche capire come in realtà ci si muove tra corti, tribunali e criptovalute – in uno spazio diventato molto più tossico anche in seguito alle rivelazioni sullo scandalo Avalabs di cui vi abbiamo reso partecipi.

Per Elon Musk comunque non dovrebbe trattarsi di grossi problemi, con il magnate che molto difficilmente sarà ritenuto responsabile di quanto avvenuto nello spazio di Dogecoin e anche del suo spettacolare calo, un calo comunque in relativo parallelo con il resto del mercato cripto, che continua a vivere momenti di grande difficoltà.

Una causa farneticante contro Elon Musk e ora anche Dogecoin

La causa era stata avviata in realtà qualche mese fa da tal Keith Johnson, elettricista del New England che ha avanzato richieste per 258 milioni di dollari contro Elon Musk, da lui ritenuto responsabile di una sorta di schema di pump e dump che ha avuto per oggetto il meme coin più importante e conosciuto di sempre.

dogecoin musk causa
Doge al gabbio?

Un meme coin che in molti ricorderanno essere il vero pallino del magnate di Tesla, che ebbe anche a difenderlo e a prenderlo in giro in una ormai famosa puntata del Saturday Night Live. Il resto della storia dovrebbero conoscerlo tutti i cripto-appassionati. $DOGE, come il grosso del comparto, viene ora scambiato su livelli di prezzo decisamente più bassi di quelli di picco, con qualcuno che ha ben pensato di cogliere questa occasione per farsi pubblicità da un lato e per cercare di ottenere qualcosa, magari molto meno della cifra richiesta, dall’uomo più famoso del mondo.

Dov’è la notizia oggi? Semplice: si sono aggiunti altri 6 accusatori, che hanno tirato in ballo anche la Dogecoin Foundation e i personaggi più in vista di quell’ecosistema, anche tra quelli che non hanno più alcun tipo di legame con lo sviluppo e la promozione di Dogecoin.

Questo è quanto, per dare l’esatta proporzione di una causa che assume come spesso purtroppo accade i contorni della farsa messa in piedi per fare rumore e per cercare di ottenere dei ritorni economici.

La condanna ai tribunali per il mondo cripto

Quello dei tribunali rimarrà uno dei temi caldi per quanto riguarda il mondo cripto del 2022 e forse anche degli anni futuri. Oltre a questa causa surrettizia continueremo a vederne di diverse da parte di studi legali che fanno delle class action un grimaldello con il quale guadagnare e talvolta anche favorire altri progetti. Schemi e organizzazioni che stanno diventando però più trasparenti anche a causa di leak dei quali vi abbiamo parlato proprio su queste pagine.

Ne abbiamo parlato qui con Christen Ager-Hanssen, in relazione a quanto avvenuto con Kyle Roche, nella speranza che non sia la punta dell’iceberg di pratiche ai limiti del legale e dell’etico, messe spesso in piedi per spostare la competizione dal mercato ai tribunali. In questo caso sembrerebbero non esserci conflitti di interesse di questo tipo, ma rimane comunque triste vedere come parte dello spazio cripto debba continuare a fare i conti con questo tipo di situazioni.

Perché Elon Musk potrà piacere o non piacere, ma ritenerlo in toto responsabile dell’andamento del mercato cripto è una follia che nessun tribunale dovrebbe prendere per seria.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

20 commenti

  1. La vera follia è che dogecoin sia la decima cripto, davanti a robetta come polkadot e matic, pur non servendo a un’assoluta ******
    Ah no scusate si può usare per comprare il portachiavi della tesla :ROTFL:

    • È esattamente quello che ti ostini a non capire, il mercato.
      Se tu volessi acquistare un bel maglione caldo per l’inverno ed essere sicuro che tra 10 anni avrai ancora quel maglione, tu lo acquisteresti da Gucci o da Cucinelli?
      Io senza ombra di dubbio da Cucinelli.
      Ma che mercato ha Gucci?
      Che visibilità ha nel mondo e quale capitalizzazione?
      Gucci è meglio di Cucinelli?
      Assolutamente no…..ma il mercato la pensa diversamente, quindi il maglione lo compro dal secondo e investo sul primo.

      • Non è che non lo capisco, è che mi fa ridere. Siamo ancora veramente early!

        Ps pessimo paragone. Mettila cosi: se hai fame compri 1 popcorn o 2 kg di pane? Ecco, vedrai in futuro come finiranno pane e popcorn 😀

    • Perché le giraffe hanno il collo lungo?
      Semplicemente perché la selezione naturale ha favorito le giraffe che avevano il collo più lungo e si potevano nutrire delle foglie degli alberi e sempre la selezione naturale ha favorito la genetica di quelle giraffe.
      Il mercato si evolve, quello di 100 anni fa non è quello di oggi e quello di oggi non sarà quello che ci sarà tra 10 anni.
      Adattati o farai parte delle giraffe dal collo corto che a quanto pare si sono estinte.
      Nessuna via è il segreto.

      • Certo che mi adatto, a inizio anno ho venduto il 50% dei btc che avevo e li ho convertiti in eth, all’annuncio del merge 2 mesi e rotti fa anche il restante 50% – col senno del poi è stata una gran mossa. Peccato solo per un 30% di altcoin che ho tenuto… ma andare all-in mi pareva eccessivo
        Sicuro che sia io quello che non si adatta? *coff* 🙂
        (se avessi convertito btc in doge durante un bear market allora sì mi sarei fatto veramente male!)

        • Se sia stata una gran mossa lo vedremo tra una settimana 😁.
          Per il resto non intendo esporre tutti i miei movimenti passati, però ti consiglio di copiarmi il portafoglio di sole cripto che sto facendo……….

          • Ah, ovviamente non è un consiglio finanziario……..

          • al momento lo è: eth vale il 75% di quanto valeva a gennaio, BTC il 60%; BTC è su del 15% rispetto al bottom di giugno, eth del 95%. Ci vogliono palle (o bisogna essere un po’ toccati) per mollare BTC per una “altcoin” durante un bear market…
            Poi certo, fra una settimana chissà cosa diventerà questa “altcoin” 😀

            -manco questo è un consiglio finanziario-
            -il tuo paniere ha un 50% di bitcoin, se ricordo bene: il mio 70% eth 15% matic 15% wax, lo outperformerà duro (oppure esploderà e andrà a zero :D)-
            -sì lo so che non si fanno così i wallet, ma ho accettato il rischio di perder tutto da anni, quindi non me ne vogliate-
            -un giorno reinserirò massicciamente bitcoin; non ora, però-

  2. Ricordi male….ho detto che il 50% di btc lo holdo se si può dire così, e il resto lo gestisco .
    Il nuovo wallet è nuovo…..

    • Quindi BTC ne hai o no? Perché puoi chiamarli anche “portafoglio btc” e “portafoglio to the moon”, ma non è che poi metti solo le prestazioni di quello senza btc (se ho capito bene… perché a dir la verità non ho proprio capito una mazza di quello che stai facendo)

  3. Ciao Jacopo, allora per spiegare quello che faccio torno indietro ad agosto quando discutevamo sui supporti e resistenze.
    In quel momento non ti ho detto che se BTC non avrebbe sfondato i 25k sarebbe andato giù a testare nuovi minimi?
    Ecco, io li la mia parte che ho deciso di gestire l’ho venduta e l’ho ricomprata pochi giorni fa.
    È sbagliato?
    No!
    Perché tu questo, correndo i tuoi rischi puoi accumulare anche se sei sotto il prezzo di carico e quando tornerà al prezzo di carico potresti essere invece che a X BTC, sarai a X più 0,15 o magari più 0,25 o sei sei bravo magari anche X per 2.
    Anche su acquisti spot puoi mettere SL e TP devi solo sapere come fare.
    Ora cosa faccio?
    Aspetto e vedo cosa succede, perché è un bel po che non si vede un pump in sessione asiatica come quella di stanotte, ma settimana prossima è rischiosa, non perché penso che il merge abbia poi problemi, sono sicuro che lo staff di eth abbia due palle grosse come una casa sotto l’aspetto tecnico, ma a livello finanziario non si sa cosa succede, quindi deciderò al momento.
    Per il wallet nuovo invece è un nuovo investimento che ho iniziato ad agosto e terminerò tra dicembre e gennaio, poi vedrò di gestirmi il tutto allo stesso modo e btc lo terrò in cassa, come è andata è andata.
    Spero di essere riuscito a farmi capire ciao.

    • Non fa una grinza. Però scegli: o sei un trader o un bitcoiner. Al momento sei un trader. Non aiuti certo btc vendendolo e ricomprandolo, rispetto a chi lo holda.
      Quindi non voglio più sentire discorsi su “siamo in una guerra dobbiamo stringere i ranghi”, perché che ti piaccia o no tu stai col “nemico” ora come ora.
      Poi quando holderai potrai ripartire con la retorica della fratellanza, non prima 🙂

      • Chiariamo prima di esser fraintesi, non che ci sia nulla di male nell’essere uno schif.. ehm, un trader 😀
        Io al momento sto shiftando dal “son qui per i soldi” al “son qui per i soldi, la tech e la libbbertà”.. ma un passo all la volta

        • E va beh ma allora non ci capiamo, ti ho detto che questo lo faccio sul 50% di btc che ho.
          E questo caro mio fa parte dell’adattamento di cui ti parlo, poi vedila come vuoi……..

          • “In quel momento non ti ho detto che se BTC non avessee sfondato i 25k sarebbe andato giù a testare nuovi minimi?
            Ecco, io li la mia parte che ho deciso di gestire l’ho venduta e l’ho ricomprata pochi giorni fa”

            Scusa eh ma io ho capito “ho venduto i miei btc, poi li ho ricomprati”. Se poi volevi dire “ho venduto la metà dei miei btc” cazzo scrivilo chiaro, perchè io non sono un telepate nè -col tutto bene che ti posso volere- mi posso ricordare se 1 mese fa avevi scritto che gestivi il 50% delle tue monete e le altre le holdavi o mia nonna in aereo.

            Se il 50% lo hai holdato allora puoi continuare a rompere la minchia con la storia della fratellanza 🙂

            Sul discorso dell’adattarsi fatto a uno che in 8 mesi ha cambiato più del 75% del suo portafoglio (il sottoscritto) non so più che dirti XD ah chiarisco con 75% intendo proprio il 75%, non il 75% del 50% del vecchio portafoglio ma in contemporanea ne sto facendo uno nuovo e gestisco la pensione di mia zia e non ci sono più le mezze stagioni!

      • Minchia oh, certe volte sei davvero insopportabile 😃😃
        Ma se te l’ho scritto ieri sera!!!
        Rileggi sti commenti…….e sì ti romperò ancora la minchia con la storia della fratellanza, della guerra, dei ranghi serrati e di un mondo migliore.
        Basta fino a domani non parliaci più……ciao!
        Almeno io non ti parlo più fino a domani almeno perché sei stressante e puntiglioso…😂😂😂😂😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *