Home / Puma punta ad entrare nel metaverse! | Ed ecco la prima collezione di NFT

PUMA punta sul metaverse

Puma punta ad entrare nel metaverse! | Ed ecco la prima collezione di NFT

Puma punta in direzione Web3 e lancia una collezione NFT in cui i token sono abbinati a esperienze nel mondo reale e scarpe vere e proprie, come ormai usuale per iniziative del genere. Modelli da indossare nella vita di tutti i giorni e nel neonato metaverse Black Station, con cui l’azienda punta a ingaggiare il pubblico più giovane e avvezzo a criptovalute e nuove tecnologie.

Il programma, seppur agli inizi, si mostra particolarmente articolato: il bear market non spaventa i grandi marchi, pronti a farsi concorrenza on chain a suon di Non Fungible Token ed esperienze difficilmente replicabili nei tradizionali canali di vendita.

Un altro grande marchio dello sport che sbarca sul metaverse, settore sempre più caldo anche per gli investitori. E possiamo investirci anche con eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratuito per fare trading con 100.000$ di capitale virtuale – intermediario che offre la possibilità di operare su 78+ cripto asset scelti tutti tra i migliori e con una buona selezione di quelle relative ai metaverse.

Un intermediario che ci permette di investire anche con il trading automatico, con il CopyTrader che ci permette di copiare tutti i più bravi con un solo click e anche di spiare come stanno investendo. Con gli Smart Portfolios possiamo poi passare all’investimento tematico, con una presenza importante anche del settore metaverse. Con 50$ possiamo passare al conto reale.

Anche Puma nel metaverse

La storia di Puma affonda le sue radici nei primi accordi tra i fratelli Rudolf e Adolf Dassler, che reduci dall’istantaneo successo dato anche dalla sponsorizzazione di Jesse Owens alle Olimpiadi nel 1936, decidono giustamente di separarsi. L’azienda si chiamava all’epoca Gebrüder Dassler Schuhfabrik, diventando semplicemente Puma il 12 marzo del 1948 sotto la guida di Rudolf, col deluso Adolf che per ripicca fonda Adidas. Così, de botto.

Serie NFT di Puma
C’è anche una serie NFT pronta

Una famiglia col successo nel DNA a quanto pare. E a proposito di successi, chi non conosce le vicende di Jesse Owens è pregato di proseguire la lettura scalzo, in segno di penitenza. Saltiamo gran parte delle altre vicende storiche per arrivare ai giorni nostri con Puma che fattura quasi 7 miliardi forte dell’operato di circa 7.000 dipendenti sparsi in tutto il mondo.

Un’azienda che non ha mai smesso di investire, tanto nel prodotto quanto in marketing e comunicazione. A quanto pare non ha intenzione di cedere il passo nemmeno ai tempi della blockchain, e tira dritto in direzione Web3 per andare a insidiare la concorrenza sulla scorta dei più recenti paradigmi imposti dal mercato.

Per rimanere sul pezzo è di vitale importanza presenziare nel metaverse, e Puma risponde presente con Black Station, spazio virtuale dove i fan possono scoprire i nuovi modelli e le iniziative promosse dal brand. Una di queste risponde al nome FUTROGRADE, spettacolo col quale il marchio parteciperà alla New York Fashion Week anche nel metaverse per presentare, tra l’altro, le nuove linee di sneaker.

Si parte con una collezione di NFT

Iniziativa che passa per il lancio di Nitropass, collezione NFT grazie ai quali sarà possibile riscattare Nitro NFRNO e Nitro Fastroid, gli ultimi modelli arrivati in casa Puma e disponibili fisicamente dopo la settimana della moda newyorkese. Ai token saranno collegate esperienze nel mondo reale e la possibilità di scoprire le nuove creazioni, prassi ormai consolidate quando si parla di NFT e moda.

Niente di nuovo su questo versante quindi, con Puma che va a ricalcare le orme dei competitor già presenti nel metaverse. Un esempio su tutti ci arriva da Gucci e le sue sneaker virtuali, progetto ormai datato e che rappresenta solo uno dei passi che la maison italiana ha mosso, felicemente, in questa direzione.

Più di recente abbiamo visto il prestigioso marchio aggiungere pezzi da novanta alle sue collezioni su metaverse, a dimostrazione del fatto che la strada intrapresa è quella giusta, con i competitor che non stanno a guardare, e che anzi rilanciano con investimenti sempre crescenti.

Un settore che, secondo quanto ci ha raccontato Emanuela Manor di eToro piace molto agli italiani, che hanno iniziato ad investire in modo più concreto sui token che lo rappresentano.

Una live molto interessante per capire come stanno investendo gli italiani e anche quali sono i trend più importanti di questo bear market.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *