Home / Polkadot: arriva l’hackaton! | Finalmente si torna a parlare di $DOT

POLKADOT HACKATON

Polkadot: arriva l’hackaton! | Finalmente si torna a parlare di $DOT

Polkadot ha organizzato un hackathon in America Latina che vedrà impegnati gli sviluppatori per sei settimane consecutive. Eventi online, workshop e meeting incentrati su DeFi, smart contract, Non Fungible Token e più in generale su strumenti e applicativi in ambito Web3.

È la prima volta per il protocollo in questa regione, con premi in dollari e stablecoin. Appuntamento al 26 settembre per l’evento che punta a essere il più importante di sempre in area LATAM, con i lavori che si concluderanno il 19 novembre prossimo.

Un ottimo segnale per un progetto del quale ultimamente si è parlato relativamente poco, e che rimane comunque al centro del mondo della DeFi che conta. Un buon segnale anche per $DOT, che possiamo trovare anche su Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il top degli strumenti di trading e delle cripto – intermediario che ci offre accesso a 476+ cripto asset, scelti tutti tra i migliori in termini di prospettive future e con i grandi classici che non possono ovviamente mancare.

Al suo interno abbiamo anche piattaforme di livello professionale, come ad esempio TradingView e MetaTrader 4, entrambe utilizzatissime da chi vive di trading. E abbiamo poi anche la piattaforma di WebTrader interna, con intelligenza artificiale accessibile anche da browser. Con 20€ possiamo passare al conto reale di trading.

Arriva l’hackaton per Polkadot

Gli organizzatori la definiscono un’opportunità unica per creare legami tra comunità sparse in tutto il mondo. L’hackathon organizzato da Polkadot si terrà in spagnolo e inglese, e seppur si rivolga principalmente agli sviluppatori locali è nelle intenzioni un’occasione per poter integrare due degli idiomi più importanti del comparto.

Arriva l’hackaton di Polkadot, con premi molto interessanti

Sei settimane di lavori dal ritmo forzato, su quattro macro aree tematiche. Categoria 1: Strumenti Web3 e blockchain, con focus sulla creazione di infrastrutture pubbliche, interfacce, strumenti, applicazioni e governance. Categoria 2: smart contract, interoperabilità Wasm, applicazioni EVM e chain Substrate.

I lavori in categoria 3 si concentreranno su DeFi e sviluppo di soluzioni correlate: MMA, stablecoin, DEX e applicazioni di finanza decentralizzata basate su smart contract. La quarta e ultima categoria è dedicata ai NFT e alle loro possibili applicazioni: arte digitale, collezionabili, crypto gaming e tutte le altre declinazioni.

Premi molto ricchi

Gli sviluppatori potranno aspirare a un montepremi di oltre 140.000 dollari, con 17.000 dollari al primo classificato, 10.000 al secondo e 3.000 al terzo. I vincitori delle tre sfide dedicate al protocollo Zeitgeist si metteranno in tasca 5.000 dollari. Non mancheranno premi in stablecoin, in palio nelle competizioni a tema parachain su Moonbeam, compatibile con Ethereum su Polkadot. Stablecoin che immaginiamo faranno gola principalmente agli sviluppatori argentini, e che ammontano a 3.500 $USDC per il primo classificato, e a 1.000 $USDC per chi arriverà secondo.

Notizie di attualità a parte, il programma si presenta piuttosto articolato, con l’Argentina ancora protagonista dato che ospiterà la cerimonia di chiusura che andrà in scena a Buenos Aires il 19 novembre prossimo. La competizione si preannuncia serrata, così come il numero di presenze: Polkadot poteva contare nel 2021 su un esercito di 1.400 sviluppatori, piazzandosi in seconda posizione contro Ethereum e i suoi 3.900 specialisti, che col merge hanno fornito a Greenpeace l’ennesimo assist per sparare a zero contro Bitcoin e la sua chain lenta, sporca ed energivora. Si parlerà (sottovoce) anche di questo al prossimo Polkadot Hackathon?

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *