Home / Ethereum: è fuga dagli exchange! | Ecco cosa dicono i dati on-chain

FUGA ETHEREUM EXCHANGE

Ethereum: è fuga dagli exchange! | Ecco cosa dicono i dati on-chain

Sì, anche Ethereum sta prendendo la via di fuga dagli exchange, replicando un po’ quanto avevamo visto con Bitcoin qualche giorno fa. La quantità di token che sono conservati all’interno degli exchange classici è in calo costante da maggio 2020, fatta salva qualche ripresa momentanea, per un trend che però appare sempre più chiaro.

Nel caso di Ethereum però, complice anche l’avvio dello staking, ci sono anche altri tipi di forze che sono in gioco. Quel che cercheremo di fare in questo approfondimento è cercare di capire se, come e quando questo trend di fuga possa avere ripercussioni sul prezzo di $ETH.

Chi vuole operare su questo dato potrà farlo anche con la piattaforma sicura Capital.comvai quo per ottenere un conto virtuale gratuito con INTELLIGENZA ARTIFICIALE e STRUMENTI PRO – un intermediario che ci consente di investire su 476+ cripto asset, tutti scelti tra i più importanti al mondo per quanto riguarda anche le prospettive di prezzo.

All’interno di Capital.com abbiamo anche strumenti e piattaforme di livello professionale, come MetaTrader 4 e TradingView, che ci permettono di investire con analisi tecnica all’altezza e anche strumenti unici di operatività. Chi vuole troverà anche il WebTrader insieme all’intelligenza artificiale per migliorare il proprio portafoglio. Bastano soli 20€ per passare ad un conto reale di trading.

Ethereum in fuga dagli exchange: dove sono finiti?

Ci sono due tipi di notizie che possiamo ricavare dai dati diffusi direttamente dalle analisi on chain. Il primo è che di Ethereum ce ne sono sempre meno. O meglio, sono in circolazione ma in pochi li lasciano sugli exchange. La seconda è una questione che invece meriterebbe di essere indagata con la giusta attenzione: che fine hanno fatto? Dove vengono stockati da chi li sta accumulando?

2022 fuga exchange ethereum
2022: Fuga dagli Exchange

Il trend, come sanno bene i nostri lettori, in realtà non è per niente strano. Bitcoin ne sta vivendo uno simile tanto per direzione quanto per proporzione. Segno che c’è chi sta accumulando, forse in sordina, e custodendo fuori dai player di mercato e dagli exchange.

  • Per Ethereum una mano dallo staking?

Probabilmente sì: una gran quantità di coin è infatti bloccata presso i validatori da qualche tempo (e da ben prima dell’arrivo del Merge) e non possono essere ancora sbloccati. Può essere una spiegazione parziale di quanto sta avvenendo, ma non completa.

  • Cambio di paradigma

Sia in termini di orizzonte temporale (chi compra vuole detenere di più per il lungo periodo?) sia in termini di operatività. Rimane infatti valida la considerazione che fanno in molti, ovvero che per vendere basta trasferire i propri token e metterli sul mercato, operazione che non porta via che pochi minuti anche in KYC.

Ethereum exchange - analisi andamento
Sempre meno, in blu, gli Ethereum negli exchange
  • Pressioni sul prezzo

Non saranno a nostro avviso immediate – e dal grafico è chiaro che non si tratta di forze con un qualche tipo di proporzionalità. Sta di fatto che se dovessero continuare a ridursi gli $ETH a disposizione degli exchange potrebbe essere relativamente complicato, almeno per i più piccoli, garantire certi livelli di liquidità.

La grande fuga o solo un bluff?

Non vogliamo neanche illudere – come purtroppo fanno tanti – i nostri lettori più di tanto. Se il dato è sicuramente interessante (rispetto a 2 anni fa ci sono 10 milioni di Ethereum in meno sugli exchange) è altrettanto vero che di azione sui prezzi non ne hanno poi avuta così tanta, se non nella prima fase.

Prima di svelare l’arcano e di capire come questo potrà cambiare lo scenario intorno a Ethereum ci vorrà sicuramente del tempo. Rimane però il curioso dato del calo costante anche in termini di valore assoluto. E per qualcuno degli intermediari non troppo liquidi potrebbe anche innescarsi qualche piccolo problema di liquidità.

Problemi che da utenti si possono risolvere come si fa dalla notte dei tempi: auto-custodia delle proprie chiavi. Perché anche nel mondo di Ethereum vale il not your keys, not your coins.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Buongiorno a tutto il gruppo. Ultimamente Ethereum sta ottenendo prestazioni migliori rispetto a BItcoin. Dalla fine del secondo trimestre la quantità di ETH in staking è aumentata di quasi il 7,5% secondo i dati di Dune Analytics. Quasi 14.000.000 di token ETH vengono depositati sulla blockchain di ETH da dove partecipa all’approvazione delle transazioni e mantiene la liquidità e la sicurezza della rete sotto il nuovo modello POS. Gli investitori che depositano i token nello staking pool non potranno ritirarli dal pool e quindi effettuare vendite. Questa possibilità apparirà solo al momento dell’aggiornamento programmato di “Shanghai”. Sebbene sembri che gli investitori siano bloccati nel protocollo ETH su loro richiesta, alla fine lo staking diventerà l’equivalente digitale del mercato obbligazionario. Gli afflussi di capitali in ETH stanno aumentando e ciò dimostra che molti investitori considerano l’investimento sicuro nonostante il blocco del capitale e in un certo senso stanno mettendo lo staking di ETH alla pari con i titoli obbligazionari statunitensi a 10 anni con rating AAA ampiamente considerati sicuri. Questo dimostra il “marchio” sempre più forte che Ethereum rappresenta nel mercato delle criptovalute e che il valore attuale di ETH sia ampiamente sottovalutato. In questo momento c’è ancora pericolo di volatilità dato l’incertezza del mercato e la posizione della FED che a parer mio ha sbagliato completamente approccio nel combattere l’inflazione. Tutto può succedere, comunque siano consapevole del fatto che BTC e ETH sono ormai una sicurezza e per questo faccio quello che so fare meglio, compro tempo e aspetto che il valore di entrambe salga ai livelli delle loro reali potenzialità. Buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *