Home / Binance: nascono le Crypto Banche! | Progetti e sogni di CZ

BINANCE BANCHE

Binance: nascono le Crypto Banche! | Progetti e sogni di CZ

Soltanto un anno fa sarebbe stato impossibile discutere di certi movimenti. E invece eccoci qui, con Binance che lascia intendere possibilità e intenzione di acquisire banche classiche, così da trasformarsi in quello che per molti (e anche per i quadri di Binance) sarebbe un ponte molto importante tra finanza classica e finanza on chain.

Questo almeno secondo quanto è stato riportato da Bloomberg e che proverrebbe direttamente dalla viva voce di CZ, il comandante in capo di Binance nonché anima di tutte le evoluzioni dell’exchange che nel giro di pochi anni è diventato l’operatore più importante del comparto exchange.

Una buona notizia per Binance e, potenzialmente e collateralmente per il suo token $BNB, che possiamo trovare anche su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito dotato anche di TRADING in modalità AUTOMATICA – un intermediario che al momento offre già 78+ asset crypto, che sono stati tutti scelti all’interno del mondo cripto delle blue chip.

Un intermediario molto conosciuto e apprezzato anche per i suoi servizi, a partire dal CopyTrader che permette di investire su tutto il meglio del mercato cripto copiando i più bravi. E con gli Smart Portfolios possiamo anche aprire al mondo delle criptovalute in investimenti in paniere stile ETF. Con 50$ possiamo poi passare al conto reale, sia che investiamo in cripto, sia che dovessimo orientarci verso altri tipi di prodotti.

Binance vuole le banche: il passaggio ponte verso la finanza classica?

Notizia molto importante quella che arriva da Binance e che viene riportata da Bloomberg, che a sua volta cita un’intervista che è avvenuta durante il Web Summit di Lisbona. CZ, il capo dell’exchange ha fatto intendere la volontà del gruppo di eventualmente procedere all’acquisizione di banche classiche, seppur non facendo alcun tipo di nome a riguardo.

Ci sono soggetti che possiedono certe licenze specifiche a livello locale, banking tradizionale, provider di servizi di pagamento e anche banche. Stiamo guardando in quella direzione.

Una strategia che a detta del leader dell’exchange sarebbe intelligente, anche per la valutazione delle banche in questione, data la forza di Binance nell’attrarre eventualmente nuovi clienti verso certi istituti.

Una dichiarazione di intenti che in realtà fa il paio con diverse mosse dell’exchange che si sono verificate anche in passato, principalmente però in direzione di provider di servizi di investimento. Una soluzione che amplierebbe anche il perimetro regolamentare all’interno del quale potrà muoversi l’exchange, seguendo le sue velleità di trasformarsi in una sorta di hub unico finanziario in particolare per i clienti retail.

Licenze Banche Binance
Binance guarda alle licenze

Nonostante il bear market c’è chi spinge sul gas

L’enorme contrazione che ha coinvolto tutto il mondo cripto e nonostante la situazione complicata anche per Bitcoin, ci sono diversi operatori del settore che continuano a spingere sull’adozione e anche sull’allargamento dei propri scopi.

A guidare questa rivoluzione durante il bear market sono soggetti ricchi, che hanno accantonato fortune durante il bull market e che oggi sembrano avere le casse piene a sufficienza per fare delle acquisizioni strategiche di enorme importanza.

Come ripetiamo ormai da tempo sulle pagine di Criptovaluta.it, siamo davanti ad una situazione cruciale per il mondo cripto, passata la quale vivremo in una cryptosfera ridisegnata radicalmente. Con Binance che vuole candidarsi ad essere il re in una giungla che è… sempre meno giungla. Con gli altri che, se dovessero andare in porto certi progetti, saranno ovviamente costretti ad inseguire.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *