Home / MILIARDI in BITCOIN presto sul mercato? | La verità è che…

BITCOIN TRUST ANALISI

MILIARDI in BITCOIN presto sul mercato? | La verità è che…

Ci occuperemmo volentieri di altro, ma non siamo noi a decidere quali temi che tengono banco tra gli appassionati di Bitcoin e del mondo cripto in generale. Anche oggi ci tocca occuparci di Grayscale e del suo Trust Bitcoin. Un Trust che è tornato ad essere al centro del dibattito a causa delle difficoltà di Genesis e, si vocifera, di Digital Currency Group, il gruppo che detiene la gestione del fondo e la proprietà di una pletora di società del mondo cripto.

Il sospetto, ad avviso di chi scrive non fondato, è stato per le ultime 48 ore sull’effettiva presenza in cassa dei Bitcoin del Trust, che ricordiamo essere più di 630.000. Il sospetto, non mio o nostro, è che siano stati prelevati o offerti in prestito dietro compenso. Cosa che avrebbe potuto aprire, anche a causa del momentaneo dissesto del gruppo, a conseguenze particolarmente nefaste.

Sarà il caso di fare il punto, anche per scongiurare un po’ di quel FUD che, insieme a condizioni di mercato non ottimali sta comprimendo il prezzo di $BTC. Prezzo che interesserà i più visionari e chi magari vuole fare trading di breve. Cosa che si può fare, a patto di utilizzare un intermediario sicuro e solido come eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con TRADING AUTOMATICO e tanto altro – intermediario che offre il top della sicurezza per le esposizioni speculative.

Possiamo utilizzarlo anche per fare trading automatico con il CopyTrader, così come possiamo utilizzarlo per investire in panieri misti gestiti automaticamente con gli Smart Portfolios. Bastano 50$ per passare ad un conto reale.

Bitcoin di Grayscale: l’ozio è il padre dei vizi

Come se le questioni che attanagliano il mondo di Bitcoin non fossero già abbastanza gravi e serie, nelle ultime 48 ore ci si è concentrati sul Trust Bitcoin di Grayscale, un fondo venduto OTC (e quindi non su mercati regolamentati) di proprietà di Digital Currency Group. Un fondo da 635.000 Bitcoin con tanti investitori di primo profilo, che è anche lo stash più importante di $BTC al mondo.

Sherlock holmes analisi Bitcoin
Un concorso non male. Possibile? Sì. Probabile? Molto meno.

Il dubbio era il seguente: come facciamo ad essere sicuri del fatto che quei Bitcoin siano davvero lì? Domanda, per carità, legittima. Ma che non ha tenuto conto ad avviso di chi vi scrive di diverse questioni che riguardano tali meccanismi e tali custodie.

Partendo dal fatto che not your keys, not your coins, e dal fatto che sarebbe bene non fidarsi di nessuno, dobbiamo comunque cedere il passo ad una discussione su quanto probabili o possibili siano determinati fatti.

  • I Bitcoin di Grayscale sono da Coinbase Custody

Questo lo si sapeva da prima e la conferma di tali riserve (l’ennesima) da parte di Coinbase con un comunicato del 18 novembre sembrerebbe aver placato gli animi. Coinbase può mentire? Assolutamente sì, ma ricordiamoci anche quello che c’è sul piatto per l’exchange che opera anche come servizio di custodia.

Coinbase Custody non offre questi servizi solo a Grayscale: li offre a tutti o quasi i maggiori holder istituzionali non solo per Bitcoin, ma per letteralmente centinaia di criptovalute. Quale sarebbe la sua convenienza nel mentire, nell’esporsi a lunghe condanne penali, a rischiare di bruciare anche il redditizio business legato all’exchange?

Le preoccupazioni possono esserci, ma non siamo di fronte ad un meccanismo che coinvolge una o due persone come nel caso del crack di FTX. Sono coinvolte centinaia di persone, sono coinvolti regolatori che non aspettano altro che punire il mondo cripto e Bitcoin e tanti altri soggetti che avrebbero interesse a rendere la cosa pubblica. Si tratterebbe di un caso forse unico nella storia, che se si verificasse innescherebbe delle reazioni a catena che supererebbero di gran lunga i danni verso il solo Bitcoin.

  • Digital Currency Group ha tanto da liquidare prima del Fondo Bitcoin

Il Trust Bitcoin è una vera e propria gallina dalle uova d’oro. Rende, ai prezzi attuali di Bitcoin, più di 200 milioni di dollari annui, una somma che è importante anche di fronte alla crisi di liquidità di DCG, ammesso che questa coinvolga anche il gruppo principale. Rumors dicono che il gruppo sarebbe alla ricerca di 1 miliardo per far fronte ad un liquidity crunch: per quanto sia una somma importante, ci sembrerebbe strano veder liquidare per primo un fondo che è così conveniente per DCG. Che ha comunque tanti altri asset prima di toccare suddetto Trust, del quale controlla un numero di azioni enorme.

Possiamo dormire tra i proverbiali sette cuscini?

No. Non saremmo Criptovaluta.it se non ritenessimo diverse delle istanze di trasparenza del mondo Bitcoin come legittime. Sicuramente rivedibile, anche se potrebbero esserci degli ottimi motivi, la decisione di non rendere pubblici i wallet. Wallet che da contratto dovrebbero essere segretati e non promiscui.

Bitcoin pillar
La diffidenza è corretta, così come il non credere a terze parti, anche se…

Dalla regia di Coinbase e Grayscale citano delle questioni di sicurezza delle quali si continuerà a dibattere, che in molti non comprendono (e ha dubbi anche chi vi scrive). E la situazione andrà analizzata anche in futuro, magari quando saremo in acque più calme. Ma da qui allo sfacelo totale di un gruppo che, lo ripeto, non è FTX e non è neanche l’exchange Y, ce ne passa. E chi ha prove di quello che dice, le metta nero su bianco. Si è sempre molto disponibili, da queste parti, ad ammettere errori e cambiare idea.

Se è di 1 miliardo di dollari che stiamo parlando, se è questa la liquidità che serve a DCG, che il Trust sia in pericolo sembra una questione un pizzico esagerata.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

3 commenti

  1. Le questioni sono due, o fanno fallire chi veramente deve fallire e secondo me ci sono ancora exchange che falliranno e quando la marea si ritirerà si vedrà chi stava nuotando nudo e da li si potrà forse raggiungere il bottom, o si iniziano a salvare le società in difficoltà come viene fatto per le banche, molto improbabile ma non si sa mai. Buona giornata

  2. Ma che li vendano questi Bitcoin, chi si preoccupa di questo non ha capito nulla di nulla di nulla.
    Saranno sei mesi che leggo e che sento dire in giro, ah tra i 13 e 9 k si entra pesante su btc.
    Perché mi vien da chiedere, ma lo hai compreso btc?
    Se non lo hai compreso non comprarlo, lascia stare perché se dovesse schizzare alle stelle il prezzo cambierebbe la tua vita ma il mondo in cui vivi rimarrebbe lo stesso.
    Sono 300 milioni mi pare le persone che investono in cripto, dunque l’idea è solo quella che quei 300 milioni diventano miardari e il resto del mondo che si fotta??
    E allora cosa cambia?
    Cosa cambia mi chiedo io.
    Allora teniamoci le fiat.
    Btc non è questo.
    Sono sicuro, sono assolutamente certo che qui a criptovaluta.it la pensano come me.
    Certo poi ci sono il cane, il gatto e il topo coin, ma sono un’altra cosa.
    Se non avete capito btc non compratelo e lasciatelo morire in pace per la 460 esima volta.
    A volte ci penso e mi dico, ma idea grandiosa è btc, e quello che ha ancora più dell’incredibile è che qualcuno l’ha messa in pratica, esiste, c’è.
    Prima di comprare btc bisogna pensarci su mille volte, bisogna chiedersi ma l’ho compreso veramente?
    Ho visto nella mia mente la bellezza dell’idea?
    Bisogna chiedersi, voglio far parte di una rivoluzione, la più grande forse della storia dell’uomo?
    Voglio far parte della storia?
    Spero tanto di non essere l’unico a vederla in questo modo, altrimenti che senso ha?……………………..scusate se non ho tenuto fede alla mia parola, ma dovevo date sfogo a questo pensiero qui.

  3. Buongiorno a tutto il gruppo, ciao Giorgio. Coinbase è attualmente l’unico exchange regolamentato negli Stati Uniti e per ora non può rilasciare alcuna informazione sul portafoglio in quanto protetto da complessi accordi di sicurezza. Altri custodi e scambi di criptovaluta minori hanno deciso invece di rivelare le loro riserve per fermare i prelievi dei clienti in preda al panico. la situazione è di panico totale e bisogna mantenere la calma. Da tempo auspicavo una collaborazione con le banche tradizionali per detenere anche la custodia dei wallet. Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *