Home / TOP CRYPTO tutte in ROSSO | Bitcoin soffre sui 70.000$

Bitcoin rosso crypto

TOP CRYPTO tutte in ROSSO | Bitcoin soffre sui 70.000$

Bitcoin e crypto più capitalizzate tutte in sofferenza. Un pomeriggio nervoso dopo i dati su inflazione.

Pomeriggio molto nervoso per Bitcoin, che fa tutto e il contrario di tutto e che nel momento in cui scriviamo veleggia, seppur con qualche difficoltà, sopra quota 70.000$. Una correzione che arriva appunto in un pomeriggio che forse in pochi si aspettavano, nonostante fossero in arrivo i dati sull’inflazione USA.

Non si hanno i dati sugli ETF ancora, per quanto da Grayscale ci sono stati probabilmente outflow importanti nonostante la notizia della nascita di un nuovo ETF che dovrebbe almeno parzialmente sistemare la situazione degli investitori che uscendo dal fondo si troverebbero a pagare le tasse su gain spesso importanti.

Sfrutta Halving con eToro

💰Sfrutta i forti segnali del mercato crypto

✅Copia le strategie dei migliori trader

🥇Miglior Piattaforma con CopyTrading

🎯Fai crescere il portafoglio crypto

Ed è un pomeriggio particolare anche perché segna ormai la frattura tra NASDAQ e Bitcoin, un binomio che ormai non è più… binomio da tempo. Ed è il momento di fare qualche riflessione anche per capire come si muoverà il mercato nelle prossime ore e nei prossimi giorni.

È un Bitcoin nervoso

È un Bitcoin nervoso, che trascina con sé in questo ultimo scampolo di mercato anche Ethereum, insieme a Solana e al grosso delle criptovalute ad elevata capitalizzazione.

  • Pomeriggio aperto dai dati sull’inflazione

È stato un pomeriggio aperto dai dati sull’inflazione degli USA, dati che hanno riportato una crescita dei prezzi negli Stati Uniti superiore alle aspettative. La cosa è stata fonte di preoccupazione per un periodo invero assai limitato per il mondo crypto e anche per quello azionario. Il NASDAQ ha infatti continuato una giornata senza eccessive preoccupazioni, tenendo anche conto del fatto che la distanza tra attese e dato reale non è stata poi tanta.

  • Per il prossimo FOMC zero sorprese

L’idea di tagli già per il FOMC di marzo era già definitivamente scemata prima di questo dato. Il dato sull’inflazione la cancella da qualunque possibile programma, anche il più fantasioso. Se ne riparlerà, con possibilità comunque ridotte, a maggio.

  • Correlazione NASDAQ – Bitcoin

E dunque anche per il mondo crypto. Una correlazione che è andata a farsi benedire in modo plateale questo pomeriggio, con Bitcoin che sta mostrando nervosismo e difficoltà di rimanere sopra quelli che sono livelli tanto tecnici quanto simbolici.

  • Volatilità importante

Va anche segnalato che nel giro di 3 o 4 ore di trading aperto negli USA, Bitcoin ha fatto registrare già un’andata e ritorno verso i 73.000$. Data la situazione molto nervosa sui mercati, non è detto che non ci sarà la possibilità di rivedere Bitcoin su livelli di prezzo più degni anche a stretto giro.

Vieni a parlare della situazione di Bitcoin sul nostro canale Telegram: potrai entrare nella chat dei nostri lettori e della nostra redazione e ricevere anche news in anteprima.

  • Liquidazioni importanti?

Neanche troppo. L’open interest rimane piuttosto elevato, con i long tardivi che non sembrerebbero aver pagato un prezzo eccessivo. Qui il grafico allegato dell’Open Interest, compilato da Coinalyze.

In basso il dato sull’open interest su Bitcoin

La prospettiva è tutto

Chi si aspettava calma piatta dopo l’arrivo degli ETF dovrà probabilmente pazientare ancora un po’. Bitcoin sta vivendo giorni di nervosismo – e in fondo anche di rialzi importanti – ormai da qualche seduta, segno che in realtà che della pax, la pace degli ETF non vi è ancora traccia.

Portare pazienza, oggi come non mai, ed evitare posizioni eccessivamente a leva data appunto la difficoltà di intuire cosa potrebbe fare Bitcoin nelle prossime ore.

Per una lettura di ampio respiro sono disponibili le previsioni su Bitcoin, che ti invitiamo a consultare.

Iscriviti
Notificami
guest

2 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ettore
Ettore
1 mese fa

Sono le banche centrali che vendono (quasi certamente allo scoperto) per creare instabilitá (e panico!) sulle principali concorrenti delle loro valute obsolete. É la terza volta che registro il medesimo movimento in pochi giorni. le altre 2 volte in concomitanza col nuovo record di Bitcoin sul dollaro. Le altre 2 volte le criptovalute hanno recuperato rapidamente le quotazioni di pochi minuti prima. E cosí che i banchieri centrali bruciano i soldi dei cittadini. il mercoledí nero della lira non ha insegnato loro niente!

la mamma di Antonio
la mamma di Antonio
1 mese fa

Credi si possa fare miming solo in Usa? AHAHAHA
Credi che questa PROPOSTA di legge passerà? AHAHAHAHA
Sai a quanto è arrivato btc? 73mila AHAHAHA
Sai che chiunque abbia mai comprato Bitcoin nella sua vita è oggi in attivo? AHAHAHA
Sai che tu sei l’unico che sta perdendo soldi? AHAHAHA

Dai su dicci la tua storia, che siamo tutti curiosi 😀 Quanti soldi hai perso con le cripto? O rosiki solo che gli altri fanno i soldoni e tu no? La soluzione c’è… compra btc!
Anzi: non comprarlo e continua a scrivere questi post per farti ridere dietro XD