Home / Crollo Bitcoin e crypto | Asia spinge mercati in profondo rosso

ORSI ASIA WHAT

Crollo Bitcoin e crypto | Asia spinge mercati in profondo rosso

Bitcoin e crypto in sofferenza. Apertura Asia affossa le quotazioni. Ma cosa sta succedendo davvero?

È il primo serio sciacquone di quest’ultimo trend estremamente positivo per il mondo Bitcoin e crypto. Dopo una giornata già complicata negli USA, la sessione asiatica si è dimostrata essere ancora più nervosa, con Bitcoin che ha toccato i 67.000$ (salvo poi correggere). Male Bitcoin, peggio i meme (anche se non tutti) e più in generale comparto in forte difficoltà durante tutta la nottata.

Nelle ultime 24 ore sono stati liquidati oltre 500 milioni di long e poco più di 100 milioni di short, segno di una giornata di grande, grandissimo nervosismo su tutto il settore, nervosismo partito all’apertura della sessione statunitense, poi sparito una volta chiuse le contrattazioni della borsa di New York e successivamente ripartito con le contrattazioni sulle principali borse asiatiche.

Circolano diverse teorie e diverse analisi legate a questo particolare momento di Bitcoin e del mondo crypto, che andremo a analizzare – almeno per quelle più credibili – per capire a che punto siamo del percorso di questo ciclo per il comparto. E se si tratti o meno di uno sciacquone salutare. Vieni a parlarne con noi sul nostro canale Telegram, dove troverai la nostra redazione e i nostri lettori, pronti a discutere ogni dettaglio delle analisi di mercato e dell’andamento degli stessi.

Super-sciacquone per Bitcoin e crypto: che succede?

Nessuno si è svegliato con il sorriso. Bitcoin perde circa l’8% dopo una notte da incubo sulle piazze asiatiche, così come fanno tutti i principali coin e token. Non si comporta granché meglio Ethereum, non si comporta meglio BNBche arrivava da una corsa ai limiti dell’incredibile – e tiene, delle big, soltanto Solana, pur correggendo comunque in modo importante rispetto al livello dei prezzi che è stato raggiunto nel corso della giornata di ieri.

Alle 03:00 del mattino, ora italiana, il grande “crollo”

Tutto questo durante una sessione asiatica che, almeno sul fronte dell’azionario, non ha sofferto granché e dunque senza alcun tipo di correlazione tra questi due mercati, ancora una volta.

  • L’ipotesi Fed

Curiosa, almeno ad avviso di chi vi scrive, la posizione di chi ritiene che gli ultimi dati macro arrivati negli USA siano dietro questa correzione del mondo crypto. Dati che confermano certamente l’immaturità dei discorsi su tagli ai tassi di interesse, che però riteniamo – come situazione – già ampiamente prezzata dai mercati. Se così non fosse, avremmo visto dei movimenti simili sul fronte azionario, cosa che non è avvenuta.

  • SEC e Senato USA sugli ETF Ethereum

Per chi segue anche il nostro account su X, la situazione è già nota. Nella tarda serata di ieri infatti è arrivata una lettera al veleno da due senatori USA che invitano SEC da un lato a controllare di più cosa sta avvenendo nel settore ETF Bitcoin, dall’altro a non approvare quello su Ethereum.

Investi con ByBit

💰BONUS di 30.000$ per i nostri lettori - Ref code: CRIPTOVALUTA

✅Verifica il conto per USDT Gratis

🥇Miglior Exchange con CopyTrading

🎯Trading con Leva, Launchpad, Launchpool

La questione è a nostro avviso, almeno per ora, ingigantita e al netto delle preoccupazioni lecite quando si muovono i piani alti della politica, non c’è in realtà granchè di cui discutere, almeno per ora. I mercati non hanno certamente ancora prezzato l’OK agli ETF Ethereum – nel senso che non lo ritengono probabile. E per questo non può essere questo il motivo dietro la correzione.

Iper-estensione e sciacquoni terapeutici

Non si può andare sempre su e anche nel precedente bull market di Bitcoin abbiamo avuto diversi flush, diversi scarichi che hanno punito i più avidi.

Per ora, in mancanza di altri dettagli e di altre specifiche, è certamente questa l’ipotesi più probabile. Non che si possa contestare ai tori, ai rialzisti per principio di non aver svolto a puntino il proprio lavoro fino a oggi. Soltanto due mesi fa eravamo tornati sotto i 40.000$ per Bitcoin, così come eravamo poco sopra i 52.000$ soltanto un mese fa. Il percorso è lungo, per quanto possa essere al tempo stesso preoccupante per i nuovi arrivati.

Iscriviti
Notificami
guest

5 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
SALVATORE
SALVATORE
1 mese fa

In realtà Solana ha performative ugualmente al rialzo…

Alessio Ippolito
Admin
Alessio Ippolito
1 mese fa
Reply to  SALVATORE

Grazie per la preziosa segnalazione

Alessio Ippolito
Admin
Alessio Ippolito
1 mese fa
Reply to  SALVATORE
Alessio Ippolito
Admin
Alessio Ippolito
1 mese fa

Forse, ha letto solo il titolo…