Home / MiCA: dal 30 giugno Binance limiterà accesso a diverse STABLECOIN crypto. Inizia la “nuova era”

ADDIO STABLE

MiCA: dal 30 giugno Binance limiterà accesso a diverse STABLECOIN crypto. Inizia la “nuova era”

Addio stablecoin? Non per tutte. Ma dal 30 giugno il supporto, su Binance, sarà solo per quelle autorizzate in Europa

Chi si aspettava il paradiso a partire dal 30 giugno 2024, data che passerà agli annali come quella dell’entrata in vigore delle regole del MiCA, dovrà forse ricredersi. Il primo exchange per volumi, Binance, ha infatti annunciato che a partire dalla mezzanotte UTC+3 – e quindi da poco prima della mezzanotte del 30 giugno, gli stablecoin non autorizzati non saranno più disponibili per gli utenti europei.

Con una premessa: tutte le coppie che includeranno stablecoin non autorizzati continueranno ad essere operative fino a nuovo ordine, dando così la possibilità agli investitori di disporre degli ancora non meglio precisati stablecoin non autorizzati. Rimane comunque una data da segnare sul calendario, perché passata la stessa il supporto per le stablecoin che non avranno seguito i dettami dell’UE verrà meno.

Potremo discutere insieme questa notizia sul nostro Canale Telegram Ufficiale, insieme alla nostra redazione e ai nostri lettori, cosa che ci permetterà anche di fare chiarezza su un tema del quale si inizierà a parlare con sempre maggiore insistenza e che però al tempo stesso non sarà così lineare.

Via le stablecoin non autorizzate, arriva il MiCA

Arriva il MiCA e quindi dovremo prepararci a dire addio alle cosiddette Stablecoin non autorizzate. O almeno ci dovremo abituare a farlo su Binance, che è il primo degli exchange crypto a fare chiarezza su cosa accadrà una volta che sarà superata la fatidica data di entrata in vigore delle regole del MICA.

A partire dal 30 giugno 2024, come afferma correttamente il comunicato di Binance, entreranno infatti in vigore anche le regole sulle stablecoin imposte dall’unione europea, una sorta di primo passo verso il complesso di regole che normerà il mondo crypto in Europa. E ci saranno, sempre come ricorda Binance in merito al suo futuro funzionamento, dei cambiamenti.

Diverse delle stablecoin attualmente popoalri sul mercato non rientreranno nella categoria di stablecoin autorizzate e dunque saranno sottoposte, su Binance, a delle restrizioni progressive.

  • Funzione converti

Sarà disponibile soltanto i modalità vendit: potremo vendere le stablecoin non autorizzate senza avere la possibilità di acquistarle. Avremo dunque tempo di cambiarle anche tramite questa funzionalità.

  • Trading spot

Il trading spot continuerà ad essere attivo fino a nuova comunicazione. Tutte le coppie pertanto rimarranno a disposizione degli utenti.

  • Sul Wallet

Per chi ha stablecoin sul wallet sarà comunque possibile continuare a detenere queste criptovalute, a depositarle e a inviarle fuori dall’exchange.

Quali restrizioni ci saranno?

Ce lo dice ancora una volta Binance: non ci saranno più prodotti con ricompense, non ci sarà la possibilità di fare copy trading spot quando coinvolge queste crypto, non sarà più possibile utilizzarle per i prodotti a margine, e per quanto riguarda ad esempio FDUSD, non sarà più possibile utilizzarlo per i prodotti Launchpad e Launchpool.

Tutte le altre restrizioni possono essere lette qui sul comunicato ufficiale di Binance. Niente di preoccupante, dato che sarà comunque offerta ampia possibilità di convertire certi token stable oppure di portarli fuori.

Ci sarà poi da fare qualche considerazione, anche personale, sulla tutela effettivamente offerta agli utenti europei con queste regole. Dal 30 giugno, saranno tra i pochi al mondo a non poter mettere le mani su stablecoin ben capitalizzate e che hanno ottenuto negli anni il rispetto del mercato.

La lista, tra le altre cose, non è stata ancora offerta da Binance.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ghibly79
ghibly79
10 giorni fa

“Ci sarà poi da fare qualche considerazione, anche personale, sulla tutela effettivamente offerta agli utenti europei con queste regole”
tono professionale di rito, ma ovviamente nessuna, nada, zero.
A me il MiCA è da subito sembrato più che altro la solita porcheria di controllo e mi ha sempre lasciato perplesso chi plaudiva alla “chiarezza regolamentativa”. Sono i soliti tentativi di bannare il bannabile e controllare, per vie più o meno traverse, e non c’entra una mazza nessuna consumer protection, come quasi sempre è il caso.
Comunque poco male, c’è sempre la DeFi alla bisogna dove sarà molto più arduo mettere mano.