Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 ore

Home / Cardano e Save the Children insieme per l’Africa!

Cardano e Save the Children insieme per l’Africa!

Cardano continua a conquistare l’Africa e anche il mondo delle organizzazioni umanitarie. Il gruppo ha infatti appena annunciato la collaborazione con Save the Children, che comincerà ad accettare donazioni in ADA.

Un’iniziativa di beneficienza, che si accompagna in realtà ad un più ampio impegno della Cardano Foundation nel continente africano. Come vedremo nel nostro approfondimento, l’iniziativa riguarderà anche l’individuazione in Ruanda di aree dove la tecnologia blockchain potrà portare a miglioramenti significativi nella vita delle persone.

Save the children - Cardano
Collaborazione già attiva – e chi vuole può donare ora

ADA di Cardano è anche una delle criptovalute a listino da eToro (qui per un conto dimostrativo gratuito), broker che offre anche i popolari CopyPortfolios, panieri di crypto in forma di singolo titolo. E per chi volesse farsi guidare dai migliori trader, è disponibile anche il CopyTrading, per copiare le posizioni oppure semplicemente per analizzarle.

L’annuncio durante IOHK Africa Show

L’annuncio è arrivato durante l’IOHK Africa Show e ha confermato che Save the Children comincerà ad accettare in modo diretto e quindi senza la necessità di intermediari – ADA di Cardano. Non è soltanto questo però l’oggetto della collaborazione.

Tramite il Kumwe Hub si procederà all’individuazione di aree in Ruanda dove avviare progetti sperimentali basati su blockchain. Un altro impegno in Africa per la criptovaluta che ha già attività importanti in Etiopia e che punta proprio sul continente africano per sviluppare progetti no-profit e commerciali.

Questo progetto è significativo per due ragioni. Prova l’utilità della nostra criptovaluta e ne sottolinea la funzione di bene per tutti. In secondo luogo prova che è facile accettare ADA, installando dei gateway per il pagamento.

Questo il commento della fondazione Cardano, che è da sempre tra le più attive per progetti umanitari e di sviluppo che vedono la blockchain al centro dell’equazione.

Cardano e la beneficenza

Cardano non è nuova a queste iniziative. Già nello scorso marzo aveva annunciato la creazione di un fondo da 500 milioni di dollari che sarebbe stato impiegato per progetti umanitari guidati dalla community. Con la possibilità di partecipazione anche per gli utenti semplici del protocollo.

Che hanno risposto positivamente e donato oltre 270 milioni di dollari – parte dei quali potranno essere impegnati anche tramite la recente partnership con Save the Children.

Come donare

È possibile già partecipare con delle donazioni, anche piccole, per sostenere il progetto. Il gateway Adapay di Save the Children è già attivo a questo indirizzo, tramite il quale potremo contribuire in modo semplice ed immediato. Chi ha qualche token ADA nel proprio wallet può così partecipare facilmente ad una buona causa.

Il progetto sarà attivo senza limiti di tempo e nuove iniziative verranno puntualmente comunicate tramite il blog della Cardano Foundation e l’account Twitter ufficiale.

Cosa vuol dire per chi investe in ADA?

Le nostre previsioni su Cardano ADA sono rialziste sul breve, medio e lungo periodo anche grazie alla penetrazione di questo protocollo nel continente africano, dove ad oggi è tra i più utilizzati in ambito blockchain.

Anche se la battaglia per la nicchia occupata da Cardano si fa sempre più feroce, la forza commerciale e di pubbliche relazioni della sua Foundation lascia ben sperare.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *