Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Grazie a Shiba Token 200 milioni di utenti cripto nel mondo!

Grazie a Shiba Token 200 milioni di utenti cripto nel mondo!

Secondo un report recentemente diffuso da Crypto.com, negli ultimi 6 mesi il numero di persone che hanno acquistato o utilizzato a qualunque livello criptovalute su scala mondiale è praticamente raddoppiato. 

Questa enorme crescita (in una fase non entusiasmante per il mercato, almeno negli ultimi 2 mesi) sarebbe stata guidata da istituzioni come Tesla, Mastercard, Visa e anche MicroStrategy, tutte impegnate in Bitcoin & co. Ma anche da una vecchia conoscenza di Criptovaluta.it: quello Shiba Token del quale abbiamo parlato per primi e che continuiamo a raccontare ogni giorno.

Shiba Token Crypto.com - boom di adesioni
Secondo Crypto.com dietro il boom cripto c’è anche il merito di Shiba Token

Un’ottima notizia per tutto il comparto, sul quale anche in virtù di queste notizie è tornato un forte bullish sentiment. Chi vuole approfittarne può trovare le principali criptovalute (compreso $SHIB) su eToro (qui per ottenere il conto virtuale gratis), anche nei CopyPortfolios, che li includono in stile ETF. Oppure possiamo ricorrere al CopyTrading, sistema che ci permette di copiare gli investitori con i ritorni più alti – o di spiare nei loro movimenti. 

L’indagine di Crypto.com

I numeri che riportiamo arrivano da una periodica indagine condotta da Crypto.com, l’ormai popolare Measuring Global Crypto User – che possiamo leggere qui in versione integrale. Notizie molto buone – in parte spinte dall’incredibile bull run alla quale abbiamo assistito per i primi 5 mesi dell’anno, con il movimento che però continuerebbe a crescere anche nel post, ovvero dopo la grande correzione che ha più che dimezzato il market cap totale del comparto. 

  • Anche merito di Shiba Token

Interessante il fatto che – finalmente senza alcuna spocchia – l’indagine di Crypto.com riconosca il merito di progetti come Shiba Token e anche di Dogecoin nell’avvicinare tantissime persone al mondo delle criptovalute. Qualcosa sul quale, anche attraendoci qualche attacco da parte di colleghi e puristi, abbiamo puntato anche noi sin da subito, raccontando giorno dopo giorno l’incredibile ascesa di questi due protocolli. 

Bitcoin ed Ethereum, ma anche DeFi

Oltre ai meme token a spingere l’adozione delle criptovalute presso il grande pubblico sono state le principali criptovalute per capitalizzazione di mercato. Ovvero Bitcoin, che oggi torna in bull run e anche Ethereum.  A spingerli sul piano pubblicitario sono stati gli ingressi sul mercato di aziende come Tesla e i grandi acquisti effettuati anche da MicroStrategy, nonché l’apertura fattiva di gruppi come Mastercard e Visa, ormai entrambi in grado di supportare pienamente l’ecosistema delle criptovalute. Mosse importanti, che hanno convinto anche la seconda fascia di pubblico, quella più scettica, sulle possibilità che il mondo delle criptovalute offre anche ai piccoli risparmiatori. 

Per CZ si deve fare ancora molto

Sul tema si è espresso nella giornata di ieri anche CZ di Binance, in una serie di tweet tesi a giustificare le mosse per la regolamentazione del proprio exchange. 

La compliance con le authority di regolamentazione sono necessarie, non una nostra decisione. E guideranno ad un MAGGIORE accesso al mercato, non ad uno minore. L’adozione delle criptovalute è probabilmente intorno al 2%, cerchiamo di imbarcare il restante 98%. 

Un messaggio ottimistico, che fa il paio con gli ottimi dati che sono arrivati dalla Binance Smart Chain, che proprio ieri ha superato i 10 milioni di transazioni. Anche questo un ottimo segno dell’arrivo sul mercato di un pubblico che, soltanto qualche mese fa, era altrove e non avrebbe mai pensato di utilizzare criptovalute.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

8 commenti

  1. si peccato che il prezzo non si muove mai…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *