Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Record di volumi per Ethereum | $ETH si prepara alla volata finale?

Ethereum volata

Record di volumi per Ethereum | $ETH si prepara alla volata finale?

I record importanti non sono soltanto quelli di prezzo, che pur Ethereum ha ottenuto pochi giorni fa. C’è un altro importantissimo record al quale dovremmo dare il giusto peso.

Nel trimestre che s è appena concluso – quello che in termini finanziari si definisce come Q3 – il protocollo ha sostenuto transazioni per un controvalore di oltre 530 miliardi di dollari, una crescita del 400% circa rispetto allo stesso periodo del 2020.

Ethereum volata finale - analisi di Criptovaluta.it
Ancora record di volumi per Ethereum – ecco cosa vuol dire per il mercato

Notizia bullish, che apre a nuovi e interessanti scenari su Ethereum, sui quali possiamo investire con la top piattaforma eToro – vai qui per ottenere il conto virtuale gratuito e con tutte le funzionalità professionali – intermediario che offre un quadro unico per chi vuole investire sulle criptovalute.

Abbiamo infatti il CopyTrader per investire copiando i migliori trader con i più alti ritorni – insieme anche ai CopyPortfolios che invece offrono panieri cripto che includono $ETH insieme ad altre grandi criptovalute. Possiamo passare ad un conto reale di trading con un investimento minimo di soli 50$.

Record di transazioni: Ethereum rimane il network più utilizzato del mondo

I numeri che sono stati raccolti nell’analisi di Bankless HQ sono molto incoraggianti per Ethereum e per tutto l’ecosistema che gli gira intorno. Nonostante i concorrenti si siano fatti decisamente più solidi ed importanti – basti pensare all’ascesa di Solana, ma anche di Algorand – Ethereum continua ad essere il punto di riferimento per quanto riguarda il mondo della finanza decentralizzata.

I volumi spostati in soli 3 mesi – che sono stati tra le altre cose tre mesi di prezzi decisamente fiacchi per il mondo cripto – hanno superato i 530 miliardi di dollari – cifra da grande network di pagamento e trasferimento valori. Tenendo anche conto dei costi di transazione ancora alti sul network di Ethereum, un risultato invidiabile – e che segna la via maestra per il futuro del comparto.

Sempre meno Ethereum prodotti – e questo potrebbe spingere ancora di più il prezzo in alto

Ci sono inoltre sempre meno Ethereum prodotti dal mining, tutto questo in virtù dell’upgrade Berlin, che ha integrato anche degli importanti burn di parte delle transazioni. L’inflazione complessiva sul network è stata, per il trimestre, di poco superiore al 2%, cifra molto bassa e con un calo trimestre su trimestre di quasi il 30%.

Segno che anche questo ultimo upgrade ha ottenuto quanto ci si aspettava in termini di riduzione del circolante – anche se per il momento ancora relativa. Buon segno per gli holder di lungo periodo e per chi ha puntato già nella prima metà del 2021 su questa criptovaluta.

Lo stato di Ethereum – la rivoluzione partirà con il merge con la versione 2.0

I dati incoraggianti che abbiamo visto nel report dovrebbero uscire migliorati anche dal futuro (e ormai vicino) passaggio al sistema di validazione PoS, che in proof of stake andrà a garantire transazioni più rapide e a costi enormemente più bassi.

Due questioni che per il momento hanno impedito il dominio totale di Ethereum sul settore e la perdita di qualche quota di mercato, in particolare sul settore dei NFT.

Per inizio di 2022 – che è per adesso la data designata per il merge – potrebbe essere utile prepararsi in anticipo aumentando la propria esposizione verso questo coin – che rimane il secondo per capitalizzazione di mercato e che con ogni probabilità lo rimarrà ancora a lungo.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

7 commenti

  1. E’ possibile sapere come mai scrivi articoli su tante criptovalute, tra cui anche diverse shitcoin, ma non hai mai mensionato il token Alchemy Pay? E’ veramente curiosa questa cosa.

    • Talmente curiosa che , come immagino saprai, i token esistenti sono oltre 13.000, ripeto 13.000, e sai come è .. esiste un piano editoriale in un giornale online.

      Grazi3

      • Comprensibile che seguite un piano editoriale e che quindi parlate di alcune altcoin piuttosto che di altre, ma siccome questo non è un token qualunque è ancora più curioso sentirmi dire che esistono più di 13k criptovalute per giustificare una mancata mensione del token in questione.
        Avrei preferito sentirmi dire che secondo voi non è un token degno di essere mensionato, per quanto assurda sarebbe stata una risposta più credibile.

        • No invece diciamo la verità. E siccome, mi ripeto , tra le 13.000 ce ne sono ben molte da controllare ed analizzare, la sua critica non ci sembra così costruttiva ed educata.

          Cordiali saluti

    • il tuo token (dico “tuo” perchè non mi spiego altrimenti le frecciatine gratuite che tiri) è alla posizione 276 per capitalizzazione. Diciamo che ce ne sono molti prima di lui che meriterebbero un discorso.

      … quindi Gianluca preparati ad un’altra cinquantina di perosne che ti scrivono incazzate perchè non hai detto a tutti di comprare il token nel quale hanno investito 😀

      • Nessuna frecciatina. Ho semplicemente detto che mi stupisce vedere mensionare alcune crypto piuttosto che altre. La capitalizzazione di mercato non c’entra nulla perchè, a parte il fatto che ci sono progetti inconsistenti che hanno una grossa capitalizzazione di mercato, in questo sito vengono mensionate anche altcoin con una bassa capitalizzazione di mercato.
        Un’eventuale citazione su questo sito non porterebbe nuovi investitori o spostamenti di prezzo, ma solo informazione.

  2. Grazie mille Gianluca, lucido ed esaustivo come sempre… A proposito di Solana, ci potresti indicare le vostre previsioni? Grazie in anticipo per l’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *