Home / Terra LUNA: entrano altri Bitcoin | LFG punta ora a 3 miliardi!

LFG luna foundation

Terra LUNA: entrano altri Bitcoin | LFG punta ora a 3 miliardi!

Che Do Kwon fosse abituato a giocare forte non dovrebbe essere un mistero per i nostri lettori. Poco fa la scommessa milionaria e ora una notizia bomba che riguarda Terra Luna e la Fondazione che gestisce il suo patrimonio.

Do Kwon, comandante in capo del protocollo Terra Luna, ha infatti confermato che sono stati raccolti più di 2 miliardi di dollari per sostenere UST con la riserva di Bitcoin e che presto questo fondo, con sostanze proprie della fondazione, verrà portato a 3 miliardi.

Luna Foundation vuole arrivare a 10 miliardi
Ancora Bitcoin per la Foundation

Un’ottima notizia per tutto l’ecosistema di Terra Luna, sul quale possiamo investire con la piattaforma di trading e investimento Capital.comqui la demo gratuita con tutti i servizi TOP e PREMIUM offerti – intermediario che ci offre la possibilità di investire in un ambiente altamente professionale e che propone il top anche sotto il profilo dei servizi aggiuntivi di analisi.

Possiamo infatti far ricorso a TradingView e MetaTrader, entrambe delle ottime piattaforme apprezzate anche dai professionisti sia per gestire gli ordini sia per l’analisi tecnica. E abbiamo anche un’esclusiva Intelligenza Artificiale che non possiamo trovare altrove e che ci segnala errori nel nostro investimento. Con 20€ possiamo passare poi al conto reale di investimento.

3 miliardi in Bitcoin: così sarà sostenuto UST

Un backing che supera quello che abbiamo visto con altri stablecoin come Tether o come anche USDC. Come avevamo già raccontato su queste pagine, la Luna Foundation Guard ha deciso per $UST, che altrimenti sarebbe pienamente algoritmico, di sostenere la sua stabilità anche tramite Bitcoin, con un fondo che interverrebbe nel caso in cui ci fosse il rischio di depeg, ovvero nel caso in cui 1 UST non valesse più 1 dollaro USA.

Bene, la LFG ha confermato di aver raccolto già 2,2 miliardi di dollari da investire in Bitcoin come riserva e ha confermato che presto arriverà, anche con sostanze proprie, a 3 miliardi, con l’obiettivo di lungo periodo che è invece di 10 miliardi di controvalore in Bitcoin. Qualcosa di importante per la mole ma anche per lo spirito, perché avremo per la prima volta al mondo una fiat currency la cui garanzia non è offerta indirettamente dalle riserve d’oro o dalla forza politica, ma dalla solidità di Bitcoin.

Passaggio epocale, che ha visto LFG raccogliere 1 miliardo dalla vendita di $LUNA, altri 1,2 miliardi vendendo UST in cambio di Tether e i rimanenti 800 milioni futuri che arriveranno probabilmente liberando altre risorse di cui è in possesso LFG stessa.

Un grande momento per Terra Luna e per il suo ecosistema

Terra Luna diventerà così uno degli hodlers più importanti del panorama di Bitcoin su scala mondiale, in particolare se l’orizzonte dovesse essere quello di lungo periodo. E cogliamo anche l’occasione, senza false modestie, di ricordare ai nostri lettori che la prima volta che hanno letto di $LUNA su queste pagine questa valeva circa un trentesimo del prezzo attuale.

E non ci fermeremo qui. Le nostre previsioni Terra Luna segnalano un’ulteriore possibilità di rialzi, già a partire dal breve periodo. Sì, il futuro di $LUNA è più che mai roseo, anche grazie a queste decisioni da parte del gruppo che la gestisce.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *