Home / SEC: indagini su ICO di Binance Coin | Trattamento Ripple in arrivo?

Binance ICO indagine SEC

SEC: indagini su ICO di Binance Coin | Trattamento Ripple in arrivo?

Secondo fonti confidenziali riportate da Bloomberg, SEC starebbe conducendo delle indagini sulla ICO di Binance Coin; avvenuta nel 2017 e che potrebbe, almeno potenzialmente, avviare una procedura simile a quella che vede coinvolto $XRP di Ripple.

È questa la notizia shock che ha cominciato a circolare nella serata di ieri e che in realtà, almeno in parte, andrebbe fortemente ridimensionata, con qualcosa che tra le altre cose non ci quadra, segno che in realtà tali informazioni finiscono per circolare tra i soliti noti ben prima che raggiungano il grande pubblico.

$BNB è davvero in pericolo? E Binance di cosa dovrà rispondere esattamente? Quali sono effettivamente i rischi per i detentori del token e quali sono i rischi che potrebbe correre Binance negli USA? Cerchiamo di vederci chiaro.

SEC starebbe investigando sulla ICO di BNB

E parliamo di qualcosa che è avvenuto praticamente durante la preistoria del settore, ovvero nel pieno della fase delle ICO che hanno stravolto il mercato e che poi furono responsabili della grande bolla che vide molti rimetterci il proverbiale osso del collo. Non è stato questo il caso di chi ha però acquistato $BNB, che oggi vale 2.000 volte di più del prezzo di quotazione. Ma non è questo il motivo del contendere e dovremo procedere passo per passo per capire effettivamente cosa abbiamo di fronte.

  • L’annuncio di Bloomberg

La notizia è stata diffusa da Bloomberg, che ha citato a sostegno della sua tesi delle fonti riservate informate dei fatti e, con ogni probabilità, interne a SEC. Per chi non lo sapesse, SEC è una delle authority che vigilano sui mercati finanziari negli USA e che ha giurisdizione esclusivamente sulle securities, ovvero su quelli che sono da noi chiamati titoli finanziari. Questa è una parte importante della questione, perché è proprio questo che viene contestato a diverse ICO, ovvero di aver proposto ai propri clienti dei titoli finanziari.

Indagine SEC simil ripple contro BNB
L’indagine ricorda molto da vicino quella a carico di Ripple
  • Cosa è stato contestato a Binance?

Grossomodo è stato contestato, almeno secondo quanto riporta Bloomberg, il fatto che Binance Coin costituisse al tempo titolo finanziario e che quindi avrebbe dovuto seguire le (esose) procedure previste negli USA per la vendita al pubblico di questo tipo di asset finanziari. Il tutto si basa su quella che è una vecchissima legge che ha quasi un secolo e che SEC sta utilizzando come grimaldello per scardinare molti progetti cripto di grande successo. L’anno scorso era stato il caso di Ripple, oggi potrebbe essere il caso invece di Binance Coin e dunque di Binance.

  • Siamo già alla fase calda della questione?

No. Si tratterebbe di un’indagine preliminare, in realtà sempre secondo Bloomberg all’interno di un gruppo di indagini decisamente più complesse e articolate. A nostro avviso è alta la probabilità che Binance sia già in diretto contatto con SEC e che stia offrendo informazioni a riguardo, anche per chiarire la propria posizione.

Ci sono poi altri aspetti della vicenda che troviamo relativamente preoccupanti (e non per colpa di Binance) e che saranno oggetto del nostro approfondimento nella seconda parte dello stesso. Nel caso in cui SEC dovesse ritenere di avere le basi per contestare la vendita di securities, nel caso di mancanza di accordo tra le parti potrebbe adire le vie legali, proprio come è successo nei confronti di Ripple, con una causa che però non sta vedendo SEC uscirne nel migliore dei modi.

Cosa possiamo aspettarci dall’indagine? È davvero il momento di preoccuparsi?

Non ancora, nel senso che in realtà siamo ancora in una fase preliminare. E tutto lascerebbe intendere che in realtà Binance fosse a conoscenza della situazione e fosse già in contatto con SEC e che continuerà ad esserlo. Da questo punto in poi le possibilità sono tre.

  • SEC dismetterà l’indagine

Soddisfatta dalla documentazione fornita da Binance, SEC potrebbe abbandonare l’indagine (non sarebbe la prima volta) e tutto si risolverebbe con un nulla di fatto. È ad oggi secondo diversi analisti l’ipotesi più probabile, l’ipotesi che tra le altre cose è stata già scontata dal mercato, dato che c’è stata una correzione di $BNB importante, ma non tale da far presupporre lo sconto di una futura causa.

  • Accordo monetario

Ovvero l’accettazione da parte di Binance di una multa, pre-causa, che chiuderebbe la questione in modo tombale. Si tratterebbe però qualcosa al quale potremo eventualmente arrivare nel caso in cui dovesse fallire il punto di cui sopra.

  • Causa legale

È l’ultima alternativa ed oggi sicuramente la più remota, anche perché Binance ha fatto intendere tra le righe che in realtà è in stretto contatto con SEC per qualunque tipo di vicenda. Non ce ne vogliano poi gli appassionati di Ripple, ma il peso specifico di Binance anche in termini politici è ben diverso. Cosa che non garantisce un trattamento di favore, ma che piuttosto permette di avere un rapporto alla pari o quasi, andando così a limitare le prepotenze della Commission.

Il prezzo di $BNB aveva già avuto un mini scossone: che qualcuno abbia…

Fatto insider trading? E non stiamo parlando di qualcuno interno a Binance, ma piuttosto di chi sapeva che la notizia sarebbe stata pubblicata dopo poche ore. Certo, è ancora una suggestione per adesso, ma i grafici parlano piuttosto chiaro.

BNB insider trading
Questo il grafico di ieri, prima della notizia. Ore prima BNB aveva battuto in “ritirata” rispetto alle altre top

Certezza al 100% che sia avvenuto quanto sospettiamo? Ancora una volta no, ma è sicuramente un movimento sospetto che, in presenza di notizie così importanti, deve sempre far nascere qualche dubbio in testa ai maggiormente scettici.

Per concludere, riteniamo che con ogni probabilità non avvenga nulla a BNB e che si rimarrà a distanza di sicurezza da quanto in realtà è avvenuto per Ripple, ma è comunque una situazione che dovremo continuare a monitorare.

Le altre indagini

Sempre secondo Bloomberg ci sarebbero anche altri indagini che potrebbero colpire quello che è il primo exchange al mondo per volumi. Indagini probabilmente dovute, dato che SEC vorrebbe vederci chiaro riguardo il modo in cui vengono gestiti gli ordini. Anche qui, almeno per il momento, di preoccupante c’è davvero poco.

Certo è che il tempismo è curioso, tenendo anche conto dell’articolo uscito poco prima su Reuters che accusava Binance di aver riciclato proventi illeciti di hack per oltre 2 miliardi di dollari in passato, prima ovvero di essere diventato un exchange maggiormente attento a questo tipo di attività. Qui la risposta dell’exchange è stata però veemente e avremo modo di parlarne nel corso di altri approfondimenti.

Chiudiamo con un’avvertenza per SEC: siamo sicuri di voler ripetere la farsa che sta andando avanti contro Ripple e che sta facendo emergere dei particolari sicuramente poco edificanti per l’authority con le maggiori responsabilità per quanto riguarda il mondo dei mercati finanziari negli USA.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *