Home / Cardano lancia Vasil in testnet | Sulla mainnet pronti per fine luglio

VASIL TESTNET OK

Cardano lancia Vasil in testnet | Sulla mainnet pronti per fine luglio

Finalmente ci siamo: l’upgrade Vasil del network di Cardano è live sulla Testnet e abbiamo anche una data, per quanto non precisa, per quanto riguarda il lancio sulla mainnet. Si parla infatti di fine luglio – e dunque a poche settimane di distanza – secondo quanto è stato comunicato dal leader Charles Hoskinson, durante uno dei suoi consueti AMA.

Un lascio che è stato un successo e che mette a tacere anche diverse polemiche che, come sempre, circondano tutto quello che viene fatto all’interno di questo ecosistema, tra i più polarizzanti dell’intero universo cripto, nonostante continui comunque a seguire la sua strada e ad offrire un percorso comunque più chiaro di tanti altri progetti.

Possiamo operare su questa notizia investendo con la piattaforma sicura Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA SENZA LIMITI – tramite il quale poter investire anche per “gioco” e per testare le funzionalità di questa piattaforma sui 476+ cripto asset presenti sui suoi listini.

Abbiamo a disposizione anche strumenti quali MetaTrader 4, la piattaforma più utilizzata dai veri professionisti del trading. Abbiamo anche TradingView, che può essere facilmente integrato con il WebTrader interno, dotato anche di intelligenza artificiale e che ci propone la possibilità di investire direttamente dal browser. Con 20€ possiamo passare al conto reale.

Lancio andato a buon fine: Vasil si prepara ad entrare nella mainnet di Cardano

Lancio su testnet di Vasil, il prossimo importante aggiornamento del network Cardano andato a buon fine: è questa la più importante delle notizie che arriva dal mondo delle criptovalute per il weekend, con un aggiornamento che aveva subito qualche rallentamento, benché minimo, data anche la convulsa situazione sui mercati, che sicuramente non ha giocato a favore di un passaggio di consegne tra vecchia e nuova versione nella massima tranquillità possibile.

Il passaggio sulla mainnet entro fine luglio

Tutto è bene quel che finisce bene però, ed è così che è stato aggiunto un nuovo tassello al futuro sviluppo di Cardano, che ora potrà contare entro fine luglio dell’arrivo del nuovo nucleo di funzionalità anche sulla mainnet, in una corsa al recupero del terreno perso in passato rispetto ad altre chain, e anche rispetto ad Ethereum, per la quale Cardano, senza mezzi termini, ha sempre sognato di essere una sorta di condanna a morte.

E con i recenti problemi per Ethereum in relazione al Merge, che continua ad essere rimandato più in avanti, potrebbe essere proprio questo uno dei momenti di svolta per il progetto capeggiato da Charles Hoskinson, che tra qualche settimana potrà fare affidamento proprio su questo nuovo nucleo di funzionalità.

Siamo felici di riportare che oggi alle 20:20 UTC il team di IOG ha effettuato con successo l’hard fork della testnet di Cardano. Questo è un passaggio importante nel percorso verso l’upgrade Vasil sulla mainnet. Invitiamo ora gli sviluppatori e gli exchange a cominciare le loro fasi finali di testint e integrazione.

Cosa c’è in ballo con Vasil?

In realtà molto per Cardano e per $ADA, dato che si avrà una creazione die blocchi più rapida e una maggiore scalabilità, con l’obiettivo di diventare ancora più rilevanti nel mondo delle App Decentralizzate e anche della DeFi, comparti che si sono fatti sempre più affollati e che con ogni probabilità saranno quelli sui quali si giocherà la vera gara tra i diversi protocolli.

Costi più bassi, in aggiunta alla possibilità di comunicare con sidechain alle quali poi si farà riferimento con Basho, ovvero la prossima fase di sviluppo di Cardano e del suo network. Un passaggio pertanto importante e che dovremo seguire, nel caso in cui fossimo investitori presenti e/o futuri su Cardano con il massimo dell’attenzione.

Il tutto mentre il progetto farà enorme fatica a liberarsi dalle polemiche, talvolta trite e ritrite, che lo circondano. Forse non riuscirà ad essere l’Ethereum Killer, ma avrà comunque le carte giuste per giocarsela quantomeno alla pari. Questo a patto che anche i prossimi aggiornamenti, come sta accadendo con Vasil, abbiano successo.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Cari amici bear hunter buongiorno!
    A volte mi piace comparare le altcoin con le case automobilistiche, ce ne sono tantissime e hanno tutte un loro mercato.
    Le alt hanno un evoluzione molto più veloce in termini finanziari, vi ricordate qui in Italia l’Autobianchi?
    E la Innocenti?
    Sparite!
    La lancia non esiste praticamente più, per uscire dal nostro paese cito la Saab, esiste ancora?
    Guardate oggi il gruppo vw, quanti marchi incorpora?
    Chi sa che le alt non finiranno anche loro per accorparsi sotto un unico marchio.
    Poi ci sono le grandi bmw e Mercedes, le utilitarie, renault fiat, la Toyota che credo sia il marchio più venduto al mondo……poi ovviamente le supercar come ferrari lambirghini, ma anche quelle di nicchia come la Pagani o la Bugatti.
    Secondo me le altcoin prenderanno una strada simile.
    E bitcoin?bitcoin ragazzi al confronto è il teletrasporto di star trek……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *