Home / GameStop riparte dal marketplace NFT | 45.000$ di commissioni il primo giorno!

GAMESTOP RIPARTE

GameStop riparte dal marketplace NFT | 45.000$ di commissioni il primo giorno!

Il new deal di GameStop sembra dare i suoi frutti. Dopo essere rinata dalle proprie ceneri in chiave NFT, l’azienda ha finalmente aperto il suo marketplace nella giornata di lunedì. Risultato? Quasi due milioni di dollari in transazioni e circa 45.000 dollari di commissioni incassate. Cifre a dir poco esigue rispetto alla quantità di denaro che circola intorno a progetti del genere, ma che rappresentano un forte segnale di rinascita per un’azienda che fino a poco tempo fa era data per defunta.

Con una buona performance indirettamente anche per Immutable X, che possiamo trovare su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il top dei servizi per il trading – intermediario che nel complesso ci offre 75+ cripto a listino e tutti i migliori strumenti per andare ad investire sul comparto.

Con gli Smart Portfolios abbiamo a disposizione per l’investimento panieri cripto avanzati e già diversificati. Con il CopyTrader invece possiamo investire in asset cripto copiando i migliori in un solo click, oppure andando a spulciare tra i loro portafogli. Con 50$ possiamo poi passare ad un conto reale di trading, quando vorremo e senza impegno.

GameStop pronta a rinascere?

L’operazione GameStop sembra aver imboccato finalmente la strada giusta. Da tempo sul baratro del fallimento a causa della natura ormai obsoleta del progetto originario, il neonato marketplace NFT è risorto dalle sue stesse ceneri grazie a una serie di felici concause. Ricordiamo per chi non è sul pezzo che tempo fa un forum di appassionati ha iniziato a comprare azioni GME fino a determinarne un sostanzioso rialzo.

I ricavi sono stati investiti in un progetto che di fatto ha trasformato l’attività originaria in quello che oggi è un marketplace NFT a tutti gli effetti. Dopo mesi di attese, incertezze e opinioni contrastanti che hanno preso a circolare in ambito gaming, lunedì scorso il mercato ha aperto finalmente i battenti.

GameStop riparte
Un piccolo ma importante passo

Mercato che nelle prime 24 ore ha fatto registrare vendite per quasi 2 milioni di dollari, e un totale di 45.000 euro in commissioni. Gli oltre 50.000 NFT disponibili sulla piattaforma hanno portato in cassa 1.835 Ethereum tra lunedì e martedì.

Dati di modesta portata per un’azienda del genere verrebbe da obiettare, ma è interessante notare come il successo istantaneo rappresenti un segnale che va in controtendenza, rispetto all’andamento ribassista del gaming NFT in questo momento. Una partenza col mini botto che è anche un’iniezione di fiducia.

GameStop riuscirà a risollevarsi grazie al marketplace NFT

Un’affermazione che vuol essere di buon augurio per l’azienda di Grapevine, e non certo una previsione o un consiglio di investimento. Sta di fatto che GameStop torna a prendersi il suo posto nella nostra home con una notizia positiva per l’intero comparto.

Proprio ieri avevamo annunciato l’apertura del neonato marketplace, sottolineando come la riuscita dell’operazione a nostro avviso fosse strettamente legata alla centralità che il gruppo avrebbe riservato al progetto NFT. Esattamente come ieri, siamo ancora in fase di attesa: i risultati si vedranno nel tempo anche perché GameStop si è lanciata in un mercato altamente competitivo.

Mercato al quale l’azienda si affaccia col piglio giusto: le commissioni sulle transazioni sono in linea con quelle dei competitor, e seppur in sordina il guizzo di ieri è da considerarsi in ogni caso un segnale positivo. Segnale peraltro in linea con l’entusiasmo registrato al momento dell’annuncio, con i mercati che hanno immediatamente accordato fiducia a $GME. Quello a cui assistiamo oggi delinea un trend che, ci auguriamo, possa continuare a seguire la stessa direzione.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *