Home / Cardano attacca il sito Coindesk | “Noi per la nostra strada”

CARDANO CONTRO COINDESK

Cardano attacca il sito Coindesk | “Noi per la nostra strada”

Ancora Charles Hoskinson, ancora attacchi a destra e a manca, sebbene questa volta nella volontà di rimarcare lo spirito differente che animerebbe Cardano. Il leader del progetto torna a parlare di quale sia il “mood” del progetto e di quanto sia diverso dal resto del mondo cripto, in uno dei suoi caustici tweet.

Motivo del contendere un sondaggio lanciato da Coindesk che avrebbe avuto la colpa di non aver inserito tra i possibili personaggi più influenti del mondo cripto anche Charles Hoskinson, che pur può contare su una tribù di appassionati tra le più “rumorose” dell’intero spazio cripto.

E se i segnali social dovessero confermarsi come precursori del valore di mercato, potrebbe essere un buon momento per valutare anche l’ingresso su $ADA, una criptovaluta che troviamo anche all’interno di eToroche proprio su Cardano offre anche lo staking in automatico di quanto acquistiamo – intermediario che oltre allo staking automatico ha anche il pregio di offrire strumenti unici tanto per l’analisi quanto invece per l’operatività.

Leader del fintech applicato anche sul mercato cripto, eToro offre strumenti per il trading automatico come il CopyTrader, che permette di investire copiando i trader che ottengono i più alti ritorni e anche di spiarli. Sempre con questo intermediario abbiamo accesso al mondo degli investimenti su paniere in stile ETF, anche a tema cripto, con gli Smart Portfolios. Opportunità aperte a tutte anche con un investimento minimo di 50$.

Charles Hoskinson ha dei problemi con Coindesk, e ne approfitta per…

…ribadire ancora una volta la sua sostanziale differenza rispetto alla massa del mondo cripto, indicando Cardano come progetto che principalmente si occupa di cose serie e non del rumore che anche riviste specializzate come Coindesk contribuiscono a creare. Motivo del contendere è un tweet di un appassionato di $ADA, che contesta sempre a Coindesk di non aver inserito in un sondaggio Charles Hoskinson stesso come possibile top personaggio dello spazio cripto.

Cardano nervosismo
Nervosismo nel mondo cripto

Una lista che ha incluso personaggi come Do Kwon, ma anche come Matt Damon (per la pubblicità di Crypto.com), Kim Kardashian (per aver shillato un noto progetto “truffaldino”), Mark Zuckerberg per il suo impegno con Meta per i metaverse e anche Vitalik Buterin di Ethereum.

Una lista per forza di cose ristretta e che ha inserito diversi personaggi decisamente invisi alle community che ruotano intorno al mondo cripto, e che per i fan di Cardano avrebbe avuto la colpa aggiuntiva di aver escluso Charles Hoskinson, che nella community relativa gode di uno status simile a quello delle divinità.

C’è qualcuno che vuole spiegare a questo ragazzo i nostri trascorsi con Coindesk? Se avessimo vinto quel sondaggio “vanity”, ne avrebbero dibattuto per i prossimi 5 anni. Ignorate il rumore. Noi creiamo la nostra strada.

Un commento puntuto, che attacca una delle pubblicazioni più importanti dello spazio cripto, verso la quale è maturato già del risentimento per trascorsi importanti e per idee non sempre allineate con quelle di Cardano e della sua community.

I personaggi più influenti: un sondaggio “burla” che farà discutere?

Probabilmente no, perché è un bear market che è stato molto duro anche verso le principali pubblicazioni del settore a spingere verso questo tipo di contenuti. Contenuti che lasciano il tempo che trovano e che non dicono nulla sul futuro dei progetti – e che devono essere fatti rientrare a pieno titolo entro quelle sezioni di costume che pur aggiungono un po’ di sale al mondo delle criptovalute.

Certo è che a muovere i progetti e il loro eventuale successo saranno altri tipi di vicende, con il nostro invito che è poi un po’ quello di Charles Hoskinson a non dare troppo peso a questo tipo di iniziative, fatte più per le interazioni che per altro.

Il bear market è duro, e siamo i primi a riconoscerlo, ma dovrebbe essere il momento giusto per darsi una contata, far affidamento ancora di più sulle proprie forze e mettere in campo i veri valori che possono fare la differenza per un progetto. Soltanto così si potrà pensare di uscirne e di vedere il proprio progetto conquistare nuove quote di mercato. Quote di mercato che faranno la differenza una volta che si sarà tornati ad un ambiente più solido anche in termini di potenziale di crescita finanziaria.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *