Home / Nuova serie NFT per Lamborghini | Auto di lusso su Palm chain

LAMBORGHINI NFT

Nuova serie NFT per Lamborghini | Auto di lusso su Palm chain

The Epic Road Trip giunge all’atteso appuntamento di ottobre con il drop che scatenerà l’atteso assalto degli appassionati dal 24 al 27 ottobre prossimi. La collezione NFT con cui Lamborghini celebra su chain il suo spirito innovativo giunge così al terzo appuntamento con, come di consueto, 4 raccolte di Non Fungible Token.

Collezionabili di lusso divisi per rarità e rilasciati seguendo un meccanismo articolato, a ricordare la complessità dei progetti che hanno reso celebre la casa di Sant’Agata bolognese dal 1963, anno della sua fondazione, ad oggi. La cifra corrisponde anche al prezzo del token più costoso che verrà rilasciato ad ogni drop. Una cabala che con ricorrente puntualità si ripete ormai da tre mesi, e che si concluderà in grande stile a marzo 2023.

Un buon momento per il mondo dei NFT – con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con intelligenza artificiale e strumenti top di investimento – un intermediario che ci permette di investire su 78+ cripto asset, tutti scelti tra i più solidi anche in relazione alle infrastrutture per NFT.

Sempre tramite questo intermediario abbiamo la possibilità di copiare i più bravi con il CopyTrader, sistema che ci permette anche di spiare ogni loro investimento e strategia. Così come abbiamo anche panieri con più cripto al loro interno grazie agli Smart Portfolios.

Lamborghini: nuova serie di NFT

A volerci stare dietro diventa una roba da ricchi. E non poteva essere altrimenti, dato che la collezione NFT a firma Lamborghini è stata voluta per celebrare il marchio che dal 1963 continua a stupirci con le sue opere d’arte su ruote.

Per chi non lo sapesse, The Epic Road Trip ha preso il via lo scorso agosto e proseguirà fino a marzo 2023, quando verranno rilasciati gli ultimi Non Fungible Token della collezione. Siamo sul pezzo sin dal suo esordio: con quello di oggi siamo al terzo drop, e relativo aggiornamento da parte nostra.

Come di consueto verranno rilasciati 1.963 collezionabili digitali in quattro giorni, dal 24 al 27 di questo mese. I token sono divisi per rarità: nei primi tre giorni Lamborghini presenterà i più comuni, che saranno venduti al costo di 196,30 dollari ciascuno. Il 27 ottobre sarà la volta del quarto set, con il prezzo dei token che sale a 1.963 dollari. I facoltosi appassionati hanno 24 ore di tempo per accaparrarsi i collezionabili di ciascuna uscita. Chi riuscirà a completare la collezione riceverà un’immagine digitale extra, che fa parte di un puzzle di 8 pezzi. Acquistare due serie complete darà diritto a un disegno originale di Mitja Borkert, Head of Design di Lamborghini.

Moltiplicato per tutti i drop in programma fanno un sacco di soldi, ma per chi se lo può permettere probabilmente ne varrà la pena: chi riuscirà a mettere le mani su tutte le uscite potrà completare il puzzle, e soprattutto potrà guidare nel metaverse una Lamborghini virtuale.

Piccola nota tecnica: i NFT saranno emessi su Palm, una sidechain Ethereum che permette di avere costi più bassi di transazione e maggiore attenzione alle emissioni, una rete completamente concentrata sull’emissione di NFT e che ha già avuto delle ottime collaborazioni anche con DC e diversi musei in tutto il mondo.

Costi importanti, in linea con il marchio?

Magari gli appassionati di auto storceranno il naso: la collezione completa arriverà a costare una bella cifra, il tutto per guidare una Lamborghini virtuale, nel metaverse. Probabilmente però gli irriducibili saranno già clienti della casa di Sant’Agata bolognese, e in garage hanno già una Lambo vera. Una (per loro) piccola sfoltita al wallet personale non rappresenterà di certo un problema.

Drop Lamborghini analisi
Nuovo drop per Lamborghini

E non lo sarà neanche per gli appassionati di Bitcoin e criptovalute che non hanno la fortuna di poter partecipare all’asta, perché l’iniziativa merita la nostra attenzione a prescindere dalle possibilità economiche dei singoli.

Un motivo in particolare suscita ammirazione: assistiamo a un’eccellenza del Made in Italy guidare le fila dell’innovazione tecnologica di fronte ai concorrenti di sempre, che di certo non stanno a guardare, ma che allo stato attuale non hanno dimostrato altrettanta intraprendenza in ambito Web3.

Un piccola soddisfazione per gli appassionati di blockchain e motori, che possono di tanto in tanto celebrare l’italico genio sull’altare dell’innovazione tecnologica. E chissà, magari anche Enzo Ferrari, il primo rivale di Ferruccio Lamborghini, ne sarebbe fiero.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *