Home / Gary Wang e Caroline Ellison collaborano con SEC | FTX sotto…

SEC vs FTX

Gary Wang e Caroline Ellison collaborano con SEC | FTX sotto…

La Securities and Exchange Commission ha rilasciato un comunicato stampa nel quale discute le accuse mosse verso Caroline Ellison e Gary Wang, rispettivamente ex-CEO di Alameda Research e di FTX. L’accusa principale è di aver gestito un’organizzazione allo scopo di defraudare i clienti su più anni, con indagini su altri tipi di accuse che sarebbero attualmente in corso.

Le accuse sono molto gravi e faranno da precedente anche per altri casi che potrebbero colpire organizzazioni simili, sia nell’organizzazione interna, sia invece nella gestione del token relativo all’exchange, $FTT, che per funzionamento è in realtà simile a quanto offerto da altri exchange.

La notizia positiva è che l’intero mercato cripto sembrerebbe aver già assorbito il colpo delle possibili evoluzioni che riguardano FTX. Possiamo investire su questo mercato con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e privo di limiti – per un intermediario regolarmente registrato che offre 78+ crypto asset e strumenti avanzati per fare trading.

All’interno di quanto viene offerto da eToro troviamo strumenti per il trading automatico come il CopyTrader, sistema di copia dei più bravi in un solo click. Chi preferisce fare da solo può utilizzare il WebTrader, che offre strumenti di analisi tecnica e gestione degli ordini. 50$ di investimento minimo sono sufficienti per passare al conto reale.

SEC formula le sue accuse verso Caroline Ellison e Gary Wang

Le indagini e le accuse relative al crollo di FTX si allargano e arrivano a colpire personaggi centrali nella gestione dell’exchange. Sul banco degli imputati sono finiti anche Gary Wang, ex CEO di FTX e Caroline Ellison, ex CEO di Alameda.

Tra il 2019 e il 2022 Ellison, sotto la guida di Bankman-Fried, ha portato avanti il sistema tramite la manipolazione del prezzo di FTT, un token security emesso dall’exchange cripto, acquistandone grandi quantità direttamente a mercato per aumentarne il prezzo. FTT è stato poi utilizzato come collaterale per prestiti mai resi pubblici degli asset di FTX a Alameda, un fondo hedge di proprietà di Wang e SBF e gestito da Ellison. Secondo le accuse di SEC, manipolando il prezzo di FTT, SBF e Ellison hanno gonfiato la valutazione delle riserve di FTT detenute da Alameda, che ha gonfiato il bilancio dei collaterali di Alameda e ha ingannato gli investitori sull’esposizione al rischio di FTX.

Accuse piuttosto precise di comportamenti apertamente fraudolenti, con l’utilizzo della classificazione di security token che farà sicuramente discutere. Attribuendogli infatti la categoria di security, SEC obbliga anche se ex-post il gestore e l’emittente a determinate procedure e controlli che altrimenti non sarebbero dovuti nel caso di una cripto pura.

In aggiunta l’accusa afferma che, almeno dal maggio 2019 fino al novembre 2022, Bankman-Fried ha ottenuto miliardi di dollari in finanziamenti dagli investitori dichiarando falsamente FTX come piattaforma per il trading cripto sicura e con gestione del rischio sofisticata per proteggere gli asset dei clienti e che Alameda era trattata come un qualunque cliente senza alcun tipo di privelgio. Nel frattempo Bankman-Fried e Wang hanno trasferito in modo improprio gli asset di FTX a Alameda. Secondo le nostre accuse Ellison e Wang sapevano o avrebbero dovuto sapere che tali affermazioni erano false e fuorvianti.

L’accusa nei confronti di wang e Ellison è dunque non solo quella di aver avuto un comportamento attivo, ma anche di aver partecipato, omettendo certe informazioni, ai comportamenti truffaldini nei confronti degli investitori.

Ellison Wang analisi collaborazione SEC
Ellison e Wang starebbero collaborando

Ellison e Wang stanno collaborando

L’altra informazione interessante per chi sta seguendo la causa legale che vedrà impegnati i quadri di FTX è che almeno Ellison e Wang starebbero collaborando con le indagini di SEC.

Ellison e Wang stanno cooperando con le indagini di SEC, che sono condotte da Devlin N. Su […]

Cosa che sarebbe già valsa un trattamento più morbido per i due, che secondo indiscrezioni circolate poche ore fa avrebbero ottenuto anche la possibilità di uscita su cauzione fissata a 250.000$.

Nel frattempo Gary Gensler, capo di SEC, ne approfitta per lanciare bordate verso il settore tutto.

Fino a quando le piattaforme cripto non seguiranno le leggi sui titoli finanziari che abbiamo testato nel tempo, saranno presenti notevoli rischi per gli investitori. Rimane una priorità di SEC utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per rendere l’industria in linea con suddette regole.

Affermazione che in molti, in particolare tra coloro i quali hanno seguito da vicino l’ambito regolamentare USA negli ultimi tempi, troveranno forse fuori luogo. La causa contro Ripple continua a generare veleni, così come qualcuno fa notare che in realtà exchange come Coinbase avevano cercato il contatto con SEC ricevendo un niet forte e chiaro dall’agenzia. Tutto questo mentre Gary Gensler avrebbe invece ricevuto più volte proprio Sam Bankman-Fried.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

2 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

vediamo se il buon Gary ne riesce ad uscire senza un graffio o questa volta ci lascia le penne. Vedeva Sam? Ahi ahi. Non è riuscito a impedire la frode FTX, nonostante tutti i suoi poteri? Ahi ahi ahi. Se non avesse avuto contatti con Sam ancora ancora poteva sostenere la posizione “visto? dovete darmi più poteri, non ne avevo abbastanza!” ma avendolo visto in molti sentiranno puzza di collusione… “lo vedeva, quindi sapeva, ma non ha fatto nulla… magari prendeva soldi da lui? o magari l’ha solo lasciato fare perchè voleva che facesse danni? anzi magari lo dirigeva proprio lui?” e questo in America NON è un bene 🙂

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Gary, Gary, Gary.
Visto a metterti dalla parte sbagliata cosa succede?
Ma noi siamo i buoni, puoi sempre redimerti e decidere di abbandonare il lato oscuro e venire da noi, In Ginocchio.
In fondo sei un buon conoscitore del mondo cripto, qualcosa da farti fare te lo troviamo…….
Va beh sempre che non danno anche a te 115 anni di carcere, va beh al massimo puoi fare smart working dal carcere, poi vediamo un accordo si trova sempre tra persone ragionevoli.