Home / Cosa sta succedendo alle crypto? | ATTENZIONE in queste ore

LUNC SOL CAPORETTO ALCTOIN

Cosa sta succedendo alle crypto? | ATTENZIONE in queste ore

Nel 2022 ci siamo forse abituati a perdite più importanti parlando di crolli. Quanto è avvenuto nelle ultime 24 ore nel settore degli altcoin, almeno in una fase di mercato con una parvenza di normalità, si sarebbe però guadagnata a pieno diritto questa classificazione.

Ed è profondo rosso a partire da Terra Luna Classic, che pur aveva avuto una corsa importante proprio qualche giorno fa, per scendere poi su diversi token che a diversi livelli sono stati legati al mondo di Alameda e di FTX.

Una situazione di mercato di difficile lettura, ma che potrebbe essere la pacchia per chi vuole fare trading speculativo, partendo sempre però dai rischi che un mercato di questo tipo contiene. Possiamo investire con Capital.com*vai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con INTELLIGENZA ARTIFICIALE INCLUSA – per un intermediario che permette di fare trading su 476+ cripto asset, anche tra quelli meno capitalizzati.

Sempre con Capital.com abbiamo accesso a strumenti e piattaforme professionali come MetaTrader 4 e TradingView, e tramite il WebTrader possiamo invece investire con l’aiuto dell’intelligenza artificiale. Bastano 20€ di investimento minimo per passare poi ad un conto reale.

Crollo nel settore altcoin: cosa sta succedendo al mondo cripto?

Dopo qualche giorno di calma piatta durante il Natale, diversi tra i principali altcoin stanno perdendo in doppia cifra o quasi. A guidare i ribassi troviamo Terra Luna Classic, che sconta una settimana altrimenti molto positiva, che segna il +20% nell’arco di 7 giorni. Ad essere puniti sono poi anche Toncoin, legato a Telegram e oggetto anch’esso la scorsa settimana di una corsa importante.

Profondo rosso cripto analisi
Si chiude l’anno con un profondo rosso: pesano diverse situazioni

Sempre ai piani alti dei peggiori abbiamo anche Solana, che ha perso anche il livello dei 10$, e Aptos, con qualcuno che avanza l’ipotesi di un dump da parte dei wallet di Alameda che sta avvenendo da questa mattina.

Dall’altro lato della barricata tiene invece Bitcoin, insieme a grandi classici come Tron e ICP, Monero e Compound, evidentemente non preoccupati da questa fine di anno non esattamente al top.

Ma cosa sta succedendo? In realtà i book degli ordini e i volumi sono così bassi che bastano poche vendite o pochi acquisti per invertire completamente la rotta. Certo non aiutano gli outlook sempre peggiori sull’economia a livello mondiale, così come non aiutano diverse situazioni a livello internazionale che sembrano essere lontane da ogni tipo di possibile soluzione.

Per altri invece siamo davanti ad un drop momentaneo con la ricerca di *nuovi bottom momentanei che potrebbero funzionare anche come punto di ripartenza verso un mini-rally di fine anno. Sta di fatto che muoversi in queste condizioni vuol dire navigare a vista, con l’analisi tecnica – che potrete trovare anche sulle pagine di Criptovaluta.it – che indica come muoversi con maggiore sicurezza, mentre le analisi macro lasciano, in un periodo di feste anche per le banche centrali, il tempo che trovano.

Per chi vuole accumulare

In molti ad ogni dip provano ad accumulare, aggiungendo posizioni talvolta su token di buona qualità che stanno vivendo un momento di grande stress. Tutti i principali possono essere trovati anche su Krakenvai qui per ottenere un conto gratuito – intermediario che offre ottimi livelli di sicurezza e il meglio degli strumenti per chi vuole acquistare per poi portarsi i token sul proprio wallet.

Permangono però tutte le avvertenze del caso: il momento è quello che è e i rischi sono forse anche amplificati rispetto alle normali condizioni di mercato del mondo cripto. Si può acquistare, ma con criterio.

Il bear market non è periodo giusto per le avventure

Gli orsi – metaforici e non – sono quanto non vogliamo incontrare mentre ci avventuriamo per territori inesplorati. Questo vale anche per il trading sulle cripto e per ogni tipo di investimento anche di lungo periodo.

Gli effetti del default di FTX e del contagio che ne è conseguito non si sono ancora esauriti – e la tensione rimane alle stelle. I più avveduti, quelli che sono sopravvissuti anche al bear market del 2018, consiglieranno di guardare ai token e ai coin più stabili per chi vuole sfruttare questo momento per aumentare le proprie posizioni. Per quanto si possano nascondere delle gemme tra le macerie, forse non è questo il momento giusto per avventurarsi.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

2 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Questa degli orsi mi è piaciuta.
Non è bello trovarsi in un luogo dove si ha la sensazione di non essere in cima alla catena alimentare, ci vuole esperienza nel muoversi e nell’orientarsi, ma se si esce vivi dalla situazione avremo fatto una grande esperienza.
Occhio che gli orsi hanno un fiuto eccezionale, fiutano la preda a km di distanza.

Luigi Pesci
Admin
Luigi Pesci
1 mese fa
Reply to  Giorgio

Lasciatemelo dire… siete spesso davvero tremendi. 🙂